venerdì 29 luglio 2016

Continua la battaglia di Aleppo! Le truppe di Assad ora puntano a Kafr Hamra!


Dopo la completa conquista di Bani Zaid e di Ashrafiyeh le forze militari siriane, lungi dall'accontentarsi dei loro notevoli successi, stanno raggruppandosi e rafforzandosi in previsione del prossimo importante passo nella completa liberazione di Aleppo e del suo hinterland dalla presenza dei terroristi takfiri di vari gruppi come Al Nusra, Ahrar Sham, Nour al-Din al-Zinki e altri consimili.


Questo sarà costituito dalla conquista dell'area di Kafr Hamra, importante zona-satellite di Aleppo che adesso si trova dominata dalle posizioni siriane più elevate conquistate in questi ultimi giorni; non solo, ma avendo i terroristi perso moltissimi dei loro lanciarazzi e mortai improvvisati nella caduta di Bani Zaid non avranno nemmeno la potenza di fuoco adeguata per tentare una difesa coerente.

Speriamo che l'offensiva possa iniziare quanto prima e che sia coronata da successo come quelle che l'hanno immediatamente preceduta.

18 commenti:

  1. Instancabili e indomite forze combattenti, onore e gloria all'esercito siriano!!!!

    RispondiElimina
  2. Continuare cosi questo e' il momento di insistere nessuna tregua ai rodents!

    RispondiElimina
  3. li dentro deve essere come un uovo di Pasqua, con la sorpresa dentro, il presidente Assad ha chiesto di aprire dei corridoi umanitari per evacuare la popolazione civile, l'onu si è subito proposta di gestirli, che strano, forse non vogliono che si vedano corpi estranei. Pietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse e' un compito piu' adatto ai volontari della Mezzaluna Rossa,perche' non e' stato fatto?Chi e' stato incaricato dai siriani?La dizione che l'Onu
      si e' offerto non mi e'chiara: l'Onu non fa' queste operazioni senza votazioni e poi demanda l'opera in accordo ai locali!Non e' una operazione di semplice realizzazione!
      Mi sa di bla bla giornalistico!

      Elimina
    2. E' il bla bla del mistura o demistura o mestatore, uno dei tanti senza vergogna.

      Elimina
  4. Tutti i giorni prego per il Presidente Bashar al-Assd il suo popolo, Hezbollah, i soldati Russi e la sua lungimirante guida e per tutto il popolo ancora meritevole Europeo, con la speranza che si svegli al più presto. Viva la Resistenza Viva la Syria.

    RispondiElimina
  5. Comandante Che Guevara29 luglio 2016 17:10

    Io non prego, ma sostengo chiunque ed in qualunque parte del mondo combatte per la Liberta', per la Giustizia e per gli Ideali..Come colui che e' morto per questo....Hasta Siempre Comandante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche guevara ha i suoi schelerei.

      Elimina
    2. Ma vai a c@@@re, tu e lui!

      Elimina
  6. Daiiiii... sfondategli il c*@o!!! Aiutateli a ragiungere per sempre le 666 verginelle!!!

    RispondiElimina
  7. concordo con tè COMANDANTE CHE GUEVARA,L'ESEMPIO DEL CHE è INDISSOLUBILE E LO PORTERò PER SEMPRE CON Mè.ERNESTO NEL CUORE E NELLA MENTE ,ERNESTO NON è MORTO IL SUO SPIRITO è IMMORTALE.
    maurizio zanello

    RispondiElimina
  8. Io rispetto tutti i combattenti per la libertà e la rodjna ma nel mio cuore occupa un posto enorme il Piccolo Padre.
    Ivan

    RispondiElimina
  9. Purtroppo questi massacri e queste carneficine non sono nuove nella storia dell'Europa ed ora del Medio-oriente. Finche' i Rothschild saranno i padroni di mezzo mondo, l'altra meta' sara' in serissimo rischo.
    La vipera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il soldo ha sempre comandato e messo in pericolo il mondo, il guaio e' che se una volta gli serviva molta manodopera (mettendo a rischio meta' mondo) oggi non hanno piu' questa necessita'. A rischio e' ben piu' della meta', il surplus e' piu' sui 3/4 della popolazione. Basta dire che una volta gli schiavi gli toccava andare a cercarli e prenderli in tutto il mondo, spendendo un capitale, ora arrivano da soli a destinazione e pagano pure.

      Elimina
  10. Come uno statista il Dott Assad sà che dovrà fare i conti con i compaesani che hanno imbracciato le armi, infatti ci sono proposte per la resa e rinuncia alla lotta armata in cambio di una amnistia, nonostante l'esempio di Homs. Per gli stranieri che non vogliono arrendersi proporrei la soluzione "Pappa per cani"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, poveri cani: quella è m@@da...

      Elimina