domenica 18 agosto 2019

Le esportazioni di energia elettrica iraniana toccano livelli mai visti!

L'emersione dell'Iran come superpotenza energetica é un fatto ormai compiuto.

Il Ministro iraniano dell'Energia afferma che le esportazioni di energia verso i vicini hanno raggiunto un nuovo record mentre la crescita della generazione annuale raggiunge il massimo storico.

Mohammad Ardakanian ha dichiarato sabato che l'Iran ha esportato un totale di 2,3 miliardi di chilowattora di elettricità nei paesi vicini nel periodo tra il 22 maggio e l'11 agosto, aggiungendo che il volume delle esportazioni nel periodo di quasi tre mesi è stato il più alto registrato in anni recenti.

La petroliera iraniana ADRIAN DARYA é libera! Sventato il tentativo USA di bloccarla ancora!


La petroliera iraniana, precedentemente chiamata Grace 1, sta lasciando Gibilterra, dopo un mese di detenzione illegale da parte del Regno Unito.

Commentando la questione, il ministro degli Esteri spagnolo Josep Borrell ha affermato che la nave è stata arrestata su richiesta degli Stati Uniti, che da tempo cercano di ridurre le esportazioni di petrolio iraniano, ha scritto il sito web Sputnik.

In seguito il Governo di Gibilterra confermò che Washington aveva fatto una richiesta dell'ultimo minuto per fermare il rilascio della nave iraniana sequestrata su una serie di accuse, ma senza successo.

sabato 17 agosto 2019

Il Capo di Stato Maggiore iraniano fa il punto sulle nuove produzioni aeronautiche nazionali!


Il capo di stato maggiore delle forze armate iraniane, il maggiore generale Mohammad Bagheri, ha annunciato che gli esperti del paese sono a pochi passi dalla produzione di motori per aerei ed elicotteri all'avanguardia.
"Oggi l'Iran sta entrando nel campo della produzione di motori per aerei ed elicotteri all'avanguardia e con l'aiuto di Dio, siamo sul punto di raggiungere la piena autosufficienza nel (produrre) questi preziosi sistemi", il generale Baqeri ha detto a Teheran sabato.

venerdì 16 agosto 2019

La petroliera 'Grace 1' diventerà "Adrian Darya" e isserà la bandiera iraniana prima di riprendere il mare!

In una evidente dichiarazione di vittoria, la superpetroliera "Grace 1" cambierà la bandiera panamense con quella iraniana e assumerà ufficialmente il nome di "Adrian Darya" prima di riprendere la navigazione.

La nave é stata rilasciata da Gibilterra, dove era stata sequestrata con un atto di vera e propria pirateria internazionale agli inizi di luglio.

giovedì 15 agosto 2019

Vittoria iraniana! La petroliera "Grace 1" é libera, mentre la 'Stena Impero' é ancora bloccata!


La petroliera Grace 1 è stata rilasciata dalla detenzione dalle autorità di Gibilterra giovedì, respingendo una richiesta di Washington di trasferire la nave sequestrata nella giurisdizione degli Stati Uniti sulla base di un accordo di mutua assistenza legale tra le due parti.
All'inizio di luglio, i marines britannici e la polizia di Gibilterra hanno sequestrato la petroliera iraniana al largo della costa meridionale della penisola iberica, sostenendo che la nave trasportava petrolio greggio in Siria "in violazione" delle sanzioni dell'UE imposte a Damasco. Washington aveva applaudito alla mossa, salutandola come un segno che l'Europa è d'accordo con le sanzioni unilaterali statunitensi contro Teheran.

Bambino libanese di otto anni dilaniato da una vigliacca bomba sionista lanciata nella guerra del 2006!


Una bomba rimasta dalla guerra sionista del luglio-agosto 2006 contro il movimento sciita di Resistenza Hezbollah è esplosa mercoledì, uccidendo un bambino nel Sud del Libano, secondo quanto riferito dalla National News Agency.

Ali Abbas Maatouk, di otto anni, è stato martirizzato e un altro bambino è stato ferito quando la bomba a grappolo ha fatto esplodere mentre giocavano nel villaggio di Toul, a Nabatieh.

La giovane vittima è stata condotta all'ospedale Sheikh Ragheb Harb di Toul, dove é stato accertato il suo decesso poco dopo l'arrivo, Hasan Bourgi, un medico del pronto soccorso, ha detto al Daily Star.

mercoledì 14 agosto 2019

Il Generale Salami dichiara che Hezbollah può battere Tel Aviv senza bisogno di aiuto esterno!


Il maggiore generale Hossein Salami, comandante della Guardia Rivoluzionaria iraniana, ha sottolineato con enfasi e in maniera approfondita ed articolata l'ormai pienamente raggiunta capacità del gruppo di resistenza libanese Hezbollah di sconfiggere e distruggere il regime sionista in ogni possibile guerra usando i suoi soli potenziali e senza bisogno di assistenza straniera.

"Loro (gli Stati Uniti e i suoi alleati) intendevano minare l'influenza regionale dell'Iran, ma tutti hanno assistito al modo in cui questa politica ha fallito per aumentare l'influenza dell'Iran e si è formato un fronte unito contro il regime sionista e Hezbollah libanese ha ora sviluppato una tale estensione di potere attraverso l'esperienza dello scontro contro le guerre per procura che ora è in grado di spazzare via il regime sionista da qualsiasi possibile guerra ", ha detto il generale Salami, rivolgendosi a una cerimonia nella città nord-occidentale di Urumiyeh mercoledì.

Ha anche fatto riferimento alla formazione di forze di resistenza popolari in Iraq e Yemen, ha dichiarato: "Le forze popolari in Yemen hanno sconfitto il potente sistema militare americano, che è indicativo della politica sbagliata dei nemici nei confronti dell'Iran".

Khamenei ha ricevuto a Teheran l'inviato di Ansarullah Mohamed Abdul Salam!


Il leader supremo della rivoluzione islamica, Ayatollah Seyed Ali Khamenei ha denunciato i paesi occidentali per aver chiuso gli occhi sui crimini contro il popolo yemenita e ha affermato che gli sviluppi nel paese devastato dalla guerra stanno indicando la falsità delle affermazioni sui diritti umani fatte da Washington e dai suoi alleati occidentali .

Parlando martedì ad una riunione a Teheran con una delegazione in visita del movimento Ansarullah dello Yemen, guidata dal suo portavoce Mohammed Abdul Salam, l'Ayatollah Khamenei ha criticato l'indifferenza occidentale nei confronti dei crimini commessi nello Yemen, affermando che gli sviluppi che si stanno verificando nel paese arabo hanno rivelato vera natura di coloro che affermano di essere sostenitori dei diritti umani negli Stati Uniti e in Occidente.