lunedì 25 maggio 2015

Scatta una trappola mortale per l'ISIS davanti all'Aeroporto cittadino di Deir Ezzour! Oltre cento terroristi eliminati!

Nella giornata di ieri i tagliagole dell'ISIS hanno tentato di lanciare un nuovo assalto contro l'aeroporto cittadino di Deir Ezzour, nel disperato tentativo di ribaltare la recente striscia di sconfitte patite nell'importante capoluogo provinciale siriano.

Purtroppo per loro l'intelligence militare siriana era perfettamente al corrente dei loro piani, allertata sia dalle ricognizioni di droni, sia dai rapporti inviati da cittadini locali che avevano notato movimenti e concentrazione di combattenti, armi e munizioni in località chiave oltre la fascia di rispetto circostante l'aerostazione.

Una volta evacuato l'Ospedale di Jisr al-Shoughour l'Esercito Siriano ha avuto libertà di massacrare 300 terroristi wahabiti!

Dopo che abbiamo pubblicato la fausta notizia della liberazione dei difensori dell'Ospedale di Jisr al-Shoughour il solito molesto disturbatore che tenta di apparire uno e plurimo postando i suoi melensi commenti sia col suo account sia in maniera 'anonima' (come se noi non potessimo controllare gli IP da cui arrivano! ;) ha cercato di inferire che tale manovra sarebbe stata una debacle per l'Esercito Siriano perché: "Eh, non hanno 'riconquistato' l'Ospedale".

A parte che, dopo un mese di assedio, nell'Ospedale non c'era niente da 'riconquistare' se non qualche moncone di muro sbrecciato, infatti i pazienti che sono stati evacuati sono stati tutti subito trasferiti d'urgenza agli ospedali e alle cliniche di Latakia, dove comunque avrebbero dovuto essere portati anche se dalla segheria fossero state le truppe siriane ad avanzare per collegarsi alla struttura assediata.

Le forze yemenite stanno usando razzi russi 'Luna-M' per bombardare le posizioni saudite!

Siamo in grado di confermare che nel corso dei recenti bombardamenti condotti da combattenti Houthi e unità dell'Esercito Yemenita dichiaratesi per la Rivoluzione contro caserme e basi militari saudite a Nord del confine, oltre a mortai, obici e lanciarazzi multipli siano stati impiegati anche razzi da battaglia di produzione russa modello 'Luna-M' (FROG-7).

La notizia ha due importanti implicazioni:

a) due mesi di bestiale campagna aerea condotta da Casa Saoud e dalla sua coalizione di miserabili lacché contro il più piccolo e il più povero dei paesi del Mondo Arabo non é riuscita nemmeno a degradare significativamente le capacità militari yemenite, visto che un razzo da battaglia come il Luna é comunque un equipaggiamento complesso e delicato da operare.

b) la guerra contro l'Arabia Saudita é ormai sentita come guerra di tutto lo Yemen contro un nemico esterno, visto che le brigate missilistiche dell'Esercito, costituite sotto il regime del vecchio dittatore Ali Abdullah Saleh non erano certo reclutate all'interno della minoranza sciita, anzi, erano costituite da ufficiali e tecnici tra i più fedeli all'uomo forte di Sanaa. Purtuttavia ora esse cooperano con gli Houthi e colpiscono obiettivi sauditi.

Bambina e anziana palestinesi ridotte in fin di vita dal gas tossico venduto da Obama a Netanyahu!

Da Al-Khalil, nella Cisgiordania sottoposta a invasione militare sionista, arriva la notizia che dozzine e dozzine di cvili innocenti sono stati investiti da una spessa cortina di gas tossico di fabbricazione americana (il famigerato 'CS', di cui abbiamo più volte fatto menzione su queste pagine) nel corso di un attacco della soldataglia sionista, incaricata da Tel Aviv di tenere nel terrore la popolazione palestinese della West Bank.

Come al solito gli aguzzini a Sei Punte sono stati istruiti di sparare le granate di gas ad 'alzo zero' in maniera che arrivando tra la folla inerme esse sviluppassero una fitta e letale nuvola concentratissima di aggressivo chimico; normalmente i candelotti dovrebbero essere lanciati in alte parabole sopra la folla in modo che rilascino un sottile velo di gas urticante che la forzi a disperdersi.

domenica 24 maggio 2015

Le truppe di Assad cacciano l'ISIS da Tal Baroud e da Mafrak! Le comunicazioni tra Raqqa e Ninive sono in mano ai Siriani!

Le truppe dell'Esercito Siriano, i miliziani dei Comitati Popolari NDF e i volontari delle Brigate Baath sono riusciti, cooperando al meglio, a scacciare i terroristi dell'ISIS dalla cima di Tal Baroud e dal centro dell'abitato di Mafrak (di cui la zona industriale era già stata conquistata settimane orsono) nella Provincia Nordorientale di Hasakah.

Almeno una quarantina di terroristi takfiri sono rimasti uccisi nei combattimenti che hanno portato alle avanzate delle forze siriane. La situazione in Provincia di Hasakah si fa sempre più difficile per i takfiri che ormai controllano saldamente solo un ultimo centro abitato di qualche importanza: quello di Al-Shadadi.

Anche la seconda cima più alta del Qalamoun cade in mano agli uomini di Hezbollah e dell'Esercito Siriano!

Proseguendo nella loro irresistibile avanzata le forze della Resistenza libanese di Hezbollah e le truppe della Prima Divisione Corazzata dell'Esercito siriano hanno demolito la resistenza dei terroristi wahabiti del Fronte Al-Nusra anche a Tal Sadra al-Bustan, seconda cima del massiccio del Qalamoun dopo Tal al-Moussa, già conquistata nei giorni scorsi. Nel corso dei combattimenti per la conquista della cima almeno 37 militanti terroristi e diversi veicoli a motore sono stati distrutti dalle forze filosiriane.

Oramai le posizioni di Al-Nusra sono state tutte conquistate e la presenza dei terroristi filosauditi ridotta a poche decine di uomini, isolati e senza rifornimenti.

Rimangono, più a Nord lungo il confine col Libano, basi e ridotti dell'ISIS, ma per un'azione decisiva contro queste ultime sarebbe necessario l'intervento contemporaneo delle forze armate libanesi schierate intorno all'area di Arsal.