venerdì 22 settembre 2017

Ecco il primo aggiornamento dall'offensiva irakena per la liberazione di Hawijah!

Questa mappa che possiamo mostrare in completa esclusiva per l'Italia conferma la dedizione con cui PALAESTINA FELIX è sempre lieto di scovare fonti di informazione chiara e comprensibile per dettagliare al proprio pubblico lo svolgimento di eventi complessi e sincopati che spesso arrivano 'a valanga' sulla scia di costanti aggiornamenti e 'lanci' da parte di reporter, contatti, canali, testate ed agenzie stampa.

Essa riguarda l'imponente offensiva lanciata ieri mattina su ben sei assi d'avanzata dalle forze governative irakene per la liberazione della città di Hawijah e dei suoi dintorni; questa é l'ultima zona di una certa importanza ancora occupata dall'ISIS nella Provincia di Kirkuk.

giovedì 21 settembre 2017

Anah é liberata, alle truppe irakene si schiude la via per Rawa e per Al-Qaim!

Ad appena 48 ore dopo la liberazione di Al-Rayannah anche la cittadina di Anah, primo vero importante obiettivo dell'attacco scatenato da Est verso Ovest lungo il corso dell'Eufrate dalle forze irakene che vogliono arrivare a liberare il varco di confine di Al-Qaim verso la Siria, é stata abbandonata dai takfiri dell'ISIS.

Razzo pesante "Zelzal" di produzione yemenita colpisce gli invasori sauditi e alleati nella Provincia di Taizz!

Ancora una volta i provetti artiglieri dell'Esercito Yemenita, aiutati dai combattenti dei comitati popolari (Ansarullah) sono riusciti a infliggere perdite pesanti alla coalizione di invasori che dal marzo 2015 ha colpito crudelmente il loro paese, prima bombardandolo, poi occupandone una parte.

Un razzo pesante da battaglia modello "Zelzal-2", costruito autonomamente nelle officine della Guardia Repubblicana, é stato lanciato con successo contro forze di invasione e loro fiancheggiatori che si trovavano nella zona di Al-Hemeli, in Provincia di Taizz.

A grande richiesta dei nostri lettori ecco un altro lancio missilistico, questa volta di un "Iskander-K"!

La vampa di azzurro, viola e carminio "elettrici" e scintillanti che si intravvede in mezzo ai fumi più scuri mentre il vettore inizia ad abbandonare la sua piattaforma...la nube di fuoco giallo e arancio che lo solleva, tutti questi particolari sono mirabilmente ritratti nelle foto che presentiamo qui di seguito e che ritraggono il lancio di un missile Iskander-K avvenuto nel corso delle recenti esercitazioni militari congiunte ZAPAD 2017.
Gli "Iskander" sono tra i più precisi e potenti vettori missilistici a corto raggio del mondo.
Sono gli SS-20 del XXI Secolo.
L'URSS del traditore Gorbachev si fece 'fregare' dal trattato INF, rimuovendo quelli e gli SS-23 e permettendo l'infiltrazione e il sabotaggio massiccio di tutto il Patto di Varsavia da parte delle quinte colonne imperialiste.

Parte una massiccia offensiva irakena per liberare la cittadina di Hawijah!

E'stata lanciata nella giornata di oggi una complessa operazione militare che vede impegnate molte formazioni governative irakene per arrivare alla totale liberazione della cittadina di Hawijah, nella Provincia di Kirkuk, una delle poche località di una certa importanza ancora soggette al dominio dell'ISIS.

Hawijah era stata indicata come obiettivo importante già fin dal momento della liberazione di Tal Afar.

Le forze impegnate nell'attacco sono:

Per la serie "Le Mirabolanti Avventure Facebookiane di Suleiman Kahani"...lo strabiliante caso dell'Anarchico Sbadato!

Mettete una sera per caso il vostro amabile e cortese caporedattore insieme al suo compagno di avventure cibernetiche titolare di un ottimo sito di informazione internazionalista, imbattersi in un 'anarchico libertario' che sostiene a spada tratta gli anal-indipendentisti sorosiani catalognici e, ovviamente, i Curdacci bookchin-ari, imboccati dalla Cia e dal Mossad (perché si sa, l'anarchico é solamente un borghesuccio che si lava poco).

Questo rutilante pezzo di cretinetti aveva nel suo profilo facebook, aperto e pubblico, l'altisonante descrizione del mestiere svolto: DISHWASHER AT ... STEAKS AND TAPAS.

Cioé, praticamente fa lo sguattero (IL FOTTUTO SGUATTERO) in una trattoria!

mercoledì 20 settembre 2017

Anche Mazbal al-Baqar é stata restituita alla Siria, le cui truppe hanno cacciato i tagliagole dell'ISIS!

Ancora una volta le truppe siriane che stanno riducendo e schiacciando la sacca creatasi ad Ovest di Aqayrbat non hanno lasciato passare una giornata senza che almeno una cittadina venisse liberata e tolta al controllo dei takfiri dell'ISIS.

Si é trattato questa volta di Mazbal al-Baqar, centro abitato poco a Nord-Est di Jubb al-Jarah, nella Provincia di Homs (pochi Km di distanza dalla frontiera interna con quella di Hama).

Anche nell'Esercito Arabo Siriano: "I Missili sono Sempre Pronti"!

Abbiamo notato da parte del nostro pubblico un elevato interese per gli articoli riguardanti il test balistico del missile russo RS-24 Yars.

Presentiamo al pubblico di Palaestina Felix l'attimo del lancio del missile russo Yars provato oggi!

Ho sempre trovato qualcosa di intensamente emozionante nell'attimo del lancio di un missile...sia che si trattasse di un veicolo spaziale, come le Soyuz, sia che si trattasse del ben più "ominous" decollo di un missile intercontinentale, sia pur lanciato per esercitazione.

Questa mia fascinazione si é risvegliata in pieno vedendo le immagini del lancio dell'RS-24 Yars alzatosi oggi da Plesetsk e mandato a colpire con le sue testate multiple i bersagli del poligono balistico di Kura, in Kamchatka.

Le forze siriane si irradiano a ventaglio a Nord-Ovest di Deir Ezzour e arrivano a circa 20 Km da Maadan!

Tabny, Buwaytiyeh, Turayf, Masrab, sono i nomi dei quattro villaggi più importanti sulla Rive Droite dell'Eufrate che sono stati liberati nell ultime ore dalle forze siriane che procedono speditamente da Deir Ezzour ormai libera a chiudere "da retro" l'accerchiamento di Maadan.

Anche l'altura di Monte Salim sarebbe stata raggiunta e riconquistata.

Nuovo test balistico russo, coronato da successo, per un missile RS-24 YARS!

Dal cosmodromo sperimentale di Plesetsk un team da combattimento selezionato da un'unità missilistica di Yoshkar-Ola ha eseguito con pieno successo il lancio di un vettore balistico intercontinentale RS-24 Yars, dotato di testate multiple.

Le testate hanno volato per circa 6000 Km fino a colpire, una volta separatesi dal vettore, gli obiettivi prefissati nel poligono di Kura, nella Kamchatka settentrionale.

Il test balistico, avvenendo durante i lavori d'apertura dell'Assemblea Generale dell'ONU, porta con sé un chiaro ammonimento politico, specie se si considerano le recenti minacce militari americane contro la Korea Democratica.

Il Presidente Aoun da New York denuncia le violazioni sioniste dello spazio aereo libanese!

Trovandosi a New York per l'annuale apertura dei lavori dell'Assemblea Generale dell'ONU il Presidente libanese Michel Aoun ha denunciato in termini inequivoci la continua violazione da parte del regime sionista della sovranità del Paese dei Cedri.

Come abbiamo spiegato più volte al nostro pubblico gli attacchi dei jet di Tel Aviv contro la Siria e le forze che la stanno liberando dal terrorismo non potrebbero avvenire col grado di impunità che finora li ha contraddistinti se non fosse possibile per gli aviogetti aggressori penetrare nei cieli libanesi senza timore di rappresaglie.

Ma la presenza in Libano di partiti venduti a Riyadh e al regime ebraico (in primis quello del mezzo saudita Hariri) ha finora impedito a Beirut di procurarsi mezzi di dissuasione adeguati a difendere il proprio spazio aereo.

Altre due località liberate nella "sacca" tra Hama e Homs, stavolta tocca a Rasm Tawil e Shayman!

Ancora avanti e ancora per le truppe siriane schierate sul versante Sud della "sacca" ad Ovest di Aqayrbat che continuano a 'macinare' località raggiunte e liberate dalle residue presenze di terroristi dell'ISIS.

Questa volta é arrivato il turno di Rasm Tawil e Shayman, villaggi ad Est di Jubb al-Jarah, che sono stati raggiunti, liberati e superati dalle colonne dell'Esercito Arabo Siriano, sempre più determinate a "chiudere" del tutto la pratica di questa "Kessel" che ancora occupa molte migliaia di soldati che potrebbero venire indirizzati verso altri fronti.

martedì 19 settembre 2017

"Avanzata di Al-Nusra verso Maan?" l'avanzata prosegue ma..."a rate"! Ecco la foto di un takfiro all'attacco!

Una cruda fotonotizia; proprio pochi giorni dopo che notavamo la loro inattività, i wahabiti di Al Nusra ed altri alleati hanno cercato di lanciare un'offensiva verso il Nord di Hama, specialmente verso i dintorni di Maan.

Si espande di altri 20 Km quadrati la testa di ponte siriana oltre l'Eufrate!

L'attraversamento siriano dell'Eufrate, che ha tarpato le ali a ogni "sogno curdo" di occupare la Rive Gauche del grande fiume e di spingersi fino ai campi petroliferi che si trovano vicino al confine con l'Irak non solo é realtà, come questo outlet ha sostenuto fin dai primi attraversamenti di pattuglie, ben prima che cominciassero a circolare foto e filmati, ma va espandendosi a vista d'occhio come é solo necessario per la preparazione di una grande operazione di avanzata e riconquista.

Aggiornamento! Le truppe irakene conquistano Al-Rayhanna a poca distanza da Anah!

Avevamo promesso aggiornamenti alla nostra notizia riguardo l'offensiva irakena su Anah.

Eccoli, praticamente in tempo reale.

L'abitato di Al-Rayhanna, a pochi Km a Sud-Est di Anah, si trova attualmente sotto completo controllo delle forze governative, che hanno avuto la meglio sulla guarnigione dell'ISIS che é andata quasi completamente distrutta.

Nuovo attacco irakeno scatenato da Est verso Ovest investe la piazzaforte ISIS di Anah!

Esattamente come avevamo pronosticato, la marcia delle truppe irakene verso Al-Qaim, "porta" verso la Provincia siriana di Deir Ezzour, non passa solo dal confine occidentale...ma viene condotta contemporaneamente dalla Provincia di Anbar, con un duplice movimento che costringe l'ISIS a dividere le poche forze disponibili per la difesa.

Russia Turchia e Siria hanno trovato un accordo per occuparsi del 'bubbone' di Idlib?

Senza l'attivo contributo della Turchia la conquista di Idlib da parte dei takfiri di Al Nusra e altri gruppi terroristi collegati o subordinati non sarebbe mai avvenuta.

Nella primavera del 2015 le truppe siriane controllavano Idlib grazie a un sottile, sinuoso corridoio di terreno liberato, la decisione di aggrapparsi alla città tramite questo budello era stata presa nella speranza che un accordo diplomatico fosse imminente e perciò diventasse di importanza capitale per il Governo legittimo avere il controllo di quante più città maggiori del paese fosse possibile.

lunedì 18 settembre 2017

ECCO le immagini di una parte delle operazioni anfibie siriane sull'Eufrate! Un'altra testimonianza esclusiva!

Ancora una volta non abbiamo quasi finito di mettere online un articolo che subito veniamo raggiunti da ulteriori aggiornamenti proprio sullo stesso argomento e, quindi, ci rimettiamo indefessamente al lavoro per continuare a offrire al nostro affezionato pubblico quel servizio puntuale, preciso, articolato, dettagliato, che ci ha fatto diventare una realtà apprezzabile nel panorama dell'informazione giornalistica libera e accurata.

Ecco su una mappa ufficiale del Ministero della Difesa russo l'estensione precisa della testa di ponte siriana sull'Eufrate!

Ancora una mappa.

Ancora un'immagine di quelle che valgono mille e più parole.

Ancora un'esclusiva assoluta per l'Italia di Palaestina Felix.

Qui sopra potete vedere con chiarezza l'estensione della testa di ponte sull'Eufrate creatasi con l'attraversamento del grande fiume realizzato coi pontoni portati sul luogo subito dopo la liberazione dell'Aeroporto Militare.

La "sacca" ad Ovest di Aqayrbat continua a crollare sotto colpi siriani vibrati a Nord e a Sud di essa!

Collasso, collasso, collasso...non esiste altro termine per illustrare lo sviluppo della situazione nella "sotto-sacca" creatasi ad Ovest di Aqayrbat dopo che le forze siriane sono riuscite, ormai diverse settimane addietro, a espugnare la cittadina che veniva ritenuta "la più formidabile piazzaforte dell'ISIS" ancora rimasta nella parte centrale del paese.

Su Facebook cresce la consapevolezza di PALAESTINA FELIX come credibile outlet di informazione sul Medio Oriente!

A tutti i nostri lettori, proponiamo questo 'screenshot' preso da Facebook poche ore fa.

Tralasciamo il fatto che nell'esposizione del volenteroso ma un po' confusionario amico outlet giornalistici SERI come l'ottimo AURORASITO e l'umile Palaestina Felix del vostro sempre disponibile e infaticabile caporedattore siano associati alla trista figura della cassandra di inevitabili apocalissi nucleari (siamo attualmente alle 3347esima Apocalisse Nucleare che scaturirà INEVITABILMENTE dagli schiamazzi sul 38esimo Parallelo tra Kim "KeBotto" Jong Un e Donald "Duck" Trump) e la pasticceria di Torta Saker Avariata mantenuta dal noto danzatore di Sitrep-Tease orso ballerino della taiga.

Sta di fatto che AURORASITO e Palaestina Felix sono indicati come "trendsetter" che hanno saputo, con la loro COSTANTE e PRECISA copertura degli eventi internazionali anticipare il cambiamento di atteggiamento e prospettiva riguardo agli stessi da parte dei media mainstream.

L'avanzata siriana da Deir Ezzour travolge l'ISIS anche a Nord-Ovest di Ayyash e punta "a ritroso" verso Maadan!

Avanzando oltre Deir Ezzour, risalendo il corso dell'Eufrate le truppe siriane sono arrivate ad Ayyash.

Capita, così, che esse abbiano cominciato a convergere verso il fronte aperto in precedenza in direzione di Maadan ma dalla direttrice proveniente da Resafa.

Adesso si può a buon diritto dire che l'ISIS sta venendo nuovamente accerchiato.

domenica 17 settembre 2017

FOTONOTIZIA: Ecco paragonate, su una mappa esplicativa, le 'differenze' tra le avanzate dell'Esercito Siriano e dei fuorilegge curdi!

Molte volte non servono lunghi elzeviri e ampollose analisi per fare arrivare a un pubblico (meglio se preparato e interessato) un messaggio.

A volte basta una sola immagine.

E', se ci pensate bene, lo stesso concetto della vignetta.

Continua graduale ma costante lo 'strozzamento' della sacca ad Ovest di Aqayrbat!

Nella giornata di ieri le truppe siriane che venerdì erano riuscite a liberare Abu Tarrahah, Shindaghiyeh Janubiyeh e Abu Tababir sono ulteriormente avanzate aggiungendo all'area strappata al controllo dell'ISIS anche i villaggi di Abu Jurays e Shindaghiyeh Shamaliyeh.

Questo nuovo movimento offensivo conferma il 'trend' che abbiamo già da tempo individuato e sottolineato, su come man mano che passa il tempo e che la "sotto-sacca" in cui é stata divisa la "Pocket" di Aqayrbat dopo la conquista della località che le dava il nome si stia restringendo sempre più rapidamente.

Le truppe irakene liberano Jafrah e mettono completamente al sicuro l'aeroporto militare di Deir Ezzour!

Le forze armate siriane impegnate nella liberazione dei dintorni della città di Deir Ezzour e delle rive del Fiume Eufrate sono riuscite stamane a riprendere possesso dell'importante abitato di Jafrah.

Questa località, che sorge sull'ansa del fiume, era l'ultima da cui l'ISIS avrebbe potuto, eventualmente, riuscire a colpire ancora la fascia circostante l'Aeroporto Militare.

Lo scalo ormai é completamente al sicuro.

Un anno fa Obama bombardava a tradimento i difensori di Deir Ezzour, oggi il loro sacrificio viene ricordato nella città FINALMENTE LIBERA!!

Questo post veniva da noi pubblicato esattamente 365 giorni fa:

Alla lunga serie di vergogne della presidenza obama, corvo nero della Casa Bianca, si aggiunge quella di avere inviato quattro jet a bombardare le posizioni dell'Esercito Siriano che stava difendendosi con successo dall'ennesimo assalto di takfiri drogati del 'califfato' intorno a Jabal Thardeh, vicino a Deir Ezzour.

Evidentemente la notizia di un grande contingente di rinforzi che stava raggiungendo la città circondata nell'estremo Est siriano dava fastidio ai generali del Pentagono che hanno convinto il vermiciattolo dello Studio Ovale ad autorizzare il bombardamento.

I due F-16 e i due A-10 dell'aviazione dell'ISIS (così ormai si può a buon diritto ribattezzare l'USAF) non sono riusciti a uccidere molti militari siriani ma hanno causato una loro parziale ritirata dalle postazioni che avevano tenuto fino a quel momento.
E' bastato poco, però, perché il comandante in capo dei Commando Qassam, Generale Taraaf, inviasse un'unità dei suoi uomini più scelti perché ricacciasse indietro i takfiri dell'ISIS prima che potessero insediarsi negli avamposti abbandonati.

sabato 16 settembre 2017

Anche le truppe siriane cominciano una loro offensiva sul vitale snodo di frontiera tra Albukamaal e Al-Qaim!

Esattamente come avevamo preconizzato nel nostro articolo precedente, la riconquista di Akashat spalanca alle truppe irakene un vero e proprio "corridoio" che, per quanto abbastanza lungo, (poco meno di 150 Km) può farle arrivare ad Al-Qaim da una direttrice sicuramente meno presidiata e difesa dai takfiri dell'ISIS.

Akashat conquistata dalle forze irakene, che possono ora avanzare verso le ultime posizioni dell'ISIS!

A poche ore dall'annuncio dell'inizio dell'offensiva irakena contro Akashat si é diffusa la notizia della caduta di questa cittadina in mano alle forze di Bagdad.

Sembra che la presenza dell'ISIS fosse limitatissima e che la resistenza offerta alle avanzanti colonne governative sia stata poco più che simbolica.

Puntuale arriva la smentita di ogni bombardamento siriano o russo sui Curdi!

Il Comando dell'Aviazione Siriana ha categoricamente smentito che un qualunque genere di attacco aereo sia stato condotto da apparecchi suoi o del corpo di spedizione russo in Siria contro le milizie curde che si trovano a Nord di Deir Ezzour.

"La nostra aviazione é assolutamente estranea all'attacco che sarebbe stato lamentato da fonti curde" si legge nella dichiarazione, che poi continua: "Come parte degli accordi di cooperazione con le Forze Aerospaziali russe presenti nel paese, veniamo informati con largo anticipo di ogni loro missione d'attacca, per cui possiamo altresì smentire ogni coinvolgimento russo in questa vicenda".

Notizia non confermata di un bombardamento siriano o russo contro forze curde a Nord di Deir Ezzour!

Da questa mattina si rincorrono varie voci su un possibile bombardamento delle milizie curde che sono avanzate senza alcuna opposizione dell'ISIS verso la riva sinistra dell'Eufrate.

La fonte di questa notizia però sarebbe curda, ripresa finora unicamente da quella sentina chiamata 'Al-Masdar' (sulla cui affidabilità ci siamo più volte espressi in passato).

Sinceramente non crediamo a questa notizia, che anzi, potrebbe essere solo un pretesto dei Curdi per chiedere 'no fly zone' o interventi aerei americani.

Vasta offensiva irakena in atto contro quel che rimane dell'ISIS nell'Ovest del paese! Primo obiettivo: Akashat!

Akashat, piccola località nel desolato paesaggio dell'estremo Ovest dell'Irak, sembra essere il primo obiettivo del movimento offensivo scatenato all'alba dal complesso di forze governative schierate sul confine siro-iraleno e via via scaglionate lungo l'autostrada Damasco-Bagdad.

Fra di esse, come mostra eloquentemente la mappa pubblicata qui sopra, contiamo i Commando della Prima Divisione dell'Esercito, l'Ottavo Reggimento di Fanteria il Reggimento Tattico della Polizia dell'Anbar, le milizie di Mobilitazione Popolare (Hashd al-Shaabi), il 20esimo Reggimento d'Emergenza e il Decimo Reggimento di Fanteria dell'Esercito.

Arruolatore dell'ISIS giustiziato dai suoi complici per avere tentato la fuga da Hawijah quasi circondata!

L'ISIS ha portato a termine una nuova "ISIS-cuzione" eliminando il comandante noto con lo pseudonimo di Abu Qatada Muhajir, che si trovava nella Provincia di Kirkuk, precisamente nella cittadina di Hawijah.

E' stato proprio il suo tentativo di abbandonare la cittadina, ormai quasi completamente circondata dalle forze irakene, a decretare la sua condanna a morte.

venerdì 15 settembre 2017

Anche il Ministero degli Esteri russo dichiara che i Siriani hanno attraversato l'Eufrate!

La bionda e bellissima Maria Zakharova, nel corso di una conferenza stampa che è stata tenuta poche ore fa (e che ho personalmente seguito in diretta su Youtube) ha dichiarato che le forze armate siriane, col sostegno di unità del genio del corpo di spedizione russo, hanno attraversato l'Eufrate e stanno iniziando lo sminamento e la bonifica dei siti abbandonati dall'ISIS sulla riva sinistra del grande fiume.

Altri tre villaggi sul versante meridionale della sacca ad Ovest di Aqayrbat riconquistati dalle truppe siriane!

Come affermavamo in un nostro articolo precedente le operazioni di liberazione della "sacca" ad Ovest di Aqayrbat procedono in maniera sempre più spedita, con le località al suo interno che tornano sotto il controllo delle truppe governative a gruppi sempre più numerosi.

Questa volta, sul margine sud-occidentale della "Kessel" é toccato ai villaggi di Abu Tarrahah, Shindaghiyeh Janubiyeh e Abu Tababir venire riconquistati e ripresi.

Al Nusra e l'FSA sono totalmente "in letargo"...cosa ci dice questo sulle condizioni di queste sigle terroriste?

L'Esercito Siriano in questo momento sta concentrando le proprie operazioni contro la sacca dell'ISIS a Ovest di Aqayrbat e nei dintorni di Deir Ezzour e attraverso il Fiume Eufrate.

A eccezion fatta di qualche scontro minore nei pressi del confine con la Giordania nessuno dei 'fronti' che lo vedono contrapposto ad Al Nusra e all'FSA é attualmente 'attivo'.

Almeno diciotto persone ricoverate in ospedale a Londra dopo la bomba incendiaria esplosa nella metro!

Abbiamo notizia di diciotto persone ricoverate a Londra dopo l'esplosione dell'ordigno (apparentemente artigianale) che é detonato, incendiandosi, nel convoglio della metropolitana che si trovava nei pressi della stazione di Parsons Green.

Coerentemente con la natura incendiaria della bomba, la maggior parte dei pazienti ricoverati lamentano ustioni di vario grado; sembra, ma non possiamo essere completamente sicuri, che uno dei ricoverati, sembra una donna, versi in condizioni mediamente gravi.

La Surete Libanaise arresta quattro terroristi in due diverse operazioni!

Il Direttorato Generale della Surete Libanaise ha rilasciato il seguente comunicato:
"Come risultato del monitoraggio attento di attività sospette da parte di rifugiati di nazionalità siriana entrati nel paese negli ultimi anni i nostri agenti hanno arrestato tre persone che si accingevano ad acquistare armi al mercato nero e tentavano di procurarsi droghe illegali e silenziatori".

Pare che gli arrestati stessero preparandosi ad attività criminose da svolgere una volta procuratisi le armi e i narcotici.

Nel corso degli interrogatori é emerso che uno degli arrestati faceva parte attiva di un gruppo terroristico e aveva l'incarico di reclutare altri aderenti tra i suoi concittadini.

Ennesimo "regalino" terrorista alla Londra anti-Brexit, bombe incendiarie nella Metro fanno numerosi feriti!

Un convoglio dell'Underground londinese é stato sconvolto dall'esplosione di almeno un ordigno incendiario (ma le prime testimonianze dei superstiti parlano di 'contenitori con esplosivo').

La foto che siamo in grado di mostrarvi ritrae un secchiello di plastica avvolto in buste della spesa, da cui si levano ancora alcune residue lingue di fiamma.

L'esplosione (o le esplosioni) sarebbero avvenute nei pressi della stazione di Parsons Green, che sorge vicino all'omonimo parco pubblico.

Non si ha notizia di vittime, ma i feriti sarebbero numerosi, compresi alcuni con "gravi ustioni al volto".

Come ti siluro una secessione! Il piano di Barzani per staccare i Curdi dall'Irak naufraga miseramente!

Nella giornata di ieri il Parlamento di Bagdad ha votato a larghissima maggioranza la rimozione dell'infedele Governatore della Provincia di Kirkuk, che sosteneva il piano di Barzani per la secessione dall'Irak tramite un fasullo e completamente illegale "referendum" che si sarebbe dovuto tenere questo mese.

Il leader degli sciiti dello Yemen avverte gli Emirati Arabi: "Abu Dhabi può venire facilmente raggiunta da uno dei nostri missili!"

Il leader dei Comitati Popolari yemenitia (Ansarullah), organizzazione politica della potente comunità sciita zaidi, nel corso di un'orazione trasmessa in tv, ha dichiarato che, grazie ai progressi effettuati nella ricerca e nella produzione di vettori balistici anche lo stato invasore degli Emirati Arabi Uniti (UAE) non può più sentirsi al di là del raggio delle armi di Sanaa.

Abdul Malik al-Houthi, parlando della situazione politica e militare del paese, aggredito militarmente due anni e mezzo fa da Arabia Saudita e suoi lacché del Consiglio di Cooperazione del Golfo Persico, ha esplicitamente dichiarato che Abu Dhabi potrebbe venire facilmente colpita da un missile yemeni, non differente da quelli che negli scorsi mesi hanno a più riprese colpito bersagli bene addentro al territorio saudita.

giovedì 14 settembre 2017

Le forze aerospaziali russe "approfittano" dell'occasione per testare in Siria il MiG-29SMT!

Il MiG-29SMT, versione modificata del MiG-29 che incorpora al massimo grado possibile gli aggiornamenti presenti sul MiG-29M é stato visto, fotografato e ripreso mentre si alzava in volo dalla base aerea russa in terra siriana di Hymemim, nei pressi di Latakia

Le truppe siriane prendono il controllo di Qalib Thawr e finiscono di liberare anche l'ultimo tratto di oleodotto!

Ancora una buona notizia dalla sacca ad Ovest di Aqayrbat, ormai in rapidissimo corso di smantellamento.

Solo un paio di mesi fa Aqayrbat appariva ancora come una formidabile posizione dell'ISIS, al centro di una vasta sacca che aggettava verso la Siria centrale.

Adesso invece le truppe governative dopo averla espugnata liberano villaggi e cittadine circostanti a ritmo sempre più rapido.

"Veliky Novgorod" e "Kolpino" lanciano sette missili 'Kalibr' verso il Sud-Est della Siria!

Una salva di ben sette missili da crociera "Kalibr" é stata lanciata poco meno d'un'ora fa dai due sottomarini classe Kilo modificata (Progetto 636.3) "Kolpino" e "Veliky Novgorod" che incrociano nel Mediterraneo Orientale come parte più recente della flotta russa impegnata nelle operazioni a sostegno della Repubblica Araba Siriana.

Da Novorossisk arriva per la Siria un enorme carico di materiali per la ricostruzione del paese segnato dalla guerra!

Dopo avere aiutato la Siria a vincere la guerra al terrorismo e all'imperialismo Russia e Iran si apprestano a sostenerne anche il necessario sforzo ricostruttivo.
Se tanto dolore, sofferenza e sangue devono avere un piccolo lato positivo, che almeno consentano a un paese che tra anni '50 e '70 si era rapidamente ammodernato, uscendo dal feudalesimo ed entrando a tutti gli effetti nel mondo moderno di rinnovarsi ulteriormente e di sostituire infrastrutture obsolescenti o usurate con altre in linea con le esigenze del Secolo XXI.

Un Merkava sionista nel Golan siriano occupato ha "problemi di parcheggio"!

La foto che riportiamo é stata scattata di recente sul Golan siriano illegalmente occupato dai sionisti.

Protagonista dello scatto é quello che la fanfara propagandistica a sei punte vorrebbe presentare come il "super panzer di sion", il Merkava (non si capisce se 3 o 4).

Altre sei località riconquistate dalle forze siriane a Sud-Ovest di Aqayrbat!

A mano a mano che proseguono le operazioni militari siriane nella "sotto-sacca" ad Ovest di Aqayrbat le località liberate e riconquistate si sommano le une alle altre non più singolarmente, a una per volta, ma a due, a tre, a quattro...solamente nelle ultime ore ben sei tra villaggi e cittadine sono risultati finalmente liberi da ogni residua presenza takfira, come si evince chiaramente da queste mappe:

mercoledì 13 settembre 2017

FOTONOTIZIA: Ecco in anteprima la manovra che ha vanificato la 'corsa' curda verso i campi petroliferi a Nord dell'Eufrate!

Siamo orgogliosi di poter offrire ai nostri lettori questa mappa che, con piena chiarezza, mostra come, allo stato attuale delle cose, il recente attraversamento dell'Eufrate abbia già negato ogni validità al frettoloso 'balzo in avanti' tentato dai Curdi con la complicità dell'ISIS e il benestare degli Usa.