sabato 22 settembre 2018

L'Aviazione Siriana sposta elicotteri verso la Piana di Al-Ghaab...siete sempre sicuri che non ci sarà un'offensiva verso Idlib?

Fonti ufficiose ci confermano che numerosi elicotteri dell'Aviazione Siriana sono stati spostati in una base riattivata vicino a Jubb Ramleh, località prospiciente la Piana di Al-Ghaab a Sud-Ovest di Idlib e vicina anche al massiccio dell'Akrad nel Nord-Est di Latakia.

Questo fatto sta facendo riconsiderare a molti 'espertoni' le loro certezze riguardo il fatto che l'accordo russo-turco avesse del tutto cancellato le possibilità di un'attacco siriano in direzione di Idlib, o perlomeno di Jisr al-Shoughour.

Il tribunale irakeno di Karkh condanna a morte per impiccagione il collaboratore di Al-Bagdadi Ismail Ithawi!

Quello che vedete in foto é Ismail Alwan al-Ithawi.

Adesso é molto probabile che appaia meno rilassato e spavaldo di quanto non apparisse in questo scatto visto che da poche ore un tribunale di Karkh lo ha condannato all'impiccagione per il suo ruolo nell'ISIS e nelle attività criminali e terroristiche di tale organizzazione.

Egli era un diretto intimo e collaboratore dell'autonominato 'califfo' Al-Bagdadi.

Anche la storia del suo arresto e della sua estradizione é molto particolare e illustra bene i recenti cambiamenti nella politica mediorientale.

Un nuovo arrivo per il DEPOSITO DI CURDI MORTI! Schiattato (per infarto) fadil barwari, amicone degli yankee, malversatore immobiliare!

Un curdaccio di meno al giorno...

è defunto in Irak il 'generale' (vabbé, per modo di dire) Fadel Barwari, ex-"peshmerda", traditore al soldo degli invasori Americani, che lo 'collocarono' nelle 'forze antiterrorismo' PROPRIO negli anni in cui si formava e si irrobustiva la rete dell'ISIS scatenata poi contro il popolo e il Governo irakeno.

E' morto di infarto, una vita troppo sedentaria e una dieta troppo ricca lo hanno stroncato, i curdacci infatti, specie se 'generali' tendono a non morire MAI sul campo di battaglia, a differenza di quanto fanno i veri Irakeni, gl'Iraniani e i Siriani, anche se Generali.

Ma più che a combattere il terrorismo il 'generale peshmerda' preferiva dedicarsi all'aggiottaggio, alla malversazione e alla speculazione immobiliare, come vi spiegherò tra poco.

Un po' di biografia:

INIZIA LA VENDETTA IRANIANA! Abbattuti due dei terroristi takfiri responsabili per la strage di Ahvaz!

Abbiamo ricevuto questa foto accompagnata dalla didascalia "Uccisi due terroristi responsabili dell'attentato di Ahvaz".

Non si conosce il loro nome né la loro nazionalità ma ambienti governativi e militari iraniani hanno già accusato l'Arabia Saudita di essere dietro al codardo attacco che ha colpito le celebrazioni per il 38esimo anniversario della Guerra Iran-Irak.



Il "bordello UE" é sempre aperto per le 'voglie' dei pedo-petro monarchi sauditi, assassini di innocenti in Yemen!

Il lurido Governo tedesco della salsicciaia sionista Angela Merkel ha assicurato che venderà avanzati sistemi d'artiglieria ai pedo-petro-principi di Casa Saoud, per permettere loro di condurre con più facilità la loro sporca guerra di aggressione contro lo Yemen.

Ancora una volta le classi dirigenti 'europeiste' si dimostrano completamente succubi dell'imperialismo anglo-american-sionista-wahabita.

Pochi mesi fa la Germania aveva annunciato un 'embargo' contro l'Arabia Saudita.

AGGIORNAMENTO: ad Ahvaz uccise undici persone, almeno 21 quelle ferite!

Takfiri.

Gente che se si trovasse davanti a un soldato dell'Artesh, a un Guardiano della Rivoluzione o a un militante dei Basij sarebbe morto prima ancora di poter dire "a".

Gente che solo colpendo alle spalle, vigliaccamente, riesce a nuocere e a provocare danno (seppur temporaneo) all'Iran, al suo popolo e alla sua Rivoluzione.

La milizia "Firqa al-Abbas al-Qitaliyah" respinge tentativi di infiltrazione dell'ISIS dall'Anbar in direzione di Karbala!

La "Firqa al-Abbas al-Qitaliyah" é una delle principali forze della Mobilitazione Popolare (Hashd al-Shaabi) irakena, con una forza di combattimento valutata (da fonti che PALAESTINA FELIX considera assolutamente affidabili) intorno ai diecimila uomini, di cui due terzi nelle unità di prima linea e 2500-3000 in uno scaglione di 'riserve', pronti a venire mobilitati in caso di necessità per ripianare perdite o schierare ulteriori forze sul campo.

Essa comprende:


  • un quartier generale dotato di droni di manifattura iraniana e completamente addestrato e capace di utilizzare apparati di osservazione elettro-ottica di ultima generazione
  • una "brigata" di artiglieria dotata di una formazione di obici convenzionali (M-46 da 130mm e D-30 da 122mm) e una di lanciarazzi con lanciatori multipli cinesi Tipo-63 da 107mm e  "Raad-1" iraniani da 240mm, più un certo numero di obici cingolati M-109 americani da 155mm, ricevuti dall'Esercito.
  • un "battaglione" meccanizato di commando a bordo di blindati 8x8 BTR-80
  • una "brigata" meccanizzata denominata 'Kafil', dotata di T-55 e MT-LB
  • due "brigate" blindate denominate 'Al-Alqami' e 'Umm al-Banin' dotate di EE-9 'Cascavel', MT-LB e altri veicoli improvvisati ("tecniche")
  • la già menzionata formazione "di riserva".
La foto in apertura si riferisce proprio a una task force meccanizzata dei questa milizia, che allinea T-55, MT-LB dotati di torrette di fortuna ed EE-9 modificati con mitragliere DshK al posto dei cannoni originari.

ATTENTATO TAKFIRO AD AHVAZ! Terroristi aprono il fuoco contro la parata commemorativa della Guerra Imposta!

Pochi minuti fa, nel corso di una parata commemorativa per il 38esimo anniversario dell'inizio della "Guerra Imposta" (quando Saddam Hussein attaccò a tradimento invadendo la Repubblica Islamica) un commando di terroristi takfiri ha iniziato ad aprire il fuoco contro il palco delle autorità e la folla di civili attorno ad esso.

E' il più grave attentato terroristico contro la Repubblica Islamica da quello occorso a giugno 2017 nella capitale Teheran, che prese di mira il Palazzo dei Majlis (Parlamento) e il Mausoleo dell'Ayatollah Khomeini.

Sion aiuta gli Emirati addestrando i tagliagole mercenari da inviare in Sudan, con collaboratori colombiani...nepalesi e...MOHAMMED DAHLAN!!!

Sionismo e wahabismo si confermano sempre di più due facce della stessa medaglia.

Un rapporto recentemente rilasciato dal siono "Al-Khaleej Online" ha rivelato che gli Emirati Arabi Uniti hanno creato un programma di addestramento di mercenari nella Palestina Occupata dal regime ebraico, col diretto sostegno e intervento di Tel Aviv.

Fonti del Comitato Intelligence del Congresso Usa sono state citate a sostegno della rivelazione.

Nel campo di addestramento, che si trova nel Negev, si troverebbero istruttori nel narco-stato colombiano (il che conferma il livello di intrusione sionista nei regimi più corrotti del Sudamerica) e anche nepalesi (e le infiltrazioni sioniste in quell'area le abbiamo sempre denunciate!).

Ma la cosa più interessante é che, come in tutti gli affari sporchi che coinvolgono sionisti e wahabiti, spunta fuori la nostra 'vecchia conoscenza' Mohammed Dahlan, il dirigente di Fatah venduto a Sion che venne preso a calci fuori dalla Striscia di Gaza dagli uomini di Hamas.

venerdì 21 settembre 2018

QUESTO ARTICOLO E' STATO VERAMENTE PUBBLICATO SUL WASHINGTON POST!

"Volevo capire il POPULISMO EUROPEO, perciò ho parlato con 'bono vox'".

Cioé: "Volevo capire come milioni di persone che hanno lavorato tutta la vita e ora si vedono negare o procrastinare una pensione appena decente, e altri milioni e milioni che si affacciano alla vita adulta e si vedono negare condizioni appena accettabili di sicurezza e stabilità stiano vedendo la realtà e rifiutando le favole globaliste, multikulti, immigrazioniste elaborate dalle elite di parassiti sfruttatori che hanno passato gli ultimi 30 anni a distruggere i sistemi di protezione e giustizia sociale...PERCIO' sono andato a parlare con un bolso miliardario sfiatato che ha passato esattamente questo periodo completamente avulso dalla vita della GENTE NORMALE".

Lo hanno scritto.

Veramente.

Su un giornale.

Ora capite perché quando dico che "La stampa occidentale é ormai al di là di ogni possibilità di salvezza", non sto a scherzare?

La curdaglia dell'YPG, leccapiedi degli yankee, firma accordi con le compagnie 'private' di mercenari Usa!

"Noi le 'unità di protezione del popolo' YPG, dichiariamo di voler cooperare con la Castle International LLC dell'Arizona, (Usa) al fine di un accordo contrattuale di lungo termine per i servizi di supporto medico in combattimento ed esperienza di materie logistiche".

Quando trovate un apologeta dei Curdi bisogna sputargli addosso!

Questo ho sempre sostenuto e questo documento che prova quanto servi e lacché siano i 'curdacci' aumenta ancora di più la mole di prove riguardo il fatto che non esista un popolo più infame, vigliacco e traditore!

FILOTTO! Le conseguenze della pirateria aerea sionista di lunedì sera stanno arrivando! E sono devastanti!!

Tel Aviv ha fatto il passo più lungo della gamba.

Tutti i tentativi, le preghiere, le profferte del Generalmaggiore Norkin non sono servite a nulla e, nel corso del suo incontro a Mosca il Comandante dell'aviazione sionista ha ricevuto la comunicazione che da questo momento in avanti i rapporti tra Mosca e Tel Aviv sono "radicalmente cambiati".

Finora infatti, la Federazione Russa si era dimostrata disponibile a mantenere canali di contatto e dialogo con l'entità sionista, sperando che questa comprendesse la situazione e cessasse i suoi comportamenti distruttivi e irrazionali (come il sostegno ai gruppi terroristi takfiri e i tentativi di aggressione contro le strutture militari siriane).

Adesso la pazienza di Putin e del suo Governo é finita.

giovedì 20 settembre 2018

L'ESTATE ORMAI E' FINITA, LA LOTTA CONTINUA ININTERROTTA!!

Una pregevole istantanea scattata in Yemen ci mostra un'unità speciale di volontari dei Comitati Popolari di Ansarullah che marcia in formazione calpestando od apprestandosi a calpestare i vessilli del regime sionista e degli Stati Uniti d'America.

La usiamo come immagine introduttiva di un post un po' più "intimista" e personale, non incentrato su una notizia o un aggiornamento, ma su una riflessione sul ruolo e il significato di questo blog, delle iniziative mediatiche sorte parallelamente e in collegamento ad esso e alla community che si é coagulata intorno ad esso e ad esse.

Il Generale sionista Norkin é a Mosca nel disperato tentativo di 'disinnescare' l'ira del Cremlino per l'abbattimento dell'Il-20!

Missione Impossibile (o quasi) per il Generalmaggiore Amikam Norkin, capo supremo del Chel Ha'avir (l'aviazione militare sionista), volato in queste ore a Mosca col compito di provare a placare lo sdegno di Vladimir Putin per il vigliacco atto di lunedì sera davanti a Latakia, risultato nell'abbattimento dell'Il-20 costato la vita a 14 piloti, radaristi e tecnici russi.

Oltre all'oro e ai rolex i Saoud regalavano ai terroristi MKO anche reliquie religiose: volevano convertirli al wahabismo?

Nuove rivelazioni sui rapporti tra l'organizzazione terroristica anti-iraniana "MKO" e Casa Saoud, grazie all'intervista rilasciata al sito-web giordano "Al-Bawaba" da Massoud Khodabandi, già dirigente "pentito" dell'organizzazione.

Nel 1989, quando grazie alla mediazione dell'Irak di Saddam Hussein i Mojahedin-e-Khalq ricevettero dai Sauditi tre tonnellate d'oro e quattro valige colme di costosissimi orologi rolex, vi fu anche un 'regalo' ulteriore, che, per il suo fortissimo significato simbolico, fa sorgere alcuni interrogativi sulle effettive intenzioni dei principi di Riyadh nei confronti della 'setta' di Massoud e Miriam Rajavi.

Infatti Khodabandi ha rivelato di aver ricevuto, oltre agli altri 'regali' anche un frammento di "Kiswa".

ONORE AI MARTIRI DELL'IL-20 PRECIPITATO A CAUSA DELLA CRIMINALE CONDOTTA SIONISTA!

PALAESTINA FELIX si unisce nel cordoglio a tutto il popolo russo e quello siriano, nonché ai sinceri amici di Mosca e di Damasco, esprimendo le proprie profonde condoglianze per la perdita di quattordici vite occorsa nella sera del 17 settembre a causa della criminale aggressione dei sionisti codardi, abituati a sparare da dietro uno 'schermo'.

Sergej Gavrjutin
Konstantin Nazarov
Aleksandr Vechernin
Timofej Baranov
Pavel Tkachenko
Aleksandr Burlaka
Grigorij Zinovev
Denis Gordov
Roman Dolmatov
Viktor Kvasenkov
Aleksej Sedunov
Vladimir Jakovlev
Aleksej Arzumanov
Andrej Sergeenkov


Il Presidente Assad invia le proprie condoglianze a Vladimir Putin per la morte dell'equipaggio dell'Il-20!

"A nome di tutto il popolo siriano, esprimo le condoglianze più sentite per la perdita del quadrimotore russo al largo delle nostre coste, costato la vita alle quattordici persone di equipaggio, militari altamente addestrati venuti ad aiutarci nella lotta contro il terrorismo e l'imperialismo".

Con queste parole il Presidente siriano Assad si é rivolto al collega russo Vladimir Putin, dopo la conferma che il quatrimotore turboelica Il-20, con tutto il suo complemento di piloti, radaristi ed esperti di guerra elettronica era stato abbattuto nel corso della battaglia aerea scatenata dalla proditoria incursione sionista e NATO contro la Siria occidentale.

mercoledì 19 settembre 2018

Briganti curdi entrano in una casa siriana per rubare ma vengono colpiti da una mina inesplosa!

Quelli che vedete nella foto di apertura e nel video che propongo qui di seguito sono briganti curdi della cosiddetta 'milizia' (se con la parola 'milizia' si possono indicare dei predoni tagliagole incapaci di combattere apertamente, ma abilissimi a saccheggiare) SDF, al soldo di yankee e Francesi.

La famigerata 'curdaglia'.

Nel villaggio di Baghuz (Deir Ezzour), i curdacci scassinano il cancello di una casa siriana.
Guardate con quanta perizia vi riescono.

Hanno grande esperienza, sono ladri per natura.
Segue video della loro 'impresa':

Ex-dirigente dei terroristi "MKO" rivela come l'Arabia Saudita abbia finanziato il gruppo con oltre mezzo miliardo di dollari!

Un membro pentito del gruppo terroristico "MKO" (i famigerati mojahedin-e-khalq), 'setta' estremista guidata dalla criminale Mariam Rajavi (nella foto mentre viene omaggiata da un rappresentante saudita), ha rivelato i legami del gruppo con l'Arabia Saudita, da sempre munifica finanziatrice di ogni gruppo di tagliagole fanatici del Medio Oriente, spiegando come Riyadh abbia sifonato lingotti d'oro, rolex da decine di migliaia di euro e altri beni a favore dell'MKO.

Il nome del pentito é Massoud Khodabandi, già dirigente del gruppo terrorista e quindi al corrente delle sue manovre più segrete; Khodabandi ha rivelato i traffici sauditi nel corso di un'intervista col sito giordano "Al-Bawaba".

A CINQUE ANNI DALL'ATTENTATO DI JINAH ARRESTATO IL TERRORISTA WAHABITA AL CENTRO DEL COMPLOTTO!!

Sono PARTICOLARMENTE ORGOGLIOSO quando riesco a scrivere articoli che si ricollegano a fatti da me evidenziati e trattati nell'ormai "lontano passato" di questo blog, visto che ciò dimostra che la mia attenzione di giornalista é stata sempre puntata nella direzione giusta e che, seguengo costantemente (e magari sostenendo!) PALAESTINA FELIX si avrà sempre una visuale coerente e puntale della situazione in Medio Oriente.

Oggi é una di quelle occasioni, visto che la notizia che vi porgo si ricollega a un fatto avvenuto ben 62 mesi fa.
Il 19 novembre 2013, infatti, la rappresentanza diplomatica iraniana venne colpita da un grave attentato esplosivo che lasciò sul terreno 26 morti, tra cui l'addetto culturale Ibrahim Ansari.

Per poco non venne colpito anche l'ambasciatore Roknabadi, allora uomo-chiave per l'intervento di Hezbollah in Siria (egli venne poi vigliaccamente ucciso dai Sauditi durante il suo pellegrinaggio alla Mecca, una ripicca stupida e crudele, degna dei takfiri di Riyadh).

Oggi, forze di sicurezza palestinesi, hanno arrestato il terrorista takfiro al centro della cospirazione che portò a quell'atto esecrando.

La nave oceanografica "Seliger" coi droni 'Super GNOM ROV' ed 'Rt-2500' impegnata nel recupero dei resti dell'Il-20 abbattuto!

Nella giornata di ieri la nave russa "Seliger" (nella foto in apertura) ha raggiunto le acque antistanti a Latakia, nelle quali ha immediatamente iniziato le operazioni di ricerca e recupero dei resti materiali ed umani del Il-20 abbattuto nel corso della battaglia aerea di lunedì sera, in conseguenza della criminale condotta dei piloti sionisti.

martedì 18 settembre 2018

EXTRA! EXTRA!! Secondo il 'giornalistame' italico a bordo di un "caccia russo" ci stanno 14 persone!!

Se non fosse tragico, ci sarebbe da riderci sopra.
Qualcuno chiami la redazione di Sky e gli faccia sapere che l'aereo abbattuto ERA QUESTO.

Tenete conto che chi propala tali SCEMENZE è pagato con contratto giornalistico molte migliaia di euro al mese.

Usurai e sfruttatori li trattano bene i loro servi.

In compenso qui il vostro adorabile Kahani fa i salti mortali per presentarvi ogni giorno un'offerta informativa di livello internazionale, completamente gratis (a meno che qualcuno non voglia contribuire con microdonazioni o iscrivendosi agli abbonamenti PATREON).

I LOVE WHEN A HUNCH COMES TOGETHER!!!!! PALAESTINA FELIX 'ovviamente' aveva avuto la 'dritta' giusta!!

Un comunicato ufficiale del Ministero della Difesa russo, appena rilasciato, recita:

"Lunedì Sera quattro Jet F-16 'Israeliani' (virgolettato mio) hanno attaccato Latakia arrivando dal Mediterraneo. I jet 'israeliani' sono arrivati a bassa altitudine creando una situazione di pericolo per altri aerei nell'area. I piloti 'Israeliani' hanno usato l'aereo Il-20 Russo come copertura, facendolo apparire come target alle forze Siriane di difesa aerea. Il Il-20 che ha una sezione radar molto più grande degli F-16 è stato abbattuto da un missile del sistema S-200 Siriano. Il ministero della difesa Russo ha sottolineato come 'Israele' fosse a conoscenza dell'aereo Russo presente nell'area, ma ciò non ha fermato la provocazione 'Israeliana'. 'Israele' ha anche fallito nell'avvisare Mosca dell'attacco, notificandoli solo un minuto prima dell'attacco, non lasciando tempo all'aereo Russo di spostarsi dall'area. La Federazione Russa si riserva di rispondere nei tempi e nei modi che preferisce".

Si noti come i Russi ADDEBITINO l'abbattimento alle sconsiderate azioni del regime sionista ma non accusino direttamente, infatti il colpo che MATERIALMENTE ha centrato l'Il-20 é stato scagliato dalla contraerea siriana, impegnata a intercettare missili e bombe guidate lanciate dagli aggressori imperialisti.

La Repubblica Islamica dell'Iran apprezza l'accordo russo-turco raggiunto a Sochi! "Importante passo per la soluzione del rebus siriano!"

Il portavoce del Ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qassemi ha accolto con favore i dettagli dell'accordo russo-turco sulla Provincia di Idlib raggiunto dai Presidenti Putin ed Erdogan col loro vertice a due sulle rive del Mar Nero.

"L'accordo dichiarato dopo l'incontro é un passo importantissimo nella soluzione della delicata situazione sul terreno in Siria, con numerosi gruppi terroristici che devono venire disarmati, neutralizzati e sciolti", si legge sul comunicato apparso sul sito-web del Ministero.

Precipitato un quadrimotore Il-20 al largo di Latakia durante l'attacco missilistico imperialista!

Mentre ieri sera davamo freneticamente conferme ed aggiornamenti riguardo alla situazione in corso sulla Siria occidentale venivamo raggiunti da una notizia che, lo confessiamo, ci ha fatto tremare i polsi come mai successo precedentemente negli otto anni di blogging su questa testata.

Un quadriturboelica Il-20 per la guerra elettronica, infatti, era scomparso dai radar al largo di Latakia nel bel mezzo della battaglia aerea contro i 'cruise' e le bombe guidate NATO-sioniste.

Era una notizia devastante, se fosse stato confermato un abbattimento da forze ostili, la GUERRA poteva scoppiare nel giro di poche ore.

La mappa del capolavoro diplomatico di Putin, che separa ormai definitivamente la Turchia dalla NATO!

Questa mappa sintetizza le condizioni stabilite nell'incontro Putin-Erdogan avvenuto a Sochi, accordo che sigilla il fato dei takfiri di Idlib e dintorni, praticamente senza bisogno di condurre un'operazione militare.

Un doppio trionfo per il maestro di scacchi del Cremlino che, tra l'altro, ha ottenuto la separazione ormai completa della Turchia dall'ambito NATO, visto che (e lo scomposto attacco imperialista di lunedì sera lo conferma) ormai Ankara gioca un ruolo totalmente scollegato da quello dell'organizzazione atlantica, seguendo la bussola dei suoi interessi nazionali (che passano in pieno attraverso un buon rapporto con Mosca e Teheran).

lunedì 17 settembre 2018

CONFERMATO! Sono state le navi di Trump, furente per l'accordo Russia-Turchia, a lanciare i missili contro la Siria!

E' stato appena confermato che l'attacco missilistico lanciato contro la Siria occidentale sia stato sferrato dalle navi Usa presenti nel Mediterraneo.

Possiamo già annunciare che ESATTAMENTE come i due precedenti, esso è COMPLETAMENTE fallito.

Praticamente tutti i 'cruise' sono stati bloccati dai missili siriani indirizzati sui bersagli dai radar navali e terrestri russi presenti nella zona.

Difese aeree siriana (e russe?) in attività sopra Tartous e Latakia. L'Occidente sta cercando di attaccare la Siria?

Presentiamo senza ulteriori commenti (in questo momento impossibili) una serie di video che stanno arrivando praticamente in tempo reale dalla Siria.

Sono registrate esplosioni nel cielo notturno sopra i governatorati di Latakia, Tartous e Homs.
E' chiaro che sia in corso un attacco aereo, ma non altrettanto chiaro chi lo stia portando.

Potrebbero anche essere gli Americani coi loro lacché.

Rimandiamo qualunque commento e ragionamento a tra poco, quando vi forniremo tutti gli elementi che saremo riusciti a raccogliere e confermare.

La Repubblica Araba Siriana chiude la sua ambasciata a Kiev! Ukropitechi Nazi-NATO sempre più isolati!

Quello che vedete é una copia del documento con cui viene annunciato che dal 9 ottobre prossimo la rappresentanza diplomatica siriana a Kiev verrà definitivamente chiusa e tutto il suo personale richiamato in patria.

Devo dire che personalmente ritengo tale mossa un po' tardiva, ma suppongo anche che se non é avvenuta prima non sarà certamente stato per cattiva volontà siriana, ma con ogni probabilità anzi per pressioni russe, visto che Mosca ha percorso tutte le vie per trovare accordi con la dirigenza ucraina e quindi avrà insistito perché il proprio alleato arabo ritardasse un gesto di rottura simile.

Agenti sauditi aggrediscono 'blogger' dissidente a Londra in pieno giorno!

Ormai gli sgherri dei Saoud sono così certi della loro impunità da aggredire chi vogliono in pieno giorno in una capitale europea senza preoccuparsi di venire fermati o arrestati.

Il blogger e agitatore anti-Saoud Ghanem Dosari aveva comunicato in una chat in diretta la sua posizione in quel di Londra, quando immediatamente una pattuglia di uomini dei servizi segreti di Riyadh lo ha bloccato e ha iniziato a malmenarlo.

Ovviamente nessun 'bobby' di Scotland Yard si é fatto vedere.

Segue video dell'accaduto.

Continua il rientro dei profughi siriani in patria! 110 già arrivati, 50 in fase di partenza!!

Nuovi gruppi di rifugiati siriani stanno ultimando il loro rientro o si stanno preparando a rientrare in patria.
Lo ha comunicato l'agenzia stampa libanese NNA.
Il Governo di Beirut ha organizzato quattro punti di raccolta verso i quali stanno convergendo ex-profughi da tutto il Paese.

Veterani di Hezbollah mutilati in Siria prendono parte alle manifestazioni del mese di Muharram che preparano la ricorrenza dell'Ashoura!


Soldati di Hezbollah, che hanno perso le mani combattendo in Siria, partecipano alle tradizionali cerimonie di lutto di Muharram, in particolare le cerimonie per ricordare Abbas ibn Alì, fratello di Zaynab, il cui mausoleo è a Damasco (da qui lo slogan "kulluna Abbasuk ya Zaynab"= "siamo tutti il tuo Abbas, o Zaynab") e rinnovano il loro patto di lotta contro l'oppressione "meglio morire con onore che vivere in umiliazione". 
Anche ad Abbas ibn Alì individui che si consideravano musulmani amputarono le mani prima che cadesse martire. 
La storia si ripete e i nostri uomini sono di nuovo lì in prima fila: presenti!

Quando parlo di Hezbollah, mi rendo conto, spesso commetto l'errore di analizzarlo solamente dal punto di vista strategico e politico, come se fosse un fenomeno che si possa analizzare "asetticamente".

Ma ciò non è vero e, se ci si limita a questi dati 'tecnici' si rischia di non capire affatto i motivi del successo di Hezbollah.

Infatti, guardacaso, i sionisti, che sono materialisti e aridi, sono oltre trent'anni che hanno a che fare con Hezbollah, e non ne hanno capito nulla.

domenica 16 settembre 2018

L'Iran stigmatizza la passività al limite della connivenza con cui la polizia francese ha 'reagito' all'assalto curdo contro l'ambasciata!

I Francesi si sono attivati immediatamente per "protestare" e 'redarguire' l'Iran per il suo legittimo attacco missilistico contro i terroristi curdi dell'HDK, raggiunti a Koy Sanjak nel Nord dell'Irak da una raffica di sette vettori "Zulfiqar".

Il loro intervento 'a gamba tesa' é stato così bizzarro e irrituale da costringere il Portavoce del Ministero degli Esteri iraniano Qassemi a sottolineare come l'unica parte autorizzata a proteste poteva essere Bagdad, peraltro preavvertità dell'attacco e totalmente in accordo con esso.

Domani Erdogan vola da Putin per ricevere gli ultimi ragguagli su come abbandonare i terroristi di Idlib al loro destino!

In un incontro "non annunciato" (ma OVVIAMENTE stabilito nel corso dell'ultimo 'vertice a tre' tenutosi pochi giorni fa a Teheran) il Presidente turco Recep Erdogan volerà a Sochi per concordare, col collega russo Vladimir Putin, la condanna definitiva dei terroristi restati a Idlib.

Tutto é andato secondo i piani: il concentramento delle forze siriane intorno all'ultima roccaforte takfira in terra siriana è completato, il tentativo NATO di organizzare una 'provokatsiya' a base di gas é stato annunciato in anticipo e quindi prevenuto, nel Mediterraneo Orientale é schierata una forza aeronavale capace di far venire i brividi freddi agl'ammiragli occidentali.

Anche i Turchi hanno fatto la loro parte.

Tel Aviv, frustrata oltre ogni dire, tenta di nuovo di colpire l'Aeroporto di Damasco, ma le batterie siriane e i radar russi bloccano i suoi missili!

Si deve masticare veramente amaro a Tel Aviv.
La fola della 'superiorità aerea' è ormai un ricordo del passato.
Ormai, nemmeno volando vigliaccamente nei cieli libanesi i jet dell'Apartheid riescono a prendere di sorpresa i Siriani, i cui sistemi antiaerei, potenziati e modernizzati con l'aiuto russo, possono inoltre godere del collegamento con gli avanzati radar navali, terrestri ed aerei che Putin ha fatto collocare a Hymemim, a Tartous e al largo nel Mediterraneo Orientale.

Niente può sfuggire a tale rete di difesa, come testimoniato ieri quando il tentativo sionista di colpire l'Aeroporto di Damasco (l'ennesimo) é stato bloccato, con l'immediata trasformazione dei costosi missili aria-terra "a sei punte" in fuochi artificiali che hanno ravvivato il cielo notturno sopra la capitale siriana.