giovedì 18 ottobre 2018

La Resistenza di Gaza reagisce al bombardamento sionista lanciando due razzi, che evitano agilmente il fallimentare 'iron dome'!

Povero 'Iron Dome'!

Non solo 'spara a vuoto' quando "solleticato" dalle lunghe dita elettromagnetiche della 'bella' Krasukha, che lo eccitano e lo stuzzicano (e prematurano, anche!) fino all'eiaculazione di razzi a casaccio, ma, quando deve fare il suo dovere...improvvisamente ha la "debacle" e rimane inerte e impotente!

E' quanto é successo ieri, quando, fedeli al loro recente comunicato, le Brigate Qassam e la Saraya Al-Quds (rispettivamente milizia di Hamas e della Jihad Islamica) hanno lanciato ciascuna un razzo in rappresaglia per l'ultimo bombardamento sionista della Striscia.

Un RC-135V 'occhio volante' dell'USAF decolla dalla Grecia per spiare gli S-300 siriani, ma desiste poco dopo!

La potenza delle contromisure EW attualmente presenti in Siria é stata provata recentemente sia dalle missioni tentate e immediatamente abortite dall'aviazione sionista (una volta con F-16, un'altra volta con F-35), nonché dal recente "lancio a vuoto" (lancio praecox?) di un 'contro-razzo' di Iron Dome verso la Striscia di Gaza (il lanciatore sionista era stato 'titillato' da onde elettromagnetiche provenienti niente meno che dalla Siria).

Ulteriore prova la si é avuta oggi, quando un 'Rivet Joint' Boeing RC-135V dell'USAF é decollato dalla base greca di Souda per 'ficcanasare' in direzione delle batterie S-300 recentemente inviate a Damasco dai Russi e prontamente messe in funzione.

Il nuovo missile per i lanciatori S-400 é stato accettato ufficialmente tra gli equipaggiamenti delle forze armate russe!


Il missile terra-aria a lungo raggio 40N6 del sistema Triumf S-400 è stato accettato per il servizio nell'Esercito Russo, ha detto giovedì una fonte nel settore della difesa nazionale.

"Il missile a lungo raggio 40N6 [che verrà esportato con la sigla aggiuntiva 'E'] è stato accettato per il servizio.Tutti i documenti necessari sono stati firmati a settembre, dopo di che il Ministero della Difesa ha iniziato gli acquisti di questi missili", ha detto la fonte.

"Complessivamente si pianifica l'acquisto di più di un migliaio di missili 40N6 nell'ambito del programma di armamento statale fino al 2027 per fornire i reggimenti di S-400 di nuova costituzione e parallelamente riequipaggiare quelli già in attività", ha aggiunto la fonte, in totale 56 unità di S-400 dovranno ricevere il nuovo missile.

Curdaglia SDF (impegnata in fallimentare 'offensiva' contro l'ISIS) bombardata da due F-15 Usa!




La ridicola "offensiva" curda contro l'ISIS ad Hajin e dintorni doveva servire a 'dimostrare' che gli Usa sono in Siria per 'combattere il califfato' (quando invece sappiamo tutti che lo supportano e lo aiutano). Evidentemente tale atto ha "infastidito" i takfiri che hanno proceduto a sequestrare quattro militari yankee.

"Prontamente" (e ovviamente 'per errore') due F-15 Usa hanno provveduto a...bombardare i curdi! Evidentemente per smorzare gli ardori pugnaci dei 'coraggiosi' peshmerda!

Due aerei della coalizione a guida Usa hanno bombardato le forze curde siriane, interrompendo la loro offensiva sui terroristi dello Stato islamico, riferisce l'agenzia di stampa RIA. La fonte diplomatica ha definito la "mancanza di coordinamento e professionalità degli Stati Uniti".
Due aerei da combattimento F-15 della coalizione guidata dagli Stati Uniti hanno erroneamente preso di mira unità kurde durante la loro offensiva contro le forze restanti dei terroristi dello Stato islamico (IS, ex ISIS / ISIL) in Siria, secondo quanto riferito dalla RIA, citando una "fonte militare e diplomatica". ha detto che sei persone sono state uccise e 15 ferite dalla parte curda.

L'intesa tra Iran e Irak é sempre più salda: ufficiali dell'IRGC in visita al comando di Samarra!

Ieri abbiamo dato la notizia che commando della Guardia Rivoluzionaria iraniana, operando in Irak di concerto con le autorità del paese e col sostegno delle Hashd al-Shaabi e altre forze di sicurezza, hanno eliminato un pericoloso leader dell'ISIS che si nascondeva nei dintorni di Diyala.

Alcuni dei nostri lettori più assidui e fedeli hanno concordato con noi che la costante aggressione anglo-american-sion-saudita sta portando gli Stati e i popoli liberi della regione a unirsi e coordinarsi sempre di più.

Osservate queste foto, scattate oggi.
Mostrano un ufficiale dell'IRGC in visita a un comando irakeno a Samarra.

Parlamentare di Hezbollah visita la Russia, tiene conferenze e incontra il Viceministro Bogdanov!


Il deputato di Hezbollah, Dott. Ali Fayyad ha iniziato una visita in Russia, tenendo conferenze sul ruolo della Russia nella regione presso l'ambasciata diplomatica a Mosca alla presenza dell'ambasciatore libanese in Russia Abu Nassar e del Viceministro degli Esteri russo  Bogdanov, che é anche inviato speciale di Putin per il Medio Oriente.

Fayyad ha sottolineato dalla Russia che tutti gli schemi di Stati Uniti, regime sionista e Arabia Saudita nella regione hanno fallito, aggiungendo che sono riusciti a causare una massiccia distruzione.

Lavrov alla stampa francese denuncia le provocazioni occidentali e il crescente rischio di incidenti!


Le provocazioni occidentali, la prospettiva dello scoppio di una guerra mondiale e la posizione più vicina della Cina alla Russia sono solo alcuni degli argomenti trattati dal Ministro degli Esteri Sergei Lavrov nel corso di un intervista con reporter francesi.
"Saremo pronti anche per provocazioni su larga scala. Ma la nostra risposta è molto semplice: se ci parlano attraverso i media, risponderemo anche attraverso i media, ma in modo specifico e corretto ", ha detto Lavrov rispondendo alle domande di RT France, Paris Match e Le Figaro.

Andando oltre, ha detto che una terza guerra mondiale è uno scenario inimmaginabile, osservando che "tutti dovrebbero dimostrarsi abbastanza sani da non permettere che accadesse". Tuttavia, un fattore aggravante è l'assenza di qualsiasi dialogo tra l'esercito russo e la NATO.

Le tensioni sono ancora alte tra i due, ha detto Lavrov, citando il recente incidente a mezz'aria in cui un jet da combattimento spagnolo ha rilasciato casualmente un missile aria-aria durante una missione di addestramento nei cieli estoni. "Grazie a Dio, non ci furono vittime, ma cosa sarebbe successo se fosse atterrato sul suolo russo? Tutto è così vicino lì. "

Gli Stati Uniti stanno aggiornando la propria dottrina nucleare, ha dichiarato il diplomatico.

"Stanno creando armi nucleari a bassa potenza con il chiaro intento di usarle potenzialmente in combattimento".

mercoledì 17 ottobre 2018

Il 17 ottobre del 2000 il PFLP vendicava con una vittoriosa rappresaglia il dirigente Abu Ali Mustafa!

Il dirigente del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina Abu Ali Mustafa venne assassinato dai sionisti con un missile il 27 agosto del 2000.

Poco meno di due mesi dopo, con una accurata operazione di rappresaglia, che non coinvolse nessuno al di fuori del suo obiettivo, due agenti del PFLP portavano a termine la vendetta, secondo lo stile 'mosaico' dell'occhio per occhio.

Nel "Pianeta delle Scimmie" un 'elmetto bianco' cerca di disinnescare una bomba...non tutto va secondo il piano!

A meno che, ovviamente, il suo piano non fosse di ammazzarsi in maniera spettacolare e raccapricciante!

E' inutile, i takfiri le bombe le sanno mettere, ma non togliere!

Qui di seguito, in video, vengono mostrati i 'brillanti risultati' del "corso accelerato di artificeria wahabita' seguito dal nostro brillante membro della 'difesa civile siriana' (fasulla!).

Ardita operazione di IRGC e volontari irakeni colpisce l'architetto del bestiale attentato di Ahvaz del 22 settembre!

Nella giornata di ieri operativi della Guardia Rivoluzionaria Iraniana in 'trasferta' in Irak, cooperando con le locali forze di mobilitazione popolare Hashd Al-Shaabi sono riusciti ad eliminare il comandante terrorista dell'ISIS Abu Zahi al-Karawi, che é stato la "mente" del tremendo attentato terroristico del 22 settembre scorso ad Ahvaz.

L'eliminazione é avvenuta vicino a Diyala.

Segue foto del cadavere:

Ormai senza più vergogna i sionisti di Tel Aviv e i wahabiti di Riyadh si incontrano pubblicamente per tramare contro l'Asse della Resistenza!

Quarant'anni fa l'idea che il Capo di Stato Maggiore saudita potesse incontrarsi col suo omologo sionista avrebbe fatto scendere milioni in piazza in tutto il Mondo Arabo e Musulmano.

Ma la degenerazione progressiva del corrotto regime wahabita ha reso realtà quello che un tempo sarebbe stato considerato assurdo e impensabile.

I media israeliani dicono che il capo militare del regime ebraico, Gadi Eizenkot, ha tenuto colloqui con il suo omologo saudita, il Generale Fayyad bin Hamid Raqed al-Ruwaili, a Washington, mentre Tel Aviv si muove per rendere pubblici i suoi legami segreti con i governi arabi reazionari del Golfo Persico.

Dichiarazione congiunta Hamas - Jihad Islamica dopo codardi bombardamenti sionisti sulla Striscia di Gaza!

I due principali gruppi di resistenza palestinesi, Hamas e la Jihad islamica, hanno dichiarato di non essere interessati all'escalation con l'entità sionista, ma hanno sottolineato di essere pronti ad affrontare l'aggressione di Tel Aviv, qualora dovesse concretarsi, poche ore dopo che cacciabombardieri del regime ebraico hanno colpito diversi bersagli nella striscia di Gaza.

I gruppi palestinesi hanno negato la responsabilità dell'attacco missilistico che ha distrutto una casa a Beersheba mercoledì mattina, seguito da attacchi mortali che hanno ucciso almeno un palestinese e ferito almeno altre 7 persone.

Nello Yemen occupato da Sauditi ed Emiratini agenti americani assoldati da Abu Dhabi compiono omicidi "alla sionista" contro figure legate al Qatar!


C'é una guerra in corso in Yemen.

"Grazie tante, dirà qualcuno".

Ma noi ora non ci stiamo riferendo al combattimento eroico di Esercito di Sanaa e Ansarullah, ma alla 'guerra sporca' condotta coi metodi dei boia dello Shin Bet e del Kidon da mercenari americani assoldati dagli Emiratini (che, come i Sauditi, non sanno soffiarsi il naso e pagano altri per farlo al posto loro) nelle zone occupate dagli invasori dove sono in corso "purghe" contro i membri del partito islamista "Islah", legato all'Ikhwan e al Qatar.

Un rapporto ha rivelato che gli Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno assunto una compagni di mercenari  statunitense per avviare un programma di uccisione mirato in "Stile Tel Aviv" nello Yemen a partire dal 2015 contro figure indesiderate ai tiranni di Abu Dhabi.

Oggi é la festa dell'Aviazione Siriana, celebriamola onorando il Sukhoi-22, eroe di questi anni di guerra!

Molte guerre o fatti militari saldano il loro "mito" nella coscienza collettiva grazie a un veicolo o a un'arma "simbolo": lo Spitfire nella Battaglia d'Inghilterra, il T-34 a Kursk, il MiG-15 nella Guerra di Korea.

Secondo chi scrive, che in questi anni é stato umile cronista dei fatti dell'aggressione imperialista alla Repubblica Araba Siriana, l'arma-simbolo della caparbia, saldissima volontà di resistenza di Damasco é stato al di là di ogni dubbio il Sukhoi-22.


martedì 16 ottobre 2018

"Peshmerda" curdi...un nome, una garanzia...di incapacità e codardia...quattro militari Usa rapiti dall'ISIS!


Le forze militari statunitensi si sono ritirate dalle posizioni che occupavano nella parte orientale di Deir Ezzur dopo che un certo numero di soldati americani e di militanti delle bande curde sostenute da Washington (SDF) sono stati rapiti dall'ISIS, secondo quanto riferito da media russi.

Il sito web in lingua araba di Sputnik ha citato fonti ben informate che riferiscono che l'esercito americano e altre forze straniere, schierate nella zona orientale dell'Eufrate, hanno limitato la loro presenza in poche posizioni molto fortificate, principalmente vicino a giacimenti di petrolio.

Al via il 24 ottobre le esercitazioni aeromobili russo-egiziane! Presenti osservatori da 13 paesi diversi!

Continua con una serie di inziative il processo di 'recupero' da parte della Russia putiniana dello storico legame Mosca-Il Cairo.

Osservatori militari di 13 paesi assisteranno alle esercitazioni anti-terrorismo "Difensori dell'amicizia-2018" delle forze egiziane e russe, secondo quanto riferito dall'ufficio stampa del Ministero della Difesa di Mosca.

Torna la "Occhi Verdi" sopra il varco di Quneitra a ricordare a invasori e occupanti che il Golan tornerà siriano!!


La bandiera siriana è stata issata lunedì sul valico di Quneitra con il Golan siriano occupato, dopo quasi cinque anni da quando esso era stato chiuso in seguito alla presenza di gruppi takfiri sostenuti dal regime ebraico.

Il Governatore di Quneitra, Hammam Dbayat, ha dichiarato in un comunicato che l'apertura ufficiale del varco di Quneitraè avvenuto dopo la grande vittoria ottenuta dall'Esercito Arabo Siriano contro il terrorismo e la liberazione della Provincia delle organizzazioni takfire che hanno chiuso la traversata per circa cinque anni dopo il ritiro della Forza di Osservazione del Disimpegno delle Nazioni Unite nel Golan Occupato (UNDOF) dalla zona.

Da parte sua, il capo dell'Ufficio dell'Armistizio, il Generale di Brigata Mazen Younis, ha affermato che il varco garantisce la comunicazione con il popolo siriano nel Golan Occupato, in particolare per quanto riguarda la ratifica dei documenti ufficiali, l'incrocio di studenti e sceicchi, ed a eventuali casi umanitari che richiedono un trattamento.

Ha sottolineato che l'UNDOF si ridistribuirà nelle posizioni precedentement occupate dai terroristi.

Ha aggiunto che queste truppe consistono di 1250 osservatori internazionali e di circa 100 membri civili di diverse nazionalità che lavorano come personale per scopi logistici, e che queste forze sono considerate una missione internazionale emersa dalle risoluzioni delle Nazioni Unite che stabiliscono che il Golan Occupato è un parte integrante del territorio arabo siriano.

Damage Control! A Riyadh si lambiccano il cervello per escogitare una 'spiegazione dell' "Affare Khashoggi" che protegga il Principe Ereditario!


Nel tentativo di arginare le catastrofiche conseguenze della tempesta mediatica creatasi negli ultimi giorni il Governo dell'Arabia Saudita starebbe lavorando a un rapporto che includa una ammissione di responsabilità nella morte del giornalista saudita Jamal Khashoggi; praticamente si dovrebbe ammettere che egli sia deceduto durante un interrogatorio 'sfuggito di mano' nel consolato saudita di Istanbul, riferiscono fonti.

Il rapporto potrebbe implicare le persone coinvolte nell'operazione, ma proteggere il Principe Mohammed bin Salman; infatti secondo la ricostruzione che verrebbe fornita il fatto apparirebbe come frutto di un'operazione "rogue", senza autorizzazione, ha riferito una fonte alla CNN lunedì.

Tuttavia la stessa anticipazione di tale notizia potrebbe influenzare il contenuto del rapporto prima della sua uscita e potrebbe anche essere parte integrante della gestione della crisi saudita attraverso fonti che 'centellinino' anteprime, permettendo ai camerlenghi sauditi di 'tastare il polso' dell'opinione pubblica internazionale e 'aggiustando' di conseguenza toni e profondità dell' "ammissione di colpa".

PALAESTINA FELIX HA OTTO ANNI!!! Un ringraziamento speciale a tutti i lettori che ci hanno seguito fino ad oggi!!

Questo mese PALAESTINA FELIX ha compiuto otto anni.

Ho dato l'annuncio su FB tramite una diretta video (seguitemi!), ma ho tardato a fare la stessa cosa su queste pagine perché stavo aspettando la BELLISSIMA ILLUSTRAZIONE CELEBRATIVA che ho commissionato a una amica, confidente, lettrice, nonché talentuosa artista grafica.

Spero che tutta la "readership" la possa apprezzare, fin nei particolari più minuti, che non sono affatto casuali, anzi, sono pieni di significati, come nelle migliori opere d'arte!

Colgo l'occasione per fare un altro importante annuncio:

Jet della forza aerea saudita precipita durante l'addestramento! Morti allievo ed istruttore!


Sembra proprio che i corrotti Principi sauditi dovranno continuare ancora per un bel po' ad assoldare mercenari per pilotare i loro aerei.

Due piloti dell'aviazione militare saudita sono morti quando il loro jet di addestramento si è schiantato durante un'uscita nella regione nord-occidentale di Tabuk.

lunedì 15 ottobre 2018

Krasukha-4 'attiva' l'Iron Dome sionista AL CONFINE CON GAZA! "Avvertimento" da Putin?

Il complesso russo per la guerra elettronica Krasuhka-4 recentemente schierato in Siria ha causato un malfunzionamento nel  fallatissimo sistema di 'difesa anti razzo' sionists Iron Dome, riporta Avia.pro nella sua edizione del 14 ottobre.

Secondo i media di Tel Aviv, il sistema  "Iron Dome" è entrato spontaneamente in funzione al confine con la Striscia di Gaza, quindi affatto vicino alla Siria, ciò conferma l'enorme raggio del sistema EW russo. L’allarme è stato annunciato, una sirena ha suonato, il sistema di difesa ha lanciato un contro-razzo.

Tuttavia, l'allarme era falso.
Non c'è stato nessun attacco.

Non é la prima volta, comunque, che Iron Dome lancia i suoi razzi a vuoto, l'ultima volta é successo lo scorso marzo.

Al Nusra e Turchestani sembrano intenzionati a resistere; le forze siriane e russe pronte all'attacco?


Gli jihadisti nei Governatorati di Latakia e Hama devono ancora lasciare la zona cuscinetto Idlib, nonostante il fatto che il termine per il loro ritiro stia per scadere tra poche ore.

Un'offensiva miliare a questo punto sembra sempre più probabile.

Secondo una fonte militare a Latakia, i takfiri di Al Nusra e del Partito Islamico Turkestano hanno continuato ad approntare nuove trincee vicino alla città chiave di Kabani, mentre le truppe siriane e russe osservavano i loro lavori e prendevano nota delle nuove posizioni trincerate.

Terroristi ai ferri corti per l'evacuazione della "fascia smilitarizzata" nella Provincia di Idlib!


Come eloquentemente testimoniato dai nostri articoli precedenti le tensioni stanno aumentando tra i vari gruppi di terroristi takfiri nella Siria settentrionale e nordoccidentale rispetto all'Accordo di Sochi, mentre la scadenza per la sua attuazione è imminente.

Le fonti locali riferiscono che violente contese sono scoppiate tra i terroristi riguardo al ritiro di Al Nusra dalla zona demilitarizzata in Idlib e dintorni e l'inizio di un cosiddetto Governo della Salvezza della Regione.

Al-Sisi vola a Sochi per incontrare Putin e Medvedev e rinsaldare ulteriormente l'intesa russo-egiziana!


Il Presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi inizia lunedì una visita ufficiale di tre giorni in Russia, ha detto oggi il suo portavoce, Bassam Radi.

Secondo quanto comunicato, ci si aspetta che Al-Sisi e Putin discutano i modi per migliorare le relazioni bilaterali Mosca-Il Cairo a tutti i livelli. "Oltre a ciò, le parti continueranno a essere consultate e coordinate a livello regionale e internazionale, al fine di rafforzare il partenariato tra Egitto e Russia", ha affermato.

Le multinazionali a stelle e strisce si scoprono 'maoiste' e "Bastonano il Cane che Affoga!"


Doveva essere la "Davos nel Deserto", ma l' "Iniziativa Investimenti Futuri" voluta da Mohammed bin Salman per la fine di ottobre rischia di diventare la Waterloo di Casa Saoud.

L'amministratore delegato di JP Morgan Chase & Co Jamie Dimon e il presidente Ford Bill Ford sono le ultime società statunitensi che hanno cancellato i piani per partecipare a una conferenza degli investitori saudita a fine mese dopo la scomparsa di un giornalista dissidente al consolato saudita nella città turca di Istanbul.

Lavrov "silura" senza appello i disperati tentativi di Netanyahu di fare accettare a Mosca lo 'status quo' sul Golan!


Benjamin Netanyahu ha ricevuto una nuova, solenne batosta:

Egli ha infatti sollecitato pochi giorni fa la comunità internazionale a riconoscere la 'sovranità' di Tel Aviv sulle Alture del Golan.

"La presenza (del regime ebraico) sulle Alture del Golan è un fatto che la comunità internazionale deve riconoscere. Finché dipende da me, le Alture rimarranno occupate, altrimenti avremo Iran e Hezbollah sulle rive del lago di Tiberiade ", ha detto Netanyahu durante l'inaugurazione di una sinagoga.

domenica 14 ottobre 2018

Continuano nel "Pianeta delle Scimmie" le 'piacevolezze' tra i diversi gruppi takfiri: Al Nusra aggredisce Ansar al-Sham!


Terroristi wahabiti del Fronte Al Nusra hanno preso d'assalto le posizioni di un gruppo terroristico rivale nella parte  all'estremo Est del Governatorato di Latakia, l'unica che rimanga in mano ai terroristi.

I gruppi takfiri sono in controllo della Provincia di Idlib e poi di sottili strisce di terreno che da essa si prolungano nell'Est di Latakia, nell'Ovest di Aleppo e nel Nord della Provincia di Hama.

La Repubblica Araba Siriana si premunisce contro il settarismo e l'uso politicizzato della religione!

Una nuova dimostrazione di equilibrio e sagacia da parte di Assad.
La Siria ha approvato una legislazione che proibisce ai predicatori religiosi di "alimentare conflitti settari" mentre la lotta del paese arabo contro i gruppi terroristici takfiri sponsorizzati dall'estero sta volgendo al termine.

Il Presidente Assad ha firmato il nuovo disegno di legge che amplia i poteri del Ministero dell'Awqaf (sostegno religioso), che sovrintende agli affari relgiosi in Siria.

La legislazione proibisce ai religiosi di "approfittare di piattaforme religiose per scopi politici".

A Idlib diversi leader "ribelli siriani" (un Turchestano, un Tunisino, un Libico...) eliminati in attentati!!

Continua nella Provincia di Idlib la strage di comandanti dei "ribelli siriani".
Ovviamente, tutte le vittime venivano dall'estero.

Abu Haziqa Turkistani, un noto comandante straniero dei terroristi takfiri, è stato ucciso da sconosciuti assalitori nel Sud di Idlib tra intense tensioni e lotte intestine tra gruppi terroristici nella Siria settentrionale e nord-occidentale.
Abu Haziqa Turkistani, un alto comandante di Al Nusra, è stato ucciso dopo che degli attaccanti non identificati hanno aperto il fuoco contro di lui vicino alla città di al-Latamina nel Sud dell'Iblib.

Nel frattempo, Abu Zeid Tunisi, un comandante della sicurezza della prigione di Al-Aqab gestita da Al Nusra, è stato ucciso da uomini armati non identificati a Jabal al-Zaiwiyah nel Sud della Provincia di Idlib.

Nel frattempo, oltre 50 persone sono state rapite nelle regioni controllate da Al Nusra a Idlib nelle ultime settimane.

IL BEHEMOTH BRUCIA!! Combattenti yemeniti distruggono un 'Abrams' americano in servizio coi Sauditi, simbolo della tronfia arroganza imperialista!

Poche cose suggeriscono l'idea di una lotta impari come la scena di un carro armato moderno, un MBT, affrontato da una squadra di fanteria.
Non per nulla la vittora degli Hezbollah contro israhell nella Guerra d'Estate del 2006 risuonò particolarmente nell'immaginario grazie ai numerosi episodi che videro trionfanti i cacciatori di carri fedeli a Nasrallah contro i mostruosi 'panzer' sionisti della serie Merkava.
A volte la vittoria può essere resa più brillante se vi si sanno costruire intorno le giuste "mitologie" (Sorel docet).
Che dire dunque del traguardo raggiunto dai combattenti yemeniti che sono riusciti ad abbattere un M1 Abrams saudita?
Per anni la propaganda a stelle e strisce ha magnificato l'Abrams come "il migliore carro al mondo", ma la realtà si é incaricata di sfatare queste dicerie: é un mezzo ultrapesante, con un motore assurdo, una logistica improponibile e parzialmente efficace solo nel tiro controcarro a lunga distanza.

Anche negli 'elmetti' il ROSSO é MOLTO MEGLIO del bianco! Incontriamo i veri 'difensori civili' della Siria!

Si é combattuta una battaglia, nei giorni precedenti allo scorso sette ottobre.
Non molti lo sanno, però è successo.
Fortunatamente, abbiamo vinto.

Di cosa sto parlando? Del fatto che il 7 ottobre é stato comunicato il vincitore del Premio Nobel per la Pace.
Vi é stato serio rischio, per un momento, che esso venisse assegnato ai tagliagole degli 'Elmetti Bianchi'.

Non sto scherzando.
Infatti nei giorni precedenti all'annuncio l'ICDO, associazione internazionale delle Organizzazioni di Difesa Civile aveva sostituito il link internettiano al sito della Difesa Civile Siriana (quella vera, i Pompieri Siriani) con quello dei complici di Al Nusra, gli impostori che portano in giro bambini come pacchi per farli apparire nelle loro macabre burattinate.
Capite dunque? Si stava preparando la grancassa mediatica, era già tutto pronto!
Che il mondo dei media occidentali sia pieno di personaggi schifosi che lodano questi terroristi l'abbiamo già dimostrato eloquentemente più volte.


Dal campo di battaglia ai cantieri, ai campi coltivati, alle riserve naturali, i droni iraniani entrano massicciamente nella vita civile!

Sulle pagine di PALAESTINA FELIX il lettore attento e costante ha potuto seguire passo per passo la cronaca di numerosi eventi collegati con lo sviluppo di una forte industria indipendente iraniana del drone e del velivolo senza pilota a controllo remoto.

Ovviamente, questo sviluppo é stato, inizialmente tutto militare e si é intrecciato con le necessità del combattimento contro la minaccia takfira e wahabita in patria, in Irak, in Siria e anche con eventi eccezionali come l'hackeraggio dell'RQ-170 americano, prontamente e minuziosamente 'sezionato', studiato e quindi riprodotto.

Adesso però i droni stanno entrando sempre di più nell'uso civile anche nella Repubblica Islamica, svolgendo importanti mansioni in un sempre più vasto ventaglio di campi e applicazioni.

Tra di esse possiamo elencare:

Video della forza navale yemenita mostra la costruzione della mina "Mersad" e sequenze della distruzione del catamarano emiratino

Le forze navali yemenite nel corso di una campagna-media di cui abbiamo già dato notizia nel nostro precedente articolo hanno rilasciato un filmato intitolato "Mare di Fuoco" in cui si mostrano le fasi di costruzione e di posa di un nuovo tipo di mina, la "Mersad" (Agguato), che è stata introdotta recentemente nell'arsenale di Sanaa.

Il documentario ha mostrato che le forze navali yemenite possiedono tuttora sofisticati sistemi anti-nave e di difesa costiera nel loro inventario, che sono interamente fabbricati sul territorio nazionale.

Ha inoltre mostrato le scene di un catamarano ibrido Emirati HSV-2 Swift colpito con un missile antinave C-802 dalle forze yemenite al largo della costa di Mokha nel Sud-Ovest dello Yemen a ottobre 2016.
In seguito all'attacco il modernissimo vascello, che era stato valutato come potenziale "base mobile" dal "Sealift Command" degli Stati Uniti fu completamente distrutto.

sabato 13 ottobre 2018

Massicce proteste ad Hasakah contro i lacché degli Americani, i "kurdonki" che vogliono cancellare la Cultura Araba e Siriana!


Una vasta rivolta popolare contro i briganti curdi servi degli Americani (SDF) è stata riportata di nuovo nella provincia di Hasaka, secondo quanto riferito sabato dall'agenzia di stampa statale SANA.
Essa  ha riferito che decine di residenti di Hasaka sono riversati nelle strade del quartiere Al-Nashvah nella città di Hasaka, dimostrando contro le bande curde affiliate all'SDF che hanno impedito agli studenti di frequentare gli istituti che stanno ancora insegnando secondo il sistema educativo del Governo siriano legittimo.

Il Presidente Assad emana un provvedimento di clemenza verso i militari che durante la guerra hanno abbandonato il loro posto (senza compiere altri reati)!

Un indicatore importante del miglioramento della situazione in Siria e di come il paese si appresti a uscire finalmente dall'emergenza e ad affrontare il lungo, difficile, faticoso processo di ricostruzione morale e materiale del Paese e della sua società é arrivato oggi con la notizia che, con il Decreto Legislativo 18/2018 il Presidente Assad ha esteso un atto di clemenza verso tutti i militari siriani che dal 2011 in avanti, in coincidenza con gli eventi dell'aggressione mercenaria straniera, hanno abbandonato i ranghi delle forze armate.

Ovviamente, a patto che non siano indagati per altri reati; il perdono vale SOLO per l'allontanamento dal dovere militare.

Seduti comodamente davanti ai nostri PC o con i tablet e gli smartphone in mano é facile fare i 'draconiani' e raccomandare lavori forzati o plotoni d'esecuzione, ma un paese che 75 anni fa ha attraversato la tragedia dell'8 settembre dovrebbe sapere, se non proprio ricordare come simili eventi travolgano le vite delle persone, che magari si trovano a dover mettere in salvo la loro famiglia, o a voler restare vicino a parenti non autosufficienti, o a dover trovare costi quel che costi di che mantenerli.

Insomma, non tutti coloro che si sono resi 'AWOL' sono terroristi o nemici della Siria.
Questo video spiega molto bene i termini dell'aministia.

Fossa comune con cadaveri di donne e bambini trovata nelle campagne di Hama!

L'Esercito Arabo Siriano ha trovato una fossa comune vicino alla Diga Aqareb nel Nord di Hama, in un'area liberata durante la recente offensiva di , che era occupata da takfiri dichiaratisi per l'ISIS.

La zona é stata riconquistata a inizio di quest'anno, con la vasta offensiva che ha riportato le forze governative ad affacciarsi dal Nord di Hama verso la Provincia di Idlib.

Per scatenare la "Purga del Carlton" Mohammed bin Salman ricevette la lista di persone da colpire dal genero sionista di Trump!

La ricostruzione offerta da PALAESTINA FELIX dell'omicidio di Jamal Khashoggi come effettuato sull'onda di un ingannevole 'benestare' da parte Usa (onde poi poter 'punire' i Sauditi che avevano mostrato insofferenza per le continue sconfitte a cui si esponevano come esecutori di fallimentari direttive americane e sioniste) trova un importante riscontro nella rivelazione che già in altre occasioni Washington avrebbe spronato Riyadh ad azioni repressive illegali e criminali.

Il Principe ereditario Mohammed bin Salman al Saoud si è vantato di aver ricevuto da Jared Kushner una lista di scontenti e oppositori interni e di averla usata come linea-guida di una epurazione di Principi e uomini d'affari accusati di "corruzione", poco meno di un'anno fa.

Il governante 'de facto' della più grande economia del Medio Oriente è attualmente in tour negli Stati Uniti; ha incontrato il Presidente Donald Trump alla Casa Bianca, ha tenuto colloqui con una serie di persone ricche e influenti del paese e  per procurarsi un alloggio 'adeguato' ai suoi gusti principeschi ha prenotato l'intero Four Seasons a Beverly Hills per sé e il suo entourage.

Il Principe tra le altre cose si sarebbe vantato del suo stretto rapporto con il genero e consigliere del Presidente, il lobbista sionista Jared Kushner, affermando di aver ricevuto dalle sue mani la lista dei personaggi 'scomodi'.

La repressione della "corruzione" nel regno saudita fu guidata da "MbS" e iniziò a novembre, guardacaso giorni dopo che aveva incontrato Kushner per colloqui a Riyadh.

Palestinese quarantasettenne ammazzata a pietrate dai coloni ebrei degli insediamenti illegali!!


Gli invasori della Palestina sono in grado di sparare con armi militari contro ragazzi che tirano le pietre ai carri armati.

Ma sono in grado essi stessi di usare pietre, come hanno dimostrato ieri sera gli abitanti delle fungaie velenose conosciute come insediamenti illegali, 'ecomostri' che deturpano il paesaggio della 'West Bank'.

Lavrov dice che la Siria si calmerà solo con la partenza delle forze non invitate dal Nordest del Paese!


La presenza illegale degli Stati Uniti in Siria è uno dei motivi per cui la guerra non può finire, soprattutto perché Washington sta apparentemente cercando di creare un para-stato sulla sponda orientale dell'Eufrate, ha detto il Ministro degli Esteri russo.

La previsione sul futuro della Siria è arrivata da Sergei Lavrov in un'intervista rilasciata a RT France, Le Figaro e Paris Match. Alla domanda sul disarmo pianificato delle forze jihadiste nel Governatorato di Idlib concordata a Sochi con la Turchia, e se sarebbe stata la fine della guerra, il funzionario russo ha detto che risolvere la situazione solo a Idlib non avrebbe affatto messo fine alla crisi.

"Questa storia finirà solo quando il popolo siriano tornerà al controllo della Siria e quando tutti i soggetti coinvolti, specialmente quelli che sono venuti lì senza invito, se ne andranno", ha detto Lavrov. Ha aggiunto che Idlib non è l'ultimo posto problematico in Siria.

venerdì 12 ottobre 2018

Ad Ovest di Aleppo i Siriani lanciano ultimatum ai takfiri che rifiutano la ritirata secondo l'accordo di Sochi!

Le truppe dell'Esercito Arabo Siriano nel Governatorato di Aleppo hanno iniziato a radunarsi a Ovest della città, ha riferito ieri una fonte militare.

Secondo quanto trapelato, l'Esercito ha chiarito ai takfiri ad Ovest di Aleppo che se non lasceranno l'area entro il 15 ottobre,  un attacco su larga scala verrà scatenato contro di loro

Bogdanov, inviato di Putin per il Medio Oriente: la Siria può autorizzare sul suo territorio tutte le forze iraniane che ritiene opportune e necessarie!


Un alto funzionario russo ha definito assurda e irricevibile la richiesta del regime sionista di 'espellere l'Iran dalla Siria', affermando che la questione non riguarda gli affari di Tel Aviv, poiché è diritto sovrano della Siria di autorizzare la presenza di forze iraniane sul suo territorio.

"La Siria è un membro delle Nazioni Unite", ha detto il Viceministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov, aggiungendo che il paese arabo "ha tutti i diritti" alla sua autodeterminazione, esattamente la Russia, gli Stati Uniti e qualsiasi altro membro dell'ONU.

Anche israhell "atterra" tutti i suoi F-35...(meno male che ci doveva 'sfidare' gli S-300 siriani!!!)

In seguito allo schianto su Barnwell Island presso Beaufort (South Carolina) in cui due settimane fa un F-35B dell'USMC (i Marines americani) si é completamente distrutto, tutti i "Lightning II" in dotazione non solo a quel corpo, ma anche all'USAF (F-35A) e alla Marina (F-35C) sono stati 'messi a terra' per un ciclo di analisi e prove alle pompe del carburante, sospettate di essere all'origine del grave incidente.

Questo vuol dire che per oltre due giorni gli Usa avranno una considerevole quota della loro aviazione inoperabile.

I miliardari cialtroni angloamericani si ritirano dalla fiera dell'investimento prevista a Riyadh! Casa Saoud é stata "castigata" per aver dato segnali di insofferenza a Washington e Tel Aviv!

Richard Branson (magnate/magnaccia dei media-spazzatura)

the New York Times Co (fake news e propaganda)

Financial Times (fake news e propaganda)

Uber Technologies (sfruttamento cibernetico e caporalato del Terzo Millennio)

Viacom (media-spazzatura)

Arianna Huffington (fake news)

Questa é una lista parziale degli invitati che erano attesi alla FII (Future Investments Initiative) che si dovrebbe tenere a Riyadh tra pochi giorni, ma che hanno annunciato che non si presenteranno.

Il "siluro" lanciato contro Casa Saoud ha colpito!
Chi lo ha lanciato? Ma gli STATI UNITI D'AMERICA (su ordine israeliano, of course).

Gli ultimi sei jet 'trainer' T-50 hanno raggiunto Bagdad, l'IrAF può addestrare i suoi futuri piloti su apparecchi moderni e avanzati!

Ancora una volta PALAESTINA FELIX offre al suo fedele pubblico di lettori immagini esclusive per l'Italia.

Quelli che vedete in foto sono gli ultimi sei esemplari di jet addestratore/cacciabombardiere KAI T-50 che sono appena arrivati in Irak, a completare la fornitura di 24 esemplari che Bagdad aveva ordinato cinque anni fa.
I jet avrebbero dovuto essere tutti consegnati entro il 2016, ma purtroppo nel 2014 l'insorgere dell'ISIS nel Nord del paese causò comprensibili ritardi e dilazioni.