venerdì 3 maggio 2019

Una banca trans-nazionale per Iran, Irak e Siria, contro l'arroganza degli imperialisti anglo-sionisti!

Il Comandante delle Costruzioni della Base di Difesa Aerea di Khatam al-Anbiya, Saeed Mohammad, ha rivelato piani per il lancio di una banca comune tra Iran, Irak e Siria.

Parlando in una conferenza stampa a margine della 24a Mostra Internazionale dell'Iran, Petrolio, Gas, Raffinazione e Petrolchimica soprannominata "Iran Oil Show 2019", ha ribadito, "è in corso la pianificazione per la creazione di una banca comune tra Iran, Iraq e Siria per il restauro delle relazioni bancarie e finanziarie nelle banche centrali dei tre paesi. "

Nella situazione attuale in cui il paese sta affrontando un ridicolo attacco di sanzioni da parte degli Stati Uniti, il settore privato ha promesso di cooperare e collaborare con la sede centrale di Khatam al-Anbiya per riempire il posto vacante di compagnie straniere nell'industria petrolifera iraniana, ha aggiunto .



Passando al progetto della Raffineria del Golfo Persico, ha detto, "nonostante molti alti e bassi che si prospettano, questo gigantesco progetto è stato messo in funzione dagli ingegneri domestici".

Ha messo il fabbisogno annuo del paese per i prodotti delle industrie petrolchimiche equivale a 20 milioni di tonnellate.

Ha sottolineato che le sanzioni statunitensi non avranno alcun impatto sulle attività della sede centrale.

Mohammad ha indicato i mercati irakeno e siriano con grandi potenzialità e ha invitato gli industriali e gli attivisti economici del paese ad adottare un approccio logico e ottenere la parte del leone dei prodotti nei mercati redditizi dell'Irak e della Siria.

8 commenti:

  1. Ottima iniziativa contro l'arroganza di sion.


    Gianni

    RispondiElimina
  2. L'Asse della Resistenza non si piega e non si spezza!

    RispondiElimina
  3. Il morente impero anglo-sionista più insiste più produce una reazione uguale e contraria, moriranno prima di capire che per loro è finita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sono in grado di capirlo.

      Elimina
    2. Lui è tornato5 maggio 2019 13:08

      Comprenderai sicuramente che è tornato il sionista degli idrocarburi per provocare, facendo finta di lodarti sulla tua preparazione giornalistica ed economica.

      Elimina
  4. Ottima notizia.
    Arzegan

    RispondiElimina
  5. Questa bank diventerà top player dei mercati del futuro, ve lo dice lo sbrascia, vecchia volpe della finanza che conta, con aderenze anche a tel aviv (il denaro non puzza).

    RispondiElimina
  6. Mi sa che Kahane ne ha in serbo delle belle! Oltre alla profondissima conoscienza geopolitica militare forse egli ha anche talenti economici-finanziari...cosa bolle in pentola? Forze anche blog economico sui mercati?

    RispondiElimina