lunedì 14 marzo 2016

Suleiman Kahani in compagnia di una delegazione del Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina!

Una piccola "chicca" per tenere buoni i nostri affezionati lettori mentre percorriamo a ritroso il lungo itinerario che ci ha portato in Messico. Questa foto mostra il vostro amichevole capo redattore in compagnia della delegazione ufficiale del DFLP che é intervenuta nella capitale centroamericana al XXesimo Seminario Internazionale "I Partiti e una Nuova Società". I compagni Jehad Yousef e Kamal Hazan sono stati disponibilissimi e ci hanno rilasciato un'intervista che pubblicheremo prossimamente.

20 commenti:

  1. Viva la Resistenza....non lasciateci Soli.
    GianLu

    RispondiElimina
  2. A rigor di logica anche Martin Szhutz, SPD presidente dell'europarlamento è un "COMPAGNO", SPD partito socialista democratico responsabile dell'assassinio di Rosa Luxemburg e del massacro degli operai berlinesi bei COMPAGNI DEL CAZZO!
    Aveva provvisoriamente messo tutto a posto il Piccolo Padre ma non tutti hanno la fortuna di avere a disposizione l'NKVD e la SIBERIA.
    Stai accorto Suleiman che i socialisti sono una razza di TRADITORI MATRICOLATI, occhio alle pugnalate nella schiena.
    Ivan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jehad e Kamal vivono in Venezuela dove godono del cameratismo e del sostegno del PSUV e del Presidente Maduro (così come di Chavez prima di lui), sono degnissime persone che mi hanno lasciato una grande impressione di umiltà, dedizione, impegno e spirito di sacrificio.

      Elimina
  3. A parte tutto nella zona di Al Tanf la Giordania sta facendo entrare molti terroristi con la scusa di combattere Isis. Per adesso va bene, in quanto bloccano i rifornimenti per le scimmie,ma in futuro prossimo non saprei. Dopo le parole di Alloush,credo dovrebbe essere il fratello di quello che ha fatto una brutta fine per mano Russa. Seguirà anche lui.

    RispondiElimina
  4. Evviva Suleiman!
    Lex

    RispondiElimina
  5. FINITI I SOLDI!
    PUTIN ORDINA IL RITIRO DEI RUSSI DALLA SIRIA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco tanto allarmismo. Premesso che i soldi ce ne sono ancora e tanti, Putin ha lanciato un chiaro messaggio alle cosiddette 'opposizioni',SVEGLIA. È molto semplice: se voi deponete le armi e cessate ogni ostilità io smetterò di bombardarvi il testolino di merda. Ciò è proprio quello che sta succedendo.
      E non siate così stupidi da pensare che una giunta di generali e burocrati (perdipiù russi,i migliori) possano all'improvviso trovarsi allo sbaraglio senza soldi e fare retrofont. C'è qualcosa di ancora buono nel calderone, c è qualcosa sotto che ovviamente non dicono e non dimenticate che gli stessi iraniani possono prendere il posto dei russi se qualcosa dovesse andare storto nell avvenire (Kahani l anno scorso riportava l inizio della costruzione di uno scalo iraniano nei pressi di Homs in vista di probabili interventi)
      Non preoccupatevi che è tutto sotto controllo. In qunto a strategie la storia ha insegnato che i nostri amici nordici hanno sempre inchiappato ogni nemico con l'astuzia
      Pensate che adesso il copione non si ripeta?
      Lex

      Elimina
  6. QUESTA MOSSA METTE PRESSIONE AD ASSAD: ABBANDONA IL POTERE O RIMANI DA SOLO (O MEGLIO, SENZA IL DETERMINANTE APPOGGIO RUSSO).

    PER BASHAR è IL TEMPO DI FARE DIFFICILI DECISIONI.

    RispondiElimina
  7. come valutare il ritiro delle truppe russe dalla Siria (a parte il controllo del cessate il fuoco e la formazione)?
    le parole di ieri di lavrov? ossia russi e siriani prendono Palmira e SDF raqqah
    la consegna ritardata dei sistemi s300 all'Iran solo a partire da agosto quando era stato annunciato come già avvenuto di fatto ... più la notizia che la Russia concede un prestito di 2,5 miliardi di dollari all'iran (a dimostrazione che non è la fine della liquidata la decisione presa da Putin)

    secondo me se in una fase iniziale sono stati gli USA a scontentettare i propri alleati regionali ora è il turno della Russia. che per portare seriamente assad al tavolo delle trattative non può farlo stravincere ... spero che ora la formazione di un governo di unità nazionale sia a portata di mano e chela guerra civile finisca presto ... e che il proprio futuro lo passano determinare i siriani

    on

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quale guerra civile se arrivano i tizi dall'europa, africa e asia??...
      Putin o bleffa o è un figlio di pu..ana.
      Se venduto ad israele quella volta che Bibi è andato in Russia...

      Elimina
    2. guarda che io sono dall'inizio dell'intervento russo che dico che c'è un'accordo con gli americani per arrivare ad una soluzione diplomatica della guerra civile siriana ed alla'eliminazione dell'isis (lo dico da quando gli USA hanno tolto la portaerei, ne hanno 12 anche se non tutte attive. visto che da decenni una è fissa tra mediterraneo e golfo persico perche toglierla proprio quando intervengono i russi?)

      e ripeto gli Hezbollah sono più protetti dagli italiani in Libano che dai russi in Siria, nonostantequesti schierino aerei, s400 e navi varie

      a breve mi aspetto un allentamento delle sanzioni alla Russia. grazie a Renzi l'automatismo comunitario non c'è più e qualcosa potrebbe già cambiare a luglio ... sono ottimista anche per l'esempio iraniano, interviene in Iraq e dopo pochi mesi si arriva ad un accordo sul nucleare

      on

      Elimina
    3. ma come fai a vedere come positivo il calare le brage daventi a quelle fogne di americani e co.?
      bhaaa... spero che realmente il compito è finito perchè hanno previsto il crollo totale dei takfiri altrimenti Putin è venduto ai vicini dei libanesi (e non parlo dei siriani).

      Elimina
    4. non so se in questo scenario i siriani potrebbero uscirne vincitori perche il loro futuro sembra più scelto dalle cancellerie straniere che dai siriani stessi

      questo l'ho scritto ieri due articoli prima di questo

      io sono contento russi ed americani intervenga sui rispettivi alleati per far finire una guerra e smetterla di continuare a fomentarla. sono meno contento se questo avverrà sul futuro autonomo dei poveri siriani (ma per questo dovremmo aspettare i prossimi mesi per valutare a cosa si arriverà di concreto)

      on

      Elimina
  8. L'annuncio di putin è un po sconcertante. .altri cinque o sei mesi di appoggio russo all'esercito siriano potrebbero realmente mettere fine alla guerra e far recuperare al governo di assad l'integrità territoriale. .ma se si ritira ora tutti gli sforzi saranno stati vani...l'esercito siriano ha ancora grosse difficoltà nel mantenere l'iniziativa autonomamente e i gruppi terroristi godono di continui e crescenti afflussi di uomini e armi da turchia e giordania. Chissà. ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siete fuori di testa? si ritirano solo i militari! i caccia ed altro non lasceranno la Siria. Nuove reclute sono state addestrate dai Russi in questi mesi (truppe elite) . Insomma non facciamo confusione.

      Elimina
    2. da quello che ho appreso Putin lascia in Siria gli aerei per monitorare il cessate il fuoco, gli addetti alla formazione militare, e continua le forniture militari alla Siria. poi a detto che tiene le basi militari per cui qualche caccia rimane a lungo termine. si è anche saputo che la portaerei russa non va più in siria

      per gli altri mezzi militari penso si inizierà a vedere il passaggio dei mezzi terresti all'esercito siriano. la rapida fine dei voli dei bombardieri strategici. e per il grosso dei caccia un graduale ritiro, in base a come vanno gli accordi di pace e le operazioni sul campo. poi niente vieta che se le cose rallentano tra le forniture militari ci sia anche qualche cacciabombardiere ed i pezzi di ricambio per tenere in efficienza tutti gli aerei siriani.

      on

      Elimina
    3. https://www.almasdarnews.com/article/russia-withdraws-ground-troops-not-air-force/

      per al masdar l'aviazione resta

      on

      Elimina
  9. Brutto ritorno per il signor Khani...
    On, un governo di unità nazionale con chi per 5 anni ha combattuto al fianco di al Nasura? vorrebbe dire la fine del popolo siriano a brevissimo. Le serpi si ammazzano non ci si fornicola. Anche ci fosse un governo di unità nazionale la feccia utilizzerebbe la pace solo per muovere terroristi e autobombe in giro per la Siria per far ricominciare la giostra in un momento più propizio. Non penso che Turchi e Sauditi rinuncino a capitalizzare tutti i soldi che hanno speso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Putin è un abile giocatore di scacchi,non dimenticate! questa mossa farà vedere chi in realtà vuole la guerra in Siria non termini. Dopo se Turchi e Sauditi sbaglieranno,si scontreranno in maniera dura con gli Iraniani. Russia e Cina baderanno agli Usa e leccaculo europei.

      Elimina
    2. turchi e sauditi sono bloccati dagli USA. inoltre i turchi non possono intervenire per il caccia russo abbattuto.

      per gli accordi con l'opposizione è una strada che assad ha cercato dal primo momento della rivolta, nel 2011, e che continua con i frequenti decreti presidenziali di amnistia e con le elezioni che si terranno tra un mese.
      e poi storicamente le guerre civili si chiudono solo in due modi: 1 con l'eliminazione del diverso in stile Ruanda; 2 con la riconciliazione in stile Togliatti che amnistia i fascisti che non si sono macchiati di reati gravi (o Mandela in sud Africa)
      la terza via punire chi ha perso porta solo ad altri casini come dimostra il caso iracheno, dove il togliere ogni potere ai sunniti ha portato che le tribu laiche a preferire l'isis. al quale si è reagito con nuovo governo sciita, ministro della difesa sunnita e l'arruolamento nell'esercito nel 2016 di 30.000 sunniti (prima dell'isis di fatto inesistenti)

      on

      Elimina