martedì 24 luglio 2018

Aggiornamenti sull'abbattimento del Sukhoi siriano NELLA VALLE DELLO YARMOUK, in PIENO territorio siriano!

Nuovi dettagli sull'abbattimento del Sukhoi dell'Aviazione Siriana da parte dei finanziatori e sostenitori sionisti dell'ISIS, che é risultato nella morte del pilota Omran Merieh.



Il jet di Merieh era un Su-22M4, ricordate che QUESTO E' STATO IL PRIMO OUTLET GIORNALISTICO ITALIANO A IDENTIFICARE CORRETTAMENTE L'AEREO COME UN SU-22.
Fino a quel momento siti e testate avevano genericamente parlato di "un Sukhoi", alcuni mostrando anche foto di Su-24, altri ancora mostrando foto di MiG-21 e MiG-23.

Omran Merieh nell'Aviazione Siriana aveva il grado di Colonnello.

Il suo jet si é schiantato tra Ayn al-Qadi e Sayda, come mostra la mappa, QUINDI PIENAMENTE IN TERRITORIO SIRIANO.

12 commenti:

  1. Ora mi auguro ci sia analoga reazione in caso di violazione dei territori e spazi aerei siriani da parte dei criminali israeliani

    RispondiElimina
  2. Maledetti sionisti in eterno

    RispondiElimina
  3. Questa e' una dichiarazione di guerra a tutti gli effetti. Quando la Russia la farà finita con l'ipocrisia sionista e si comporterà da alleato con la "A" maiuscola con la Siria ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza la Russia non ci sarebbe la Siria, sangue freddo, non cadere nelle provocazioni e avanti, i risultati mi paiono evidenti

      Elimina
    2. È vero ma questo maledetto paese (Israele ) ti fa gridare vendetta oramai ogni giorno . Bastardi.!

      Elimina
  4. Cazzo di infami, poi si stupiscono di essere odiati dal mondo intero.

    RispondiElimina
  5. Fanno ben di peggio che violare o abbattere proprietà e capitale umano siriano... Hanno dai tempi dell'Egitto antico schiere di menzogne e di soprusi sul groppone, peccato che i romani abbiano infierito ben di più su Cartagine sui celti sui galli e sui germani (per inciso sempre con onore) e non abbiano raso al suolo una civiltà tanto malevolo, falsa, che fa del vittimismo dell'inganno la propria bandiera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A raderla al suolo, l'han fatto. Ma direi che sia Vespasiano che Tito si dimostrarono troppo clemento con i Giudei superstiti, permettendo loro di sparpagliarsi per l'Europa dopo la distruzione di Gerusalemme.

      Elimina
    2. E voglio sempre ricordare a tutti che già allora la Giudea non era la terra degli Ebrei, sono sempre stati un popolo vagabondo, errabondo e nomade, già a quei tempi si chiamava in realtà Palestina, come poi effettivamente i Romani la rinominarono.

      Elimina
    3. Ebrei furono sponsor di tutte le rivolte scoppiate in Medio Oriente, se i Romani lo avessero potuto sapere o prevedere col cavolo li avrebbero risparmiati, e questo già oltre 100 anni prima di Tito (con Pompeo).ovviamente cambiando corso della Storia...niente Cristianesimo e indebolimento Impero, niente Islam...più truppe a Nord e niente invasioni germaniche..ovvero niente anglosassoni... Peccato!!

      Elimina
  6. E l'ONU che fa? Niente!!! A riprova che è un organo inutile, o meglio utilizzato solo per propaganda e baggianate, nonché stipendifici... Se non riesce a risolvere tutte le violazioni di diritto internazionale compiute solo da Israele e USA (detengono ogni record) con che faccia possono criticare paesi il cui unico crimine è avere sovranità nazionale.

    RispondiElimina
  7. Amici...bisogna resistere..se c fosse una reazione da parte dei russi o dei siriani..faremmo il gioco dei sionisti e loro alleati. É quello che vogliono. Ancora un pò di pazienza. I russi non dimenticano e sanno distinguere i veri amici..

    RispondiElimina