sabato 27 agosto 2016

Quaranta attacchi aerei russi in meno di sei ore annunciano una probabile offensiva siriana contro Kabani!

Kabani, località strategica per l'accesso alla porzione più orientale del Jebel al-Akrad, sarà probabilmente oggetto di un'offensiva siriana volta a completare la liberazione della Provincia di Latakia una volta per tutte e cominciare l'avanzata da Ovest nel Governatorato di Idlib.

Lo si può intuire e dedurre dall'intensità con cui i bombardieri del corpo di spedizione aereo russo schierato nella base di Hymemim stanno colpendo avamposti, punti di comando, arsenali e basi del Fronte Al Nusra e di altre organizzazioni takfire tutto intorno alla cittadina.

Finora si sono contati oltre quaranta attacchi in meno di sei ore, iniziando dalla notte e proseguendo attraverso l'alba e la prima mattinata.


Molto probabilmente l'offensiva sarà guidata dalle truppe scelte della 103esima Brigata della Guardia Repubblicana, dalla Brigata "Falchi del Deserto" e dai Fanti di Marina della Mughawayr al-Bahr, unità che si sono già distinte nella conquista di molte località del Jebel al-Turkman e del Jebel al-Akrad, come ad esempio Kinsibba.

22 commenti:

  1. Ottimo, era quello che mi auguravo!

    RispondiElimina
  2. era ora...... e poi di corsa fino a jisr al shunghur.

    bisogna attaccare in più punti del fronte(visto che adesso circa 3000 soldati d'elite si sono liberati da Darayya) in modo da non dar modo al nemico di concentrarsi in un solo punto, dividendo le loro forze in modo che, costretti a spostarsi allo scoperto continuamente per rattoppare le avanzate siriane sarebbero facile preda dell'aviazione russo / siriana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo penso che andrà come a Kinsibba. Presa, persa poi ripresa e poi persa ancora e alla fine presa dopo mesi di questo avanti in tre un passo avanti e due indietro. Dovremmo attendere mesi per prendere Kabane.

      Huras

      Elimina
    2. non credo che andrà così... specie se sapranno sfruttare al massimo i 4000 soldati della Guardia repubblicana che si sono liberati dalla sacca di darayya!!!

      Elimina
    3. Huras, la guerra è ancora lunga perchè vi sono decine di migliaia di sub-umani barbuti e molti altri l'occidente ne manderà ancora, per cui è probabile che questi tira e molla andranno avanti ancora, quello che stiamo imparando dal modo di combattere delle Forze Syriane è che molte volte si ritirano, quasi invitando all'attacco i contractors a libro paga dei nostri governi, onde sterminarne il più possibile e allo stesso tempo tentando di salvaguardare i propri ranghi, che al sesto anno di guerra sono più preziosi che mai, per cui è facile come dice lei che quando avverrà non sarà una conquista definitiva, i taqfiri sono tanti e ben finanziati, una nota positiva è che però saranno sempre meno preparati per via del tempo che manca alla nato per addestrarne così tanti, 7.000 sono già pronti ai confini sud della Syria, così almeno dicono molti siti.

      Elimina
    4. signor Huras: lei vede giustamente la REALTÂ. Non quello che la fantasia del singolo vorrebbe far capitare! Magari domani riprendono Kabane, magari fra 6 Mesi. Chi vuol farci credere le visioni come realtà, sgarrano e dimostrano che della realtà sul campo conoscono la famosa acca ( K ).TR1

      Elimina
  3. Cancellate dalla faccia della terra questi luridi ignoranti ciabattari dalla barba incolta.

    RispondiElimina
  4. se riuscissero a sfondare il nemico sarebbe costretto a richiamare forze da Aleppo per la gioia dei piloti russi che farebbero il tiro al bersaglio ad occhi chiusi.

    non capisco inoltre perché i Su-34 di base ad Hamadan son stati rischierati in Siria (Kuweires, T3).....qualcuno mi illumini....

    RispondiElimina
  5. Cancellate dalla faccia della terra questi luridi ignoranti ciabattari dalla barba incolta.

    RispondiElimina
  6. Signor Giovanni, ammiro la sua esperienza pratica sul campo ( in quale esercito? quale unità combattente? quali battaglie reali non virtuali?). Mi chiedo perchè uno stratega come lei non si arruola nello stato maggiore siriano. Con un paio di termobariche, la distribuzione di 3000 Elites ( è sicuro che erano tutti a Daraya?) su diversi fronti, innumerevoli attacchi lei sgominerebbe i Takfiri in un batter d'occhio.
    Non ha notato che da anni i Takfiri si spostano già continuamente allo scoperto? Più mobili di così si muore, cantava Giulio Cesare nella vasca da bagno assieme a Archimede! E cosa hanno combinato le aviazioni??? TR1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quale esperienza sul campo gnocco!!! sono tattiche militare lette e imparate leggendo libri ad hoc che trattano proprio queste di queste tematiche. certo che se il tuo massimo è leggere novella 2000 o playboy non ci arriverai mai!!!
      la siria deve sfruttare al massimo l'aviazione visto che il nemico non ha nulla da opporre!!!

      Elimina
    2. signor Giovanni,
      giorni fa lei si è offeso, perche il dott. Kahani le aveva dato giustamente del cretino.
      Ora lei da del GNOCCO e del lettore del Playboy a una persona che educatamente le aveva chiesto informazioni.
      LEI Ê UNA MIMOSA SENSITIVA umana, naturalmente.
      Lei di strategia capisce un CAVOLO, ha solo la grande GANASSA!
      Lei fa finta di sapere, ma in pratica lei racconta parole vuote.
      Chi non sa che la Siria deve sfruttare al massimo l'aviazione????
      Con questa frase pensa di aver dimostrato di aver letto i libri da lei citati?TR1

      Elimina
    3. il mio è un MODESTO commento su come vedo (e vedrei) io le cose senza offendere qualcuno.

      anzi, visto che mi scrive e mi deride, gradiremmo tutti conoscere la sua opinione in merito su cosa farebbe o non farebbe LEI in questi casi.

      se non so lo sa, si astenga dal commentare e deridere chi OSA proporre il suo pensiero e passi oltre al prossimo commento senza consumare la vista per niente.

      almeno io a)ho "le palle" di mettere in gioco il mio pensiero (condivisibile o meno)
      b)di farmi vedere come mamma mi ha fatto invece di essere come LEI un anonimo cetto qualunque:

      la querelle con il dott Kahani era nata per un qui pro quo rapidamente chiarito e visto che sia io che il dott.Kahami siamo ampiamente maggiorenni e visto che Lei non è parte in causa, la invito gentilmente a farsi i cxxxi suoi.

      Elimina
    4. Signor Giovanni,
      Lei mi invita a esprimere la mia opinione in merito " su cosa io farei o non farei in questi casi". La mia risposta è: " UN BEL PIACER NON FU MAI SCRITTO!"
      Per potersi esprimere bisogna conoscere i PARAMETRI che regnano in tutta la Siria in generale e al punto X nel momento Y.
      Ne cito alcuni: strategia generale dello stato maggiore, dove sono i fronti, come sono ubicati, forze nemiche e amiche, riserve, intenzione del nemico, support da parte dell'artiglieria, elicotteri, aviazione, forze corazzate, ubicazione per una eventuale ritirata, ecc. ecc.
      A parte qualche informazione credibile che arriva giorni DOPO le battaglie, NOI SAPPIAMO NULLA al quadrato!!! Le situazioni puntuali al fronte ce le costruiamo con la nostra FANTASIA, più o meno sviluppata.
      ABITUATO ALLA VITA MILITARE REALE, mi astengo dal fare prognosi, per cui mi sento incompetente. TR1

      Elimina
    5. correggo .....TACER.....TR1

      Elimina
  7. ho visto su Edmaps che poi i turchi non hanno attaccato i curdi bensi proprio le zone occupate dai tafkiri sul confine .
    lo scopo è chiaramente di evitare la riunione delle due aree occupate dai curdi a sinistra e destro dei ciabattari.

    RispondiElimina
  8. Kabani e' un osso duro, e' da parecchio che solo li intorno cercando di prenderla. Stavolta e' quella buona, ci vorra' il tempo dovuto ma se non ripartono con le tregue si chiude definitivamene Latakia e' inizia la liberazione di Idlib.

    RispondiElimina
  9. Gli iracheni accusano gli USA di fornire false informazioni sull’ISIS. La doppiezza degli americani rende pericoloso ogni accordo e inutile ogni trattativa. Bashar al-Jafari, rappresentante della siria alle NU lancia un allarme sull’intervento turco in Siria: “Non c’è dubbio che ci sia pressione russo-iraniana su Ankara per farle cambiare politica verso la Siria. Ma la Turchia dice una cosa e ne fa un’altra. Sentiamo buoni interventi ogni giorno, ma non vediamo nessuna azione reale. Se ci fossero azioni coerenti con le dichiarazioni, non avrebbe iniziato l’operazione a Jarabulus. Gli Stati Uniti usano la Turchia, il braccio armato del PKK, al-Nusra e altri. Questo è noto “.
    L’allarme avvalorerebbe la tesi del finto golpe operato con la super visione della CIA. Se le cose stessero effettivamente così, allora Putin sarebbe caduto in una trappola molto sofisticata che, ancora più di tutte le provocazioni attuate finora per spingere la Russia a una reazione, con una strategia subdola di invasione mascherata, avrebbe creato le condizioni per rendere inevitabile una risposta. Una situazione estremamente pericolosa per i destini globali. La Russia se volesse replicare dovrebbe presto denunciare all’ONU l’azione turco-americana e stigmatizzarne la violazione delle norme del diritto internazionale, dopo di che approntare una immediata e letale risposta tale da prendere di contropiede gli USA e lasciare la NATO incapace di reagire. A meno di un intervento in soccorso da parte del più stretto alleato, la Cina, la quale avendo in mano l’arma del debito americano potrebbe intimare a questi ultimi di abbandonare i loro piani per il Medioriente, non sembra ci siano alternative. Operando improvvise e massicce vendite di dollari la Cina potrebbe mettere in crisi la valuta e l’economia americane indebolendone, sul momento, le mire imperialistiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi riesce difficile credere che gli americani onorerebbero i propri debiti verso la Cina, a meno che la fed non stampasse altri $ fasulli ed in quel caso non gli costerebbe granchè.

      Elimina
    2. Non può farlo, i loro quantitative easing, non hanno sostito alcun effetto benefico per l'economia, nulla, se non fornire altra carta igenica con cui i colossi bancari "troppo grandi per fallire" hanno potuto rattoppare i loro buchi di bilancio visibili dalla Luna, e continuare a speculare e investire in derivati. Stessa cosa con i Qe della BCE del "fratello" Draghi, i cui miliardi sono finiti nelle banche (tecnicamente strafallite di fatto) e con cui tenere artificialmente bassi i tassi di interesse sui titoli dei Paesi dell'eurozona, comprandoli a manbassa. Ma l'effetto della droga non durerà ancora a lungo, e il comparto azionistico bancario, in Italia, da inizio 2016, è crollato del 70% (!!). Non oso pensare poi DetushBank, che ha in pancia decine di migliaia di miliardi di euro e dollari in derivati.
      E il bello è che c'erano un sacco di economisti, anche americani, che prima che l'euro venisse introdotto, sostenevano apertamente senza giri pindarici, che l'euro, non avrebbe funzionato e sarebbe stata una catastrofe per il settore industriale e manifatturiero di certi Paesi, Italia inclusa. Comunque la Cina vende i titoli del debito Usa, ma non può farlo di botto, ne risentirebbe pesantemente anche lei; però lo fà, ma lo fà gradualmente. In sinergia con altre politiche, come quelle Russe e Iranane sopratutto, il cosiddetto petrodollaro stà già perdendo il suo status, è un dato di fatto.

      Elimina
    3. Quello che dice il Christian è esatto. Mi permetto di aggiungere che USA bond a 30 anni paga ancora una rendita di ca 2.2 %. Su un debito di ca 1.200 000 000 ( 1,2 billioni) la Cina incassa la bellezza di 26 milliardi di interessi annui.
      Ricordo che l'Eurobond a 10 anni da una rendita negativa!
      Come giustamente dice Christian, una vendita massiccia dei bond
      in mano alla China farebbe sprofondare il corso di questi titoli.
      Dato che il USA dollaro ha perso la fiducia sarebbe difficile trovare degli acquirenti. In più mi sembra che il RENMINBI non sia ancora convertibile al 100%.TR1

      Elimina