mercoledì 9 maggio 2018

Ormai per "mappare" il territorio rimasto all'ISIS a Sud di Damasco serve il navigatore stradale!

Poche decine di Km Quadrati, ecco tutto quel che rimane del "regno" dell'ISIS nel Sud di Damasco; completamente isolato da ogni via di fuga, accerchiato da unità siriane e palestinesi ormai esperte nel combattimento casa per casa all'ultimo 'brandello' di "califfato" nei pressi della capitale siriana non resterebbe che arrendersi, ma il fanatismo e la droga (che stranamente non sembra mai mancare ai forsennati del 'Daash') spingeranno probabilmente gli ultimi militanti estremisti a fare la fine del topo.

La Città Sportiva "Palestina" é stata strappata ai terroristi che si sono ritirati verso le 'Piscine Bassil Assad', uno dei molti complessi sportivi che servivano il quartiere-modello di Yarmouk che sono ignoranti e sionisti possono continuare a chiamare "Campo Profughi".

Bisogna ricordare che in Siria i Palestinesi sono stati in grado di vivere le loro vite con dignità e con tutti i Diritti dei normali cittadini siriani, ivi compreso quello di svolgere il servizio militare; infatti una delle unità impiegate nella liberazione di Yarmouk fa capo all'Esercito di Liberazione Palestinese; unità che raccoglieva tutti i militari della nazionalità ospite in Siria.

5 commenti:

  1. Mi auguro di vedere un giorno queste "unità siriane e palestinesi ormai esperte nel combattimento casa per casa" combattere per le strade delle città occupate in Palestina dai sionisti.

    RispondiElimina
  2. Anzi dalla cartina direi che sono solo 3 kmq scarsi

    RispondiElimina
  3. strozzateli tutti

    RispondiElimina
  4. Un'area grande sì e no come lo Stato del Vaticano. Speriamo in una rapida epurazione della feccia fondamentalista prezzolata dai sionisti e dagli americani.

    RispondiElimina