sabato 30 aprile 2016

Almeno 38 terroristi dell'ISIS eliminati a Deir Ezzour senza nemmeno una perdita tra le fila siriane!

A Deir Ezzour duplice attacco e duplice sconfitta nelle ultime ore per l'ISIS che ha provato ad attaccare le posizioni siriane ad Hamidiyeh e nei pressi di Muhasan; ad Hamidiyeh i terroristi del 'califfato' hanno avuto la cattiva idea di attraversare tre edifici che erano stati in precedenza minati dai genieri demolitori siriani, che hanno attivato i detonatori facendogli letteralmente piovere i caseggiati in testa: 23 takfiri sono restati sotto le macerie.

Vicino Muhasan invece sono stati i jet dell'aviazione a distruggere la colonna di miliziani che si avvicinava alle postazioni siriani, eliminando almeno 15 terroristi e quattro loro veicoli a motore. Combattimenti di minore intensità si sono registrati attorno ad Al-Sina e alla zona industriale.


Nemmeno un militare siriano é morto in queste operazioni; dopo il recente rinforzo da parte di paramilitari irakeni la città di Deir Ezzour é presdiata da: la 104esima Brigata Paracadutisti della Guardia, la 137esima Brigata della 17esima Divisione, i commando del Gruppo Al-Qassem (Generale Ghassan Taraaf), la milizia NDF cittadini, i volontari delle Brigate Baath, i volontari sunniti del Clan Shaytat e, ultimi arrivati, i volontari irakeni (circa 250).

14 commenti:

  1. Ho letto su Al Masdar che l'esercito sirio e iracheno combateranno insieme contro dassh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra che si stiano coordinando in tal senso

      Elimina
  2. Molto bella questa foto del generale Zahar Eddine che sostiene un bimbo della nobile gioventù siriana, evidentemente ferito abbastanza gravemente dai criminali dell'americano-sionismo. Un giorno, questi figli di prostitute malediranno il giorno in cui sono nati !

    RispondiElimina
  3. Vorrei chiedere 2 cose al Blogger S.K. la prima se potrebbe pubblicare anche le sconfitte dell'esercito siriano (come avvenute a Al-Eis e dintorni da parte di al-Nusra, giusto per essere obiettivi nei fatti) e la seconda se un giorno si cimenterà nel scrivere un libro all'altezza di J. Keegan sulla guerra civile siriana, sarei felice nel comprarmelo; basandosi sulle vicende che pubblica sul suo sito e altre fonti ufficiali che potrà ricavare. Cordialmente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco perchè bisognerebbe fare propaganda per nusra. Strano quello che scrivi. Voi credete che la guerra sia Siria contro un altro esercito,mentre invece si tratta di pericolossimo terrorismo. Quindi nessuno può scrivere di qualche battaglia dassh e nusra vinta! in quanto saranno schiacciati senza nessuna partita,sono il nulla questi scarafaggi!

      Elimina
    2. la vera battaglia strategica si gioca tra Palmira - Raqqa - del Ezzor - Al Bukamal.

      conquistato questo territorio il resto della guerra sarà semplice noia

      Elimina
    3. @ Giovanni Neto

      mmh...è tutto deserto chiusi i confini in 2 settimane non avranno più armi... la vera battaglia è prendere Idbil e Aleppo

      Elimina
    4. Devi anche considerare che Al-Eis fu abbandonata senza combattere e senza perdite nel momento dell'abbandono. Era una posizione impossibile da mantenere dato che era circondata a nord,a sud e a ovest da nusra e FSA. Solo un ufficiale pazzo avrebbe rischiato di far circondare centinaia di uomini nel momento in cui i gruppi terroristici di qui sopra avevano lanciato un'offensiva.
      Vorrei infine ricordarti che Al-Eis fu abbandonata con ausilio di fuoco di copertura di aviazione e artiglieria che aveva lasciato morti sul campo non pochi mercenari
      Lex

      Elimina
    5. x vendola: l'importante è avere il controllo dei punti strategici dove passano o magari convergono più nodi stradali (visto che i ratti non hanno aerei da trasporto). Sigillati quelli (al bukamal al confine con l'raq per esempio) il resto dei ratti senza né munizioni Nè uomini appassirà piano piano come una pianta senza acqua.....

      Elimina
  4. Vorrei chiedere 2 cose al Blogger S.K. la prima se potrebbe pubblicare anche le sconfitte dell'esercito siriano (come avvenute a Al-Eis e dintorni da parte di al-Nusra, giusto per essere obiettivi nei fatti) e la seconda se un giorno si cimenterà nel scrivere un libro all'altezza di J. Keegan sulla guerra civile siriana, sarei felice nel comprarmelo; basandosi sulle vicende che pubblica sul suo sito e altre fonti ufficiali che potrà ricavare. Cordialmente :)

    RispondiElimina
  5. La battaglia per liberare Aleppo e' in corso, per ora a livello politico e di conseguenza mediatico. Qui i Russi sono decisivi, la fine dell'is e' gia' stata decisa il destino della Siria ancora no. Gli usa sono in fermento, obama si e' fatto il suo giretto, altri pezzi grossi della sua amministrazione uguale, nuove truppe e armi sul campo, stiamo arrivando alle decisioni irrevocabili. Nel frattempo la turchia si sta suicidando.

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Commovente la foto del bimbo con il Leone della Resistenza. Un grazie di cuore di lottare e resistere per tutti noi.

      Tommaso Baldi

      Elimina