domenica 10 luglio 2016

Nessun 'abbattimento' del Mi-35 precipitato in Siria, vittima invece di una malfunzione di un suo razzo!

Ci spiace molto rovinare i circoletti di masturbazione reciproca in atto tra i vari ammiratori dell'ISIS che carognescamente infestano anche i commenti di questo blog ma il Mi-35 che é caduto ad Est di Palmyra mentre stava mandando i takfiri del 'califfato' al loro appuntamento coi 72 transessuali randelluti che li aspettano all'inferno non é stato colpito da nessuna "bodendissima" arma di Obama o di Netanyahu, ma é stato vittima della prematura esplosione di un razzo detonato nel suo "pod" al posto di venire lanciato come gli altri della raffica che stava scagliando.

L'esplosione infatti avviene nel bel mezzo di un lancio di razzi, in cui tutti quelli precedenti si dirigono sicuramente sui loro bersagli mentre quello incriminato esplode lanciando fiamme e fumo in direzione contraria alla marcia dell'aeromobile, che poi si avvita.

I due martiri russi quindi sono restati vittime di un guasto tecnico, come può capitare a tutti i piloti collaudatori di qualunque forza aerea del mondo; il popolo russo e quello siriano, comunque, non dimenticheranno il loro sacrificio e iscriveranno i loro nomi insieme a quelli di tutti gli altri martiri immolatisi per il trionfo della Verità e della Giustizia contro le tenebre del takfirismo sionista e imperialista.

42 commenti:

  1. In qualunque modo sia successo onore ai martiri e alla Russia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sempre e comunque, ma speriamo che sia chiaro a tutti quanta differenza passi tra dire "Elicottero russo precipita per guasto a un pod di razzi" rispetto a "L'ISIS HABBADDE LELYCOTTERI DI BUDYN KOI MISSILI DI MAZZINGAH!"

      Elimina
    2. Per sottolineare come mai chiamiamo eroi i soldati russi consiglio vivamente questo video:

      https://www.youtube.com/watch?v=P3WG8cNzR1U

      Tommaso Baldi

      Elimina
    3. veramente la notizia dell'abbattimento è stata data dal sito del governo tusso sputnik, che non credo sia accusabile di partigianeria,chiaramente possono sbagliare anche loro. pietro

      Elimina
    4. Pietro e' vero quello che dici ma quello che sputnik ha scritto non combacia per nulla con quanto si vede nel video. Scrivevano anche di un modello diverso. Il video e' molto chiaro e sembra proprio il razzo che colpisce la coda come scritto qui.

      Elimina
    5. senza censurare nulla, il primo commento ha una terminologia ridicola ed infantile.

      Elimina
    6. senza censurare nulla, il primo commento ha una terminologia ridicola ed infantile.

      Elimina
    7. Le persone con poca intelligenza non riescono a riconoscere l'ironia nemmeno quando ci sbattono contro

      Elimina
  2. bonifacio VIII10 luglio 2016 05:37

    e'la stessa differenza che passa quandoi talebani abbattevano in afghanistan elicotteri americani e i portavoce del pentagono
    informavano che era un guasto tecnico.Suleman fatti una birra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. papocchio, fatti una sega

      Elimina
    2. bravo Bonifacio!
      Sputnik parla chiaro: abbattimento. Ci vuole l'IQ di Kahani e consorti per credere che la foto pubblicata abbia a che fare coll'elicottero in questione.
      A scarico di Kahani vi propongo di credere che "l'incidente" e' avvento a causa della collisione del tappeto della Preferita di Mohammad Selim Sabin durante il ritorno in cielo dopo le feste ramadaniche.
      Nella foto si riconosce la stoffa!

      Elimina
    3. Peccato che la foto venga dritta dritta dal video dei tuoi amici fotticammelli...

      Elimina
    4. Il video è chiarissimo, solo delle aspiranti schiave sessuali per i guerrieri dell'isis possono godere della fantasia che l'elicottero è stato abbattuto dai loro virili e amati jihadisti.

      Elimina
    5. Aspiranti odalische del 'Califfo'...e non parliamo di Califano (troppo grande)

      Elimina
  3. Suleman, lasciali stare.
    Un orecchio sordo stanca 100.000 lingue.
    Cio' che conta sono i risultati, ed i risultati ci sono.
    Onore e solidarieta' al grande popolo russo.
    Federico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello il detto dell'orecchio sordo, ma questi son anche ciechi.

      Elimina
  4. onore e gloria a questi due eroi morti nell'adempimento del loro compito per la salvaguardia della libertà contro quei topi di fogna profondo cordoglio per le famiglie
    hasta la vittoria siempre

    RispondiElimina
  5. ah, come vorrei vedere tutti i sostenitori dei "ribelli", moderati e non, a braccetto con i loro paladini, ma non in occidente, nei territori che li vedono protagonisti della "lotta contro il dittatore", capirebbero subito con che razza di gente hanno a che fare, come padre dall'oglio detto padre sarin, scomparso da Ar Raqqa, dove si era nuovamente recato in incognito malgrado fosse stato espulso dalla Siria.

    RispondiElimina
  6. comunque non si tratta di "piloti collaudatori" ma di piloti "ready combat",tutt'altra tipologia di personaggi e di preparazione,senza nulla togliere al loro valore!
    Ho l'impressione che i russi stiano "forzando i tempi" per conquistare Aleppo,come prevedeva tempo fà Difesa online!

    RispondiElimina
  7. Ce poco da commentare...è di già stato detto tutto da questi scienziati ...solidarietà ai famigliari e alla potente nazione Russa !!!

    RispondiElimina
  8. Ce poco da commentare...è di già stato detto tutto da questi scienziati ...solidarietà ai famigliari e alla potente nazione Russa !!!

    RispondiElimina
  9. “Having spent their ammunition, while turning back to the base, the helicopter was shot down by terrorists from the ground and crashed in an area controlled by the Syrian government. The crew did not survive,” Russia’s defense ministry said, adding that both pilots will posthumously receive state awards for their actions.

    Russia’s Interfax news agency reported, citing a source in the Russian military, that the helicopter had been downed with the aid of an American TOW antitank missile system.

    “According to reports, terrorists used the American TOW system to down the helicopter, which, having exhausted its ammunition, was on the course back to the base at an extremely low altitude,” the source is quoted as saying.

    questo dice l'articolo su RT che ho linkato in un post precedente. capisco benissimo che ci sia una guerra di informazione, ma qualcuno sarebbe così gentile da linkare il video che prova che il ministro della difesa russo è in errore? o si tratta di episodi differenti? o i russi hanno messo in giro una versione falsa di proposito?

    ciò detto, al diavolo moderati, ciabattari e tutti i loro amici!
    Onore ai difensori della Siria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con il livello di vendite di armamenti da parte della Russia. secondo me, al kremlino fa più comodo dire che l'elicottero è caduto per un attentato piuttosto che per un guasto tecnico, il Presidente Putin ha parlato di ordini per 50 miliardi di euro, sarebbe una cattiva pubblicità ammettere un guasto del genere- pietro

      Elimina
    2. Ecco il video, secondo te il Mi-35 (NON Mi-25, le differenze sono evidenti), aveva "esaurito le munizioni"?

      Gli esplode il razzo nel pieno della raffica.

      https://www.youtube.com/watch?v=W1-AYCd9tJQ

      Elimina
    3. avevo già apprezzato la giustezza della sua informazione più sotto (12:17), dopo aver visto il video postato da Alex. Comunque grazie per il link. qual è secondo lei la ragione per cui i russi hanno messo in giro questa informazione? concorda con Pietro?

      va da sè, grazie per il blog !

      Elimina
  10. ha ragione kahani qui il video:https://www.youtube.com/watch?v=W1-AYCd9tJQ

    RispondiElimina
  11. Effettivamente è quanto risulta dal video, il terzo missile ha preso il tratto con l'elica di coda mettendo in vite l'elicottero è stato un guasto non un abbattimento :According to the Russian Ministry of Defence, the helicopter’s third missile accidentally struck the aircraft’s tail during launch due to a technical error, causing the helicopter to plunge towards the ground.

    https://www.almasdarnews.com/article/video-russian-helicopter-crashes-raid-isis-near-palmyra-two-pilots-dead/ | Al-Masdar News

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Grazie a Pietro e ad Alex per spiegazione e video. Si, Kahani ha ragione.

    Requiem aeternam dona eis Domine

    RispondiElimina
  14. Cristo è risorto, onore ai due Eroici piloti.
    Hurrà! Hurrà! Hurrà!

    RispondiElimina
  15. l'elicottero è un Mi-25... non un mi-35...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No il Mi-25 é quello con le 'ali' laterali molto grandi e pronunciate ed é in grado di retrarre completamente il carrello di atterraggio, mentre il Mi-35 (quello in questione) ha le 'ali' laterali molto più piccole e vola con le ruote posteriori estese.

      Elimina
  16. https://www.youtube.com/watch?v=47jt5bcZWlo


    Ferros

    RispondiElimina
  17. mi sembra un po' preoccupante per i piloti russi sapere che un missile proprio ti puo' abbattere senza che lo facciano i ribelli, evidentemente l'addestramento dei soldati russi addetti alla manutenzione dei velivoli e' quantomeno insufficente oppure il velivolo stesso e' gia' difettoso in fase di costruzione? mi sembra di ricordare (per fare un esempio) che un nuovo carro armato "armata" un anno fa si blocco' durante una parata militare e dovette essere trainato via, forse anche i velivoli non sono all'altezza di quello che ci si aspetterebbe per una guerra aerea con pochi rischi per i piloti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deserto e mare per le parti meccaniche sono come l'inferno. Sicuramente e' un incidente che solleva critiche, giustificate come le tue, bisogna pero' tenere conto anche delle condizioni in cui operano. Ci vorrebbe il parere di un progettista di elicotteri, comunque questo tipo di incidente non e' cosi' raro anche con gli aerei, su youtube video ci sono.

      Elimina
  18. Verissimo. Il Tow, che ho usato da soldato, non è usato come arma antiaerea. E' stato un tragico incidente. Onore ai piloti russi

    RispondiElimina
  19. In tutte queste discussioni, perdonerei tutto, ma solo per il fatto di parteggiare per l isis sui blog, darei la pena si morte

    RispondiElimina
  20. L'elicottero è un Mi-35 russo, purtroppo c'è poco da dire. Secondo un blog l'elicottero sarebbe stato erroneamente colpito dal gregario (o leader) che gli stava dietro. Pare che in un frame si nota una scia che proviene dall'alto (e dunque non da terra, come si potrebbe invece ipotizzare nel caso di un abbattimento da parte dei terroristi) e questo porta ad una possibile conclusione che sia stato un razzo lanciato erroneamente dall'elicottero posto alle spalle sulla traiettoria sbagliata.
    Potrebbe trattarsi di fuoco amico e la cosa è nota da tantissimi anni a chi lavora su questi mezzi che fanno dei cambi repentini di rotta la loro forza, senza dimenticare l'errore umano che in situazione di stress può portare a gravissime conseguenze. RIP i piloti Ryafagat Habibullin e l'operatore Evgeniy Dolgin. Marciscano all'inferno i terroristi e tutti coloro che tifano per questi esseri meschini e immondi.

    RispondiElimina
  21. anonimo 1058
    Finalmente una spiegazione credibile. Grazie. Non riuscivo a credere che un razzo esca dalla parte sbagliata e colpisce la coda...Gli ingegneri russi non sono cosi' sempliciotti!
    Le sue spiegazioni sono perfette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..."Gli ingegneri russi non sono cosi' sempliciotti!"...

      Già Sig. Sgascia, direi proprio di no.

      Vorrei soltanto, a questo proposito, ricordare ai lettori, dei generali americani e canadesi che in Afghanistan preferirono usare e acquistare da terzi elicotteri russi, perchè in un ambiente come quello afghano erano indubbiamente meglio, molto più facili da mantenere e riparare e più prestanti. L'ambiente Siriano, è, (per certi versi) simile a quello afghano, anche se meno "infernale".

      Elimina
    2. Gia' che siamo nel tema: i russi e i cinesi hanno sempre creato armi adatte ai bisogni del soldato "standard" che combatte al fronte col bel e brutto tempo. Tenendo conto che le armi troppo sofisticate
      fanno cilecca quando le hai urgentemente bisogno.
      Il mio compagno preferito era l'ak47 con calcio pieghevole. Lo potevi gettare nella melma, nella neve, lasciarlo 2 ore al sole con temperature di superficie di 65 gradi C.... sparava e piu' importante ricaricava SEMPRE.
      Per il servizio ravvicinato avevo il MiniUzi. Naturalmente coi parabellum 9 mm dumdum le pillole facevano effetto, anche se aveva la tendenza di strappare all'insu, dato che il magazzino e' nel calcio...e si poteva nascondere nel giubbotto.
      Ma tutte le volte ero in ansia per paura che si inceppasse, specialmente nelle temperature estreme e dopo aver strisciato nella m....

      Elimina
    3. Al contrario dell'eccellente Ak-47,la fanteria statunitense, durante l'infame guerra in Vietnam, era armata con l’incredibilmente scadente Colt M16, che s’inceppava spesso, tanto che le reclute statunitensi dovevano subire il dramma macabro di camminare tra soldati statunitensi feriti o morenti per prendere un M16 che non si fosse inceppato in battaglia. Vi furono numerosi casi di plotoni statunitensi sconfitti negli scontri a fuoco per il malfunzionamento dell’M16. In un agguato notturno dei vietnamiti, le ultime parole via radio di una compagnia statunitense furono: “Tranne le bombe a mano, tutte le armi sono inceppate“. La situazione era così terribile che alcuni statunitensi iniziarono a prendere gli Ak-47 dai soldati vietnamiti morti. Era tuttavia una pratica molto pericolosa perché si rischiava il "fuoco amico" dato che Kalashnikov e M16 hanno suoni nettamente diversi. Una volta un sergente statunitense con un Ak-47 fu fermato dal suo comandante che gli chiese perchè aveva con se un’arma russa. Il sergente rispose: "Perché funziona!"...

      Elimina