giovedì 16 giugno 2016

I primi ratti cominciano a saltare fuori dalla zattera saudita: gli UAE si ritirano dallo Yemen!

Il Principe della Corona emiratina, Mohammed bin Zayed al-Nahyan ha comunicato ufficialmente la cessazione di ogni attività militare degli UAE in Yemen, con un messaggio che, tra l'altro, recitava la seguente, inequivocabile formula:

"La nostra posizione é chiara, ormai per le nostre forze armate questa guerra é completamente finita, continueremo a contribuire monitorando ogni accordo politico che verrà stabilito in seguito".

La dichiarazione evidenzia l'ansia di togliersi da un pantano che ha causato perdite per centinaia di uomini (per la maggior parte mercenari stranieri, ma comunque dolorose e dispendiose per gli Emiri) e soprattutto per centinaia di milioni di dollari, con dozzine di mezzi distrutti e altri pesantemente usurati al limite dell'operatività.
Solo la scorsa settimana gli invasori emiratini avevano perso in combattimento tre elicotteri.


Gli UAE sono il paese del GCC meno stabilmente allineato con Riyadh e Doha, sorpassati in questo solo dall'Oman (il quale però ha rifiutato ogni coinvolgimento nell'avventura yemenita). Il loro esempio comunque denota come la determinazione a continuare l'occupazione dello Yemen stia diminuendo in tutta la coalizione takfiro-wahabita.

11 commenti:

  1. Fa molto male però sapere che un pugno di squilibrAti possa decidere della vita di migliaia di persone innocenti. E lo Yemen ne è un'esempio lampante. AV

    RispondiElimina
  2. Suleiman Kahani, desidero ringraziarla per quanto ha scritto su saker. In effetti continuo a trovare conferme alle sue parole, l'ultima http://sakeritalia.it/religione/uno-sguardo-negativo-sul-cristianesimo-e-sulla-religione-in-generale/
    che in effetti dimostra un'impostazione decisamente NATO.
    Chiedo scusa per l'OT, cancelli pure il commento se lo ritiene opportuno, a me basta che l'abbia letto lei.
    Licus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impostazione decisamente NATO ? certo che alla fantasia non c'è limite.

      Elimina
    2. io dalle parole del Saker ho inteso un discorso di critica alle religioni subalterne ai nazionalismi, non altro! comunque the Saker propone molte traduzioni di articoli scritti da giornalisti militanti contro l'imperialismo occidentale, tra l'altro ben scritti e corredati di note e comunque condivisibili, quasi sempre.

      Elimina
    3. L'articolo e' scritto dal Saker e se e' semplicistico e sbagliato parlare di nato la critica dell'anonimo qua sopra a quanto scritto ci sta tutta. Voi che avete capito tutto forse e' meglio che rileggiate con piu' attenzione tutto, non solo la parte finale.

      Elimina
  3. o sbaglio quello è un Leclerc? conquistato dall'esercito Saudita

    RispondiElimina
  4. licus
    ma ha letto e capito l'articolo di Saker sulle religioni? La Nato c'entra come i cavoli a merenda!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ha capito una mazza , garantito.

      Elimina
  5. Secondo me l'articolo sulle religioni non l'ha capito

    RispondiElimina
  6. Gli yemeniti hanno fatto un buon lavoro ... la spedizione degli UAE era criminale e spudoratamente schifosa... hanno pagato un salasso pesante per la loro scelta e per la loro totale inefficienza... come sempre di loro mettono solo i soldi e i mezzi ma personalmente non si sporcano le mani,lo fanno afre agli altri che per soldi ammazzerebbero anche la loro madre ... questo fa capire a che livelli (bassi) di preparazione sono questi beduini del petrolio... hanno una potenza in termini di mezzi ma messi tutti insieme non valgono nulla ... se ne sono andati tutti e ora resta solo il ridicolo re Salman ... a quando una defenestrazione totale con decapitazione in piazza di lui e del suo seguito?

    RispondiElimina