giovedì 30 giugno 2016

Mega-convoglio dell'ISIS devastato dagli elicotteri russi di Bagdad, oltre 120 veicoli distrutti!

Stavano fuggendo dai dintorni di Fallujah, in maniera caotica, incolonnati sulla strada che portava verso la Siria, un serpentone di fuoristrada e pickup armati ("tecniche") e poi camioncini, autotreni, jeep e blindati rubati all'esercito, utilitarie e ogni altro mezzo in grado di muoversi, spesso stracarico di bottino, di masserizie.

Ma l'ISIS non ha avuto pietà con l'Irak e con gli irakeni e non ne ha ricevuto alcuna: appena individuato il serpentone di veicoli i Mi-35, i Mi-28, gli Su-25 e gli F-16 di Bagdad hanno iniziato le loro incursioni sulla teoria di mezzi in fuga, trasformando la via verso la Siria in una nuova Autostrada della Morte.


Rapporti preliminari parlano di almeno 127 mezzi dell'ISIS distrutti nell'Ovest dell'Irak, mentre il calcolo dei morti dovrebbe aggirarsi intorno ai 400 terroristi. Questa notizia rallegrerà molto i Siriani, specie i difensori di Deir Ezzour, che altrimenti si sarebbero trovati ad affrontare questi tagliagole dopo il loro arrivo in Siria.

45 commenti:

  1. Un colpo devastante, questi incursioni dal cielo dimostrano quanto sia vitale snidare e costringere questi escrementi a uscire allo scoperto dalle loro fetide tane. Pensate a quanti danni e rallentamenti alle operazioni avrebbero arrecato questo centinaio di jihadisti, ne bastano una decina per tenere in scacco una strada o un punto che fa da osservatorio per impedire, a cascata, tutta una serie di misure.
    Bisogna espellerli dalle città, soprattutto dalle grandi, che non sono in grado di attaccare in campo aperto e che gli fanno sia da fonte di finanziamento, arruolamento e protezione. Quanti credete che siano arroccati a Kinsibba, per esempio?
    Secondo me non più di 250-300, facciamo 500 includendo tutto il circondario di montagne e punti d'osservazione strategici in grado di impedire l'avanzata. Più o meno il numero di tagliagole inceneriti dal raid. Ci rendiamo conto di quanto siano importanti da un punto di vista strategico questi strike mirati che fanno fuori in un colpo centinaia e centinaia di terroristi?

    Ho letto qualche commentatore talvolta auspicare di abbandonare Deir Ezzor in quanto indifendibile logisticamente.
    Forse non si rende conto del rapporto di costo-effetto che ha per l'ISIS. Quanto un migliaio? Meno?
    Con qualche centinaia di soldati e volontari si costringe l'ISIS a tenere fermi in costosissimi inutili attacchi migliaia e migliaia di suoi adepti per tentare di prendere la base.
    Deir Ezzor non va evacuata assolutamente anzi bisogna fare di più per ricollegarla alle vie di rifornimento terresti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetta analisi e corretto suggerimento.
      Un abbraccio.
      Federico

      Elimina
    2. Il video secondo al-Masdar dovrebbe essere questo:

      https://www.youtube.com/watch?v=dBAbvQUte3g

      Tommaso Baldi

      Elimina
  2. bisogna martellarli in continuazione da terra e dall'aria per farli uscire allo scoperto e poi finirli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli Usa raccontano anche di un loro raid fuori Falluja, c'è qualche notizia in merito? Cosa dice il comando Iracheno?

      Elimina
  3. interessante - si trattera di due strikes differenti? se no, perché RT li attribuisce agli americani? https://www.rt.com/news/348960-isis-convoy-us-airstrike/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma la fotografia si riferisce all'attacco di cui si partila oppure è una foto di repertorio? Nella foto si vedono mezzi bruciacchiati ma anche molti mezzi non colpiti e molta gente in piedi....

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. http://www.liveleak.com/view?i=771_1467246368

      A quanto pare gli Irakeni hanno fatto l'attacco che gli ameriCani si sono rifiutati di fare

      Elimina
    4. Gli usa hanno negato il supporto aereo per l'operazione che e' stata fatta esclusivamente dall'aviazione irachena. A conferma parziale nei filmati si sentono le voci dei soldati iracheni, non si sente mezza parola in inglese. Come al solito poi i massmedia a voci unificate danno il merito dell'operazione agli usa. Lo avevano fatto addirittura gia' con i bombardamenti russi. Anche RT puo' sbagliare :)

      Elimina
    5. Ed intanto, il telegiornale col direttore ebreo continua a dire che il raid è opera degli USA".
      Ma comecazz...!!!

      Elimina
    6. il filmato è stato messo in rete dall'esercito Irakeno, le scritte sul filmato sono in arabo, però non capisco perché l'esercito irakeno non denunci l'assenza di aiuto da parte dei Jet USA (sempre che sia vero).
      comunque sia i ciabattari hanno preso una bella stangata!

      Elimina
    7. Lo ha fatto, sono gli iracheni ad aver denunciato che gli usa si son rifiutati di intervenire.

      Elimina
    8. I massmedia usa e nostrani sono patetici...https://twitter.com/MuradoRT/status/748443227750031360

      Elimina
    9. Se vi guardate i filmati diffusi in rete, delle immagini riprese dal FLIR di bordo di un velivolo che partecipava all' attacco in oggetto, per quanto malamente censurate, dimostrano che la disposizione delle informazioni rapperesentate sul monitor, sono uguali a quelle comparse in altri filmeti piu' datati, relativi ad attacchi USA in Afghanistan e nello stesso IRAQ, dimostrando senza dubbio che non si trattava di elicotterri Russi in dotazione alle forze Iraqene. Mi spiace per i detrattori degli USA a tutti i costi. Per vostra informazione, gli American fino al 2014, nei due teatri subivano dai 7 agli 800 caduti l' anno, più altrettanti contractors privati, Qualche cosina contro l' Isis forse hanno fatto. Buona giornata. Roberto.

      Elimina
  4. L'esercito ameriCULO è un CULATTOesercito.

    RispondiElimina
  5. Bene ha fatto il caporedattore a mettere nel titolo che l'attacco e' stato fatto con gli elicotteri russi. La Russia e' stata decisiva anche in Iraq, senza l'intervento diretto in Siria l'Iraq non avrebbe mai neanche potuto pensare di liberarsi dall'is.

    RispondiElimina
  6. Giusto per far venire un bel travaso di bile al "glande andlea" ed agli altri takfirofili Iraqi Army Repels ISIL's Heavy Attack on Key Region Near Fallujah, Destroys 450 Vehicles of Terrorists
    tutto l'articolo presso:
    http://en.farsnews.com/newstext.aspx?nn=13950409000762
    Licus

    RispondiElimina
  7. Hector Hammond30 giugno 2016 14:45

    Ma CAVOLO ! Abbiamo dei telegiornali che fanno schifo sempre di più . Veramente sono schifato !!!

    RispondiElimina
  8. Hector Hammond30 giugno 2016 14:46

    Non parlavo di Russia Today , ma di altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando intelligence e sorveglianza remota funzionano, per gli schifosi assassini non c'è scampo. Finalmente sento parlare di Mil Mi 28 e aspetto anche i Kamov ka 52 in azione!!

      Elimina
  9. Dopo il piacerone della notizia....l'analisi!
    Chi mi aiuta a trovare una risposta?
    In un luogo di combattimenti cosi' importanti come Falluja immagino che la ricognizione si sia estesa km fuori dal perimetro cittadino.
    E ogni piccolo raggruppamento veniva attaccato dall'aviazione X, dall'artiglieria, lanciamine, ecc. dato che avrebbero potuto attaccare l'esercito iracheno.
    Mi domando come sia possibile che centinaia di mezzi e combattenti possano riunirsi sulla strada per poter "fuggire"?
    In piu' la situazione sul campo in Iraq e' molto piu' trasparente che in Siria, dove il nemico e' dappertutto.
    Forse e' stata tattica per farli fuori tutti assieme!!
    Incomincio a dubitare aull'efficienza della ricognizioni satellitare ( dove scoprono un Euro sul terreno!), gli AWACS, i droni, ecc. Penso che i centri che ricevono le migliaia di informazioni non riescano piu' a interpretarle e farle proseguire al giusto destinatario.
    Non mi sorprende che la SAA, a cui attesto molte attenuanti, si sia fatta beccare in contropiede in quel di Raqqa.
    Chi mi aiuta a uscire dal mio labirinto mentale? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo in modo semplice e provocatorio dicendo che questo convoglio qualcuno ha fatto finta di non vederlo. Mosul e' stata presa con altri che facevano finta di non vedere. In Siria gli occhi dal cielo si sono aperti ma ci vogliono mezzi enormi per rendere efficace l'osservazione e la successiva azione su tutti i fronti, senza contare la guerra politica che c'e' dietro.

      Elimina
    2. ...oppure molto semplicemente meglio farli uscire dalla città per colpirli allo scoperto, in aree prive di civili e di rifugi per mascherarsi, a volte le cose a volte sono semplici...

      Elimina
  10. Su Repubblica online attribbuiscono l'attacco agli USA, c'è anche un video
    http://www.repubblica.it/esteri/2016/06/30/news/is_raid_usa_vicino_falluja_uccisi_250_combattenti-143100423/
    Ma si può sapere di chi è "il merito"????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal HUD che si vede sembrano proprio MI28. Ho trovato questo video che dovrebbe confermarlo. https://www.youtube.com/watch?v=GiMP6q8j4qM

      Elimina
    2. MI 35 dicono nei commenti, comunque roba russa, niente roba usa.

      Elimina
    3. nel ns blog si parla anche degli F16..saranno pochi ma ci sono!
      e poi ci sono i jet restituiti dagli iraniani agli irakeni.
      La guerra in Irak è diversa da quella in Siria, non sono molto convinto dell'aiuto in forze dei russi, penso piuttosto agli Iraniani.

      Elimina
    4. MIL 35, MIL 28? ? uNO DEI TANTI FILMATI TAROCCATI. Da quando i Russi mettono scritte in Inglese sui loro Mezzi? Guardati il filmato che hai lincato: Disarm, Low, Standby, Ready,sigle come LOS =LINE OF SIGHT, GUARDATI QUESTO, STESSO VELIVOLO, ATTRIBUITO AGLI usa: https://www.youtube.com/watch?v=iZHHBmy4VmU chi ha ragione: io, viste le scritte in inglese non ho dubbi, Macchina USA.

      Elimina
    5. Sono Russi anche quelli del video che hai postato Roberto, leggi i commenti sotto i video e troverai tutte le risposte, anche il perché sono in inglese le scritte. Quelli sono Mi35 in dotazione all'Iraq. Ho fatto la ricerca apposta per controllare e ho messo quel video proprio perché anche coi commenti sotto si spiegava tutto. Anche nel video che hai messo tu se leggi i alcuni commenti lo confermano.

      Elimina
    6. https://www.youtube.com/watch?v=lg8RSXmpQls

      ecco un FLIR RUSSO, CARATTERI CIRILLICI, SISTEMA METRICO.

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  11. La nostra stampa venduta ormai ehanno dovuto oltrepassare il diniego americano ...per poterli utilizzare al ridicolo... ora vorrebbero attribuire questa vicenda agli americani, hanno addirittuta fatto vedere un funzionario americano che tutto tronfio faceva vedere immagini del bombardamento della colonna takfira, evidentememte gli ordini erano di lasciarli passare ... invece sono stati gli irakeni che addiritura hanno dovuto operare soli ... sonon statoi bravi e risoluti... gli americani in realtàstanno facendo di tutto per ostacolare le operazioni ...

    RispondiElimina
  12. Qui si da il merito agli elicotteri Iraqeni:

    http://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/falluja_raid_isis_250_uccisi_usa-1828269.html

    Qui un video PUBBLICATO SU yOU TUBE NEL 2014, attacco heli USA con missili Hellfire, pubblicato nel 2014:

    https://www.youtube.com/watch?v=iZHHBmy4VmU

    gUARDATE:

    In alto a SX la freccia con l' indicazione "N" che sta per North ( in inglese) IDENTICA.

    In basso a sinistra la scritta ACFT, visibile nel primo filmato, parzialmente censurata nel secondo.

    In basso a destra, la scritta TGT ( target in Inglese) ben visibile nel secondo, parzialmente oscutrata nel primo.

    Sempre in basso a destra, la scritta FT ( feet= piedi in Inglese) Visibile chiaramente in entrambi.

    Devo continuare. Il brutto è che di fronte a due informazioni opposte, la gente preferisce fare atto di fede e credere ciò che più gli aggrada, senza spirito critico, convinta che quelli della propria parte siano sempre nel giusto. La propaganda è un' arma potente, usata da tutti, non solo dal nemico. E i post di tutti i creduloni che, hanno preso per buona l' informazione si trattasse di velivoli iraqeni, lo dimostra. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai facendo tu un atto di fede senza verificare quello che dici. Gli elicotteri sono Mi 35.

      Elimina
    2. TI HO PORTATO DELLE EVIDENZE, QUALE ATTO DI FEDE,GURDATI IL VIDEO DEL MIL28, CARATTERI CIRILLICI E sISTEMA METRICO, DECIMALE.

      https://www.youtube.com/watch?v=lg8RSXmpQls

      Elimina
    3. Le persone intelligenti ammettono gli errori....

      Elimina
    4. E qui il MI 35, scritte in ancora cirillico...guardare al secondo 14, prego.

      https://www.youtube.com/watch?v=aRjb_SnU-L8

      Elimina
    5. Hai messo tanti video inutili e continui con la storia del cirillico, te l'ho gia' detto leggi i commenti sotto il video che ho postate e avrai tutte le risposte

      Elimina
  13. E guardatevi questo creduloni, pubblicato con le voci originale Americane, nel 2012,

    https://www.youtube.com/watch?v=7TZOxlTwAvA

    stesso filmato, rimixato con voci Russe e musichetta di sottofondo, pubblicato nel 2016 e attribuito a un MI 28h.

    https://www.youtube.com/watch?v=tydRBm3uHEE

    Capito? ERA UN ELICOTTERO usa, è diventato Russo, guardate che ci vuole niente a fare copia incolla di filmati, cambiare le voci eccc, Continuate pure a credere che i Russi usino l' Inglese sui loro veicoli militari, se la cosa vi fa contenti.;_)

    RispondiElimina
  14. E qui la prova definitiva che i Russi usano caratterri cirillici e sistema metrico, il documentarista ha aggiunto in sovraimpressione la spiegazione dei dati:
    https://www.youtube.com/watch?v=s_wuVxGqmy8

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Russi usano caratteri cirillici...che scoperta. Anche i computer che usano sono in cirillico e pensa che il mio e' in italiano.

      Elimina
    2. Dillo a quelli sopra che sosrtengono che il FLIR con diciture in inglese e unità di misura imperiali è di elicotteri Russi.

      Elimina
    3. Insisti nel tuo errore, il computer in italiano secondo te e' un prodotto italiano. Prova a pensare che e' scritto in italiano perché e' venduto in Italia.

      Elimina