sabato 22 aprile 2017

La storia di un negoziante aleppino dimostra il vero volto dei presunti 'ribelli moderati'!

QUEST'UOMO E' UN ABITANTE DI ALEPPO.

EGLI POSSEDEVA UN PICCOLO NEGOZIO, NIENTE DI ECCEZIONALE, CHE BASTAVA A DARE DA VIVERE A LUI E ALLA SUA FAMIGLIA.

QUANDO AD ALEPPO SONO ARRIVATI I 'RIBELLI MODERATI', GLI AMICI DI DEL GRANDE, GLI AMICI DI GRETA E VANESSA, DA BRIGANTI QUALI SONO GLI HANNO INTIMATO DI CONSEGNARE LORO TUTTO QUELLO CHE AVEVA.

LUI HA CERCATO DI RESISTERE ED E' STATO SELVAGGIAMENTE PICCHIATO.


QUESTI "EROI", QUESTI "PARTIGIANI" (DEFINIZIONE DEL COGLIONE DEL GRANDE), CORAGGIOSI SOLTANTO SE C'E' DA ACCANIRSI CONTRO UN ANZIANO CHE DIFENDEVA IL LAVORO DI UNA VITA.

HA DOVUTO LASCIARE LA SUA CITTA', MA NON SI E' IMBARCATO SU UN GOMMONE PER VENIRE A VIVERE A UFO IN EUROPA.

HA ASPETTATO, IN SIRIA, FEDELE ALLA SUA NAZIONE E AL SUO PRESIDENTE.

FINALMENTE L'ESERCITO ARABO SIRIANO HA LIBERATO ALEPPO.

HA RITROVATO IL SUO NEGOZIO, CHIARAMENTE DISTRUTTO.

HA DICHIARATO CHE LO RICOSTRUIRA' E CHE SARA' PIU' BELLO DI PRIMA.

QUESTO, SIGNORI E' UN EROE.

QUESTO E' LO SPIRITO DELLA SIRIA E DELLA RESISTENZA (QUELLA VERA!).


9 commenti:

  1. sottoscrivo.
    Mattia

    RispondiElimina
  2. Un grande uomo, qui sarebbe definito eroe, ma è solo legato alla propria terra come un neonato al cordone ombelicale. Questi sono i capisaldi per la ricostruzione di un paese che abbiamo martoriato!

    RispondiElimina
  3. Concordo, ci siamo riempiti di siriani islamistie le loro famiglie che scappavano e di disertori, i siriani veri sono rimasti in siria

    RispondiElimina
  4. Peccato che un terzo degli effettivi abbia disertato, e centinaia di migliaia siano scappati x non essere arriolati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di più, di più, non lo sai? L'Esercito Siriano NON ESISTE! Sono solo Assad, Putin e Rami Makhlouf che girano per tutta la Siria sparando all'eroico popolo takfiro (tutto di sauditi, egiziani, tunisini, turchi, ceceni...) che si è sollevato contro il regggime!

      Elimina
    2. Pensa che volevo diventare siriano, poi venire in italia per aumentare ancora il numero delle tue scemenze. Anonimo del cazzo, anonimo come un qualsiasi numero di matricola.

      Elimina
    3. Ottimo Kahani: d'accordo sull'INDIFFERENZA ma quando ci vuole ci vuole.

      Tommaso Baldi

      P.S. Poi hai dimenticato Nasrallah nel quartetto contro un'intera nazione che vuole pacificamente libertà e democrazia.

      Elimina
  5. Ci sono notizie circa quello che stava effettivamente facendo questo Del Grande in Turkia?
    Secondo me, era una spia ...
    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faceva bocchini ai takfiri per rinfrancarli delle scoppole prese in Siria!

      Elimina