lunedì 13 maggio 2019

L'Irak dichiara apertamente che continuerà a rifornirsi di elettricità iraniana in barba a qualunque 'sanzione' americana!

Ancora una volta si dimostra la saldezza e solidità dell'Asse della Resistenza; realtà non solo politica e militare, ma anche economica e tecnologica del Medio Oriente moderno, in cui Usa, israhell e 'mosche cocchiere' del Golfo sono condannate a ruoli sempre più marginali.

Il nuovo Ministro irakeno dell'Elettricità afferma che non esiste un'alternativa in grado di competere sul volume, sul prezzo o sulla velocità di consegna dell'elettricità iraniana.

Luay al-Khatteeb, ha parlato dei piani del paese per ricostruire il settore energetico in frantumi, e della pressione degli Stati Uniti sui continui legami energetici con l'Iran.



"Per ricostruire il settore energetico irakeno ... Abbiamo bisogno di almeno 100 sottostazioni in tutto il paese e interconnessioni con i paesi vicini. Questo è qualcosa per cui abbiamo sottoscritto accordi con l'Arabia Saudita, il Kuwait, la Giordania, con l'Iran, presto con la Turchia e la Siria, fondamentalmente per rendere l'Irak un hub dell'elettricità ", ha detto.

"Al momento, circa 4 gigawatt (circa un terzo dell'elettricità irakena) provengono direttamente e indirettamente dall'Iran, fornendo l'elettricità direttamente o attraverso le forniture di gas naturale che forniscono la materia prima per la produzione di energia", ha osservato.

"Questo è qualcosa che in termini di prezzo, volumi e consegna, non c'è alternativa. Abbiamo esplorato altre opzioni nei paesi limitrofi. Non c'è alternativa che competa su volume, prezzo o velocità di consegna per compensare ciò ", ha aggiunto il ministro iracheno.

Ha continuato a sottolineare che l'Iraq ha relazioni strategiche con tutti e sei i suoi vicini, e "questo non deve essere compromesso a scapito di una relazione".

5 commenti:

  1. Lunga vita all'Asse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un asse che non si piega né si spezza! :D

      Elimina
  2. Una domanda che nulla ha a che fare con l'argomento. Sputnik.news ha che gioco gioca? Secondo me è completamente in mano a sionisti russi (o italiani?).La trovo super accomodante verso Israele e i suoi crimini. Che ne dice direttore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai visto Parata della Vittoria del 9 maggio, a Mosca ? UNICO capo di Stato "occidentale" presente era Netaniahu ( o come si scrive), che camminava addirittura a sinistra e a fianco di Putin. Ricorda che in Israele ci sono più di un milione di ebrei di lingua russa, che a loro volta hanno ancora parenti in Russia / Bielorussia/ Ucraina, e molti uomini d'affari (oligarchi) sono ebrei, cui Putin ha permesso di fare affari in cambio di non interferenza politica. Russi cercano di fare propri interessi senza farsi nemico nessuno

      Elimina
  3. Al di là di questa fuffa, Iraq convochi consiglio sicurezza ONU e chieda ritiro truppe Yankee, dato che Saddam non c'è più e ISIS (peraltro creatura anglosionista a capitale saudita) non controlla più territorio irakeno. Non c'è più nessun pretesto per loro permanenza. Vediamo come vota ONU...

    RispondiElimina