domenica 21 luglio 2019

Vi presentiamo 'Al-Kafeel 1', modernizzazione irakena dell' "immortale" T-55 sovietico!

Qui su PALAESTINA FELIX non abbiamo mai e poi mai nascosto il nostro vivo e presente interesse nelle questioni di tecnologia militare.

Un campo ingiustamente negletto nel venduto, fasullo e ipocrita panorama del giornalismo italiano, che, imbevuto di spocchia "liberal chic" e "de sunustra" considera con sospetto chiunque sappia distinguere un carro principale da battaglia da una motozappa cingolata, col ditino indice pronto a levarsi nell'accusa di "fascismo" come quello di un imam wahabita con l'iperattività e in crisi d'astinenza da Ritalin.



Col risultato che, quando sui campi di battaglia del Medio Oriente l'esito di scontri, offensive e campagne viene deciso dall'efficacia di questo o quel sistema d'arma i "ciurnalisti" italiotici cadono dal pero e o ignorano la cosa o si ingolfano in spiegazioni risibili e ridicole che fanno il centone della loro cursoria e frettolosa consultazione dei primi sei-sette risultati proposti da "Google".

Ebbene, noi siamo di un'altra schiatta.
Da trent'anni il vostro adorabile caporedattore si tiene al corrente degli sviluppi nella tecnologia bellica, cercando di intravedere come e quanto essi potranno influire sullo scenario strategico e politico, in particolare del Medio Oriente, visto che, come ricordava Clausewitz, l'agere bellico non é altro che una prosecuzione e un'estensione della condotta politica.

Quest'oggi, viene a presentarvi (sperando che possiate ammirarla con piacere, insieme al caffé della domenica mattina), la foto del "nuovo" carro armato "Al-Kafeel 1", creato da ingegneri irakeni sulla base del venerabile e resistente scafo del T-55.

Come mostra il link soprastante in Mesopotamia i T-55 hanno contribuito a fondo alla lotta contro l'ISIS e ora, in questa forma aggiornata, continueranno a dare il loro aiuto alle formazioni di fanteria blindata e meccanizzata al fianco di più moderni modelli russi come i T-90.

Personalmente ho sempre avuto il massimo rispetto per le modernizzazioni di modelli di carro armato affidabili e sperimentati, lodando i programmi iraniani ed egiziani in merito e stigmatizzando le occasioni in cui simili imprese sono state abbandonate.

Non abbiamo ancora dati precisi su questa nuova incarnazione irakena del T-55, ma fidiamo, quanto prima, di poter rimediare, solleticando ancora una volta il vostro interesse e la vostra curiosità.

5 commenti:

  1. Chapeau a Kahani, un altro scoop!

    RispondiElimina
  2. Con questo mezzo gli iracheni potranno finalmente disfarsi degli ultimi M1??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia esperienza in merito mi suggerisce che questo modello sarà piuttosto assegnato a unità delle Hashd al-Shaabi.
      Per sostituire gli Abrams ci sono sempre i T-90.

      Elimina
  3. Quel che ho trovato in proposito : Ampia gamma di visione con più strumenti ottici panoramici (giorno, notte, termica) con raggio di rilevamento fino a 14 km di notte e capacità di rilevamento a 360 gradi.
    2 - Schermi moderni progettati in modo innovativo, composti da acciaio legato con composito di carbonio.
    3 - Tipo di cannone russo (D-1T) con una gamma di (4 km a 17 km), con tre mitragliatrici pesanti controllate dall'interno.
    4 - Il primo sistema di gestione antincendio locale attraverso un computer che si occupa di vari input, per dare un'elevata consapevolezza della situazione all'equipaggio e fornire un'elevata precisione nel colpire obiettivi compresi i movimenti ad alta velocità.
    5 - Dotato di un condizionatore d'aria interno e di un serbatoio di accumulo interno e trasferimento del nido dietro la torre per un maggiore comfort e sicurezza dell'equipaggio.
    Così come altri sistemi intelligenti che non sono autorizzati militarmente a essere divulgati.

    RispondiElimina
  4. Hector Hammond22 luglio 2019 21:01

    Bella macchina !!!

    RispondiElimina