domenica 5 maggio 2013

L'antiaerea siriana abbatte un F-16 sionista intorno a Damasco!


L'aviazione israeliana, la più vigliacca forza aerea della Terra, abituata normalmente a scatenare i suoi violenti bombardamenti sopra obiettivi civili totalmente sprovvisti di copertura antiaerea, ha ricevuto oggi, a opera delle batterie difensive siriane, quali siano i rischi e i pericoli di affrontare, una volta tanto, un nemico in grado di rispondere a tono alle offese.

Dopo un primo annuncio di un 'attacco aereo israeliano' contro la Siria, circolato ieri e smentito in tardo pomeriggio da fonti ufficiali di Damasco, i generali di Tel Aviv hanno cercato oggi l'azzardo di un attacco reale intorno alla capitale siriana, evidentemente nel tentativo di aiutare i loro alleati wahabiti, mercenari estremisti che ultimamente sono stati cacciati molte decine di chilometri distanti dalla cintura urbana della città.

La pronta risposta delle batterie antiaeree siriane si é risolta nell'abbattimento di un F-16 sionista, precipitato senza che il suo equipaggio, composto dal pilota Shmue Azar e dall'assistente Gary Eyessone siano riusciti ad eiettarsi.

Dopo l'abbattimento l'anno scorso di un Phantom turco é la seconda volta che le difese antiaere siriane, rafforzate da hardware e armamenti russi all'avanguardia, dimostrano di poter tenere testa a ogni minaccia imperialista e sionista.

6 commenti:

  1. Finalmente cominciano ad arrivare notizie chiare e precise di quello che stà realmente succedendo in Siria,visto che come al solito i nostri media non fanno altro che vomitare scemenze confuse e assurde volte a confondere e disinformare.
    La notizia dell'abbatimento dell'f16,ad esempio non è nemmeno stata menzionata nei notiziari odierni..........ovviamente.
    Spero di leggere nuove news al più presto,e come sempre un enorme GRAZIE alla redazione.
    W L'ASSE DELLA RESISTENZA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Veramente erano convinti i generali sionazisti di riuscire, con un solo caccia, ad effettuare una missione di bombardamento?!? Per di piu vicino alla Capitale Damasco?!? Con i cargo Russi che un giorno si e l'altro pure riforniscono l'apparato militare Siriano?!? A quanto pare, il sistema PANTSIR S1 [SA-22 Greyhound, in codice NATO] Russo, fornito alla difesa aerea Siriana, funziona alla grande; non a caso viene ritenuto, a ragione, un eccellente sistema antiaereo a corta gittata per la difesa del punto. Bella figura di merda per l'aviazione sionazista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo gli aerei aggressori erano molti di più, circa 18.

      Con un solo aereo si può fare al massimo una missione di ricognizione, come quella del Phantom turco l'anno scorso.

      Elimina
    2. Circa 18?!? Cavolo, praticamente un intera squadriglia. Ma voi della redazione per caso, avete notizie se sono riusciti, a parte la perdita di un F-16, a portare a termine la loro missione in territorio Siriano?

      Elimina
  3. ottima notizia , ma occorre fare meglio per far capire agli aggressori la fine in cui possono incorrere ,stanno cercando di provocare un grave conflitto ,e con tutti o quasi i mass media a favore sembrano giuste le loro ragioni, complimenti alla signora CARLA DEL PONTE

    RispondiElimina