domenica 7 agosto 2016

Centinaia di bombardamenti russi e siriani bloccano completamente l'afflusso di rinforzi verso Aleppo!

Uno degli importanti segnali del progressivo dissiparsi dell'attacco terroristico contro il Sud-Ovest di Aleppo é il numero di notizie che arrivano dagli altri fronti siriani, che nei giorni precedenti avevano la sordina o venivano frettolosamente compattate in un aggiornamento globale da tutte le altre province, visto che l'attenzione del pubblico era spasmodicamente concentrata unicamente sulla metropoli settentrionale.

Tale affievolimento é soprattutto merito della instancabile perizia con la quale per tutte queste ore i piloti siriani e russi hanno costantemente bersagliato e obliterato ogni colonna di rinforzi e rifornimenti proveniente dalla Provincia di Idlib e diretta al fronte dell'attacco takfiro.


Senza costanti rincalzi e sottoposti a ratei di perdite falcidianti (si parla di oltre 500 terroristi morti solo nelle ultime 24 ore) i takfiri hanno dovuto rallentare il ritmo delle operazioni e concedere alle forze siriane l'iniziativa che si é tradotta in numerosi contrattacchi.

Nelle ultime ore i cacciabombardieri MiG-23, gli interdittori Sukhoi-22, i bombardieri leggeri L-39 e medi Su-24 e -34 e persino i caccia MiG-21 (siriani) e Su-30 (russi) adattati agli attacchi al suolo hanno compiuto ben 120 sortite nel retrofronte di Aleppo, bloccando praticamente l'intera primitiva logistica dei gruppi terroristi.

45 commenti:

  1. Grazie al Presidente Putin e al Popolo Russo che con tanta generosità e amore per la libertà sono venuti in aiuto del Popolo Syriano, grazie anche ad Iran ed Hezbollah, ai volontari Afghani e Irakeni e a tutti coloro che amano la libertà, fankulo a tutti gli altri.

    RispondiElimina
  2. Alberto, Glande andrea e company... tutti tipi carini che vengono qui a scrivere minchiate antiassad.... dove sono i vostri ribbelli che avrebbero dovuto rompere l'assedio di Aleppo ........
    Assad e l'aviazione russia ne hanno ammazzato diverse migliaia... (solo in quest'ultima settimana ....per chi sa leggere il tedesco...)
    http://de.sputniknews.com/politik/20160807/311994945/aleppo-kaempfe.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo,caro Anonimo,mi giungono notizie devastanti a riguardo del poveraccio Andrea e compagni scodinzolanti.............sembra che abbiano finito(con ieri),le scorte di CAPTAGON........VOGLIO LANCIARE UN APPELLO ALL'OSPEDALE + VICINO,PER CARITà,RIFORNITELI IMMEDIATAMENTE DI METADONE,GRAZIE.
      W L'ASSE W L'INTESA

      Elimina
  3. poverini... penso che la lingua, a furia di riportare stupidate, si sia autocensurata da sola..

    RispondiElimina
  4. Ignorare i frustrati impotenti filo nazicani, la coalizione Russo/Iran/Siria con pazienza e sacrificio sta decimando questi luridi maiali. i loro tifosi possono penare al suicidio solidale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia perdere i nazisti : la Germania Nazionalsocialista sarebbe senza dubbio a fianco del fronte della Resistenza: Certo non le schifose attuali cosiddette destre europee,fanaticamente filoamericane e filosioniste (vedi il fesso di Salvini serio concorrente dell'altro genio di nome Matteo quanto a sudditanza ai padroni del mondo)

      Elimina
    2. Hector Hammond8 agosto 2016 00:23

      Penso anch'io . Ma si sa 70 anni di propaganda ne fanno di danni :( .

      Elimina
    3. Hai perfettamente ragione: non si capisce come si possa affiancare il Nazionalsocialismo all'americanismo filo- sionista.

      Elimina
    4. Ricordo solo che Hitler e l'NSDAP sono stai finanziati ampiamente da una larga parte del mondo dell'industria, dal settore militare, e da Wall Street. Fu principalmente grazie agli americani se la Germania Nazionalsocialista potè sviluppare il suo potente esercito e il suo complesso militare/industriale. Ford ad esempio, nei suoi stabilimenti in Germania, lavorava tantissimo per l'esercito tedesco, e Hitler concesse la più alta onoreficienza a Henry Ford, considerato dai servzi tedeschi, come "un sincero e grande ammiratore del Fuhrer, e sostenitore della Germania nazionalsocialista"; La Ford, anche dopo l'entrata in guerra degli Usa, continuò a produrre materiale bellico, che sarebbe stato utilizzato contro gli americani. Gli americani, durante la guerra, non bombardarono mai le fabbriche americane in Germania. Le industrie Ford si valsero ampiamente di manodopera coatta dei prigionieri nei lager. La General Electric controllava in Germania la Allgemeine Elektricitäts Gesellschaft (AEG) e la Osram, e offriva il suo contributo determinante allo sviluppo dell'industria elettrica nazionalsocialista. La Standard Oil of New Jersey assicurava all'industria nazionalsocialista la sua assistenza per la produzione della benzina sintetica dal carbone (di cui la Germania era ricca, nel bacino della Ruhr, ma povera di petrolio), che avrebbe risolto gran parte dei problemi logistici tedeschi durante la guerra. La ITT, oltre a una partecipazione di quasi il 30% nell'industria aeronautica Focke-Wolfe, alla quale si devono alcuni tra i migliori aerei da combattimento tedeschi della seconda guerra mondiale, attraverso il banchiere nazionalsocialista Kurt von Scröder, che curava gli interessi della multinazionale americana in Germania, finanziò regolarmente, dal 1932 al 1944, lo stesso Himmler e l'ambiente economico legato alle SS. La IBM tramite una sua controllata chiamata Dehomag (Deutsche Hollerith Maschinen Gesellschaft) fornì al regime di Hitler, le tecnologie per poter schedare facilmente e velocemente e con efficenza l'intera popolazione tedesca. L'intera popolazione venne schedata, in modo da poter identificare gli ebrei e differenziare anche altre categorie, ad esempio, i soggetti che avevano sposato ebrei, gli ebrei che avevano combattuto durante la prima guerra mondiale, la percentuale di sangue ebraico, ecc, ecc. La tecnologia dell'IBM permetterà una maggiore efficienza dell'industria bellica tedesca, e una migliore organizzazione dei trasporti. Thomas John Watson, che fù presidente ed amministratore delegato di IBM tra il 1914 e il 1956 era talmente vicino ai nazisti che, nel 1936, ricevette la "Croce al merito dell'aquila tedesca", la più alta onorificenza nazista che si poteva offrire ad uno straniero.

      Elimina
    5. ...James Forrestal fù presidente della filiale americana del colosso IG Farben (Interessengemeinscheft Farbenindustrie), la General Aniline and Film Corporation. La General Aniline riforniva la Germania di specifici prodotti chimici essenziali per la guerra. Alla vigilia della Seconda guerra mondiale, il 95% della produzione di esplosivi proveniva dalla I.G. Farben e dalla Vereinigte Stahlwerke. Tale produzione era stata possibile grazie ai prestiti e all'assistenza tecnologica americana. La IG Farben ha contribuito alla preparazione della guerra di Hitler, e ha anche sfruttato la manodopera dei prigionieri nei campi di concentramento. La società americana Bendix Aviation, controllata dalla General Motors, si occupò di fornire svariate tecnologie ai tedeschi, riguardo agli aerei. lla vigilia della Seconda guerra mondiale, il 95% della produzione di esplosivi in Germania proveniva dalla IG Farben e dalla Vereinigte Stahlwerke. Tale produzione era stata possibile grazie ai prestiti e all'assistenza tecnologica americana. Gli accordi con i Rockefeller (che controllavano numerose società e banche) permisero alla Germania di avere tutto ciò che necessitava in vista della guerra: acciaio, gomma, benzina, petrolio e esplosivi. Senza il sostegno dei Rothschild, dei Morgan, dei Warburg e dei Rockefeller non ci sarebbe stato nessun Hitler e nessuna guerra.

      Elimina
  5. In effetti il comando siriano non pare molto preoccupato:
    Syrian Army Deploys Reinforcement Forces at Golan Heights
    http://en.farsnews.com/newstext.aspx?nn=13950517000789
    Tra l'altro l'articolo segnala già un'avanzata nella città di Quneitra.

    Licus

    P.S.
    Stavo notando anch'io l'assenza delle odalische.

    RispondiElimina
  6. dove sono i maledetti stati uniti? La gente si chiede da dove arrivano questi rinforzi? Si chiedono come hanno fatto oltre 10.000 maiali concentrarsi intorno ad Aleppo? Le armi dove le prendono? Solo cenere deve rimanere di queste merde e di chi li appoggia!!

    RispondiElimina
  7. se l'esercito siriano o russo avesse adesso sopra aleppo aerei tipo HC-130 Spectre oppure A-10 Thunderbolt II la battaglia sarebbe bel che finita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ci sono troppi missili in giro per questi aerei, non sono adatti ad un contesto come quello siriano in alcun modo.

      Elimina
  8. A parte le stupidate di media la realtà sul campo è un completo disastro per i sociopatici Takfir Fort Russ riporta che a sabato il totale dei loro caduti sul campo di battaglia ammonta ad almeno 3000 morti e 4000 feriti
    http://www.fort-russ.com/2016/08/russians-and-saa-utterly-shatter.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chissà quanta puzza di carogne di ratti ciabattari!

      Elimina
    2. Ci saranno abbastanza vergini?

      Elimina
  9. Anche se le vergini non bastano a loro vanno bene anche cammelli dromedari o asini....ovviamente da passivi

    RispondiElimina
  10. Anche se le vergini non bastano a loro vanno bene anche cammelli dromedari o asini....ovviamente da passivi

    RispondiElimina
  11. L'assedio e'rotto. Ora inizia la fase quattro del piano aleppo. Il taglio delle forniture all'esercito a nord. Con calma senza fretta. Uomini e armi non mancano. Mentre assad comincia ad avere problemi seri con uomini e mezzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fonti sicure? pubblicare link grazie...........

      Elimina
    2. Si si ... Come no! Saranno 2-3 anni che vedi imminente la caduta di Assad. Ma tua madre, quel giorno che ti ha partorito, non poteva cagare come tutti gli altri?

      Elimina
    3. ma vai a mendicare da qualche altra parte, mentre tu stai qui a rompere il cazzo i tuoi beniamini vengono macellati ad Aleppo e nel resto della Syria, ancora qualche buona giornata come queste, non tante, e dei tuoi amici rimarrà solo un ricordo, un brutto ricordo ovviamente, e finalmente non dovremmo più leggere le tue idiozie.

      Elimina
    4. Guarda caso, Israele teme come il diavolo la riconquista di Aleppo da parte delle truppe siriane. Chi ti paga per fare propaganda a Sion?

      Elimina
    5. Se leggi questo articolo ti rendi conto del perché gli Israeliani vogliono Aleppo:per l'acqua.Comunque c è un gruppo su Facebook che dice il contrario e che Assad sta perdendo.Pensa come stanno messi http://www.maurizioblondet.it/unavolta-cera-acqua-segno-dellora/

      Elimina
  12. Ormai siamo al delirio totale...........

    RispondiElimina
  13. Ragà ma sto coglione sta gongolando a forza di rompere i coglioni, non vedete come fa? Frasi sconnesse senza portare mai un minimo di documentazione, sparate senza nesso, con il solo scopo di farci incazzare. Kahani o chi ne fa le veci ma non c'è modo di bannare sto puzzone una volta per tutte??
    Max

    RispondiElimina
  14. Su LL circolano questi numeri:

    - over 3000 dead
    - over 4000 critically wounded (unable to fight)
    - 70 control points have been destroyed
    - 45 tanks destroyed (and 135 tank operators killed)
    - 70 mortars destroyed (and 210 mortar crewmen killed)
    - 35 munitions transports destroyed
    - 200 other pieces of equipment destroyed.

    http://www.liveleak.com/view?i=e69_1470562958#comment_page=2


    Prendendo per buoni i numeri qua siamo già abbondantemente oltre il 10% di perdite su 10000 jihadisti per l'offensiva segno che sono molti di più o si sarebbero ritirati dopo un giorno, questi numeri non sono semplicemente sostenibili.

    Oltretutto e ciò non è del tutto scluso, anche abbiano aperto un piccolo corridoio in cui hanno fatto passare qualche furgoncino carico di aiuti, si tratta sempre di una striscia modestissima che non può essere considerata sicura e non spezza l'assedio di per sè.
    Oltretutto costoro sono in grado di fortificare le loro posizioni? Considerata la fluidità non si capisce ancora se abbiano ancora piede nella base di artiglieria e qualsiasi discussioni su una rottura dell'assedio non può prescindere dal fatto che lo stesso governo siriano riconosca di non essere più in possesso della base e di tutta l'area circostante senza la quale il controllo è del tutto formale.

    Ma poi sono già ridotti ad usare i T-55 che sono tacchini in campo aperto (possono avere una qualche utilità solo come artiglieria di supporto in montagna.

    A me pare che abbiano veramente gettato di tutto in questa offensiva, nell'articolo si parla pure, e saremo davvero alla frutta, di forze saudite richiamate dallo Yemen...Cioè altro che fondo del barile.

    RispondiElimina
  15. voi criticate grande andrea, allora non avete visto il servizio che ha fatto il tg rai di oggi, a confronto lui è un dilettante, hanno detto le cose più assurde tipo che Assad ed i Russi bombardano l'ennesimo ospedale e la popolazione civile,addirittura con le bombe a grappolo, hanno fatto un servizio video con i takfiri che festeggiano la rottura dell'assedio e altre amenità del genere, vergognoso, dall'anno prossimo butterò la tv e non pagherò il canone Pietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TG2 vero ? L'ho visto pure io, uno schifo.

      Elimina
    2. Ovvio. Quando le bombe a grappolo, quelle vere, le gettava Israele in Libano e a Gaza, la Rai si è ben guardata a farne menzione. Ennesima dimostrazione come la tv pubblica, da Berlusconi a Renzi, sia completamente soggetta al controllo sionista, con la presidente Maggioni unica giornalista italiana da sempre accreditata alle riunioni del Bilderberg (guarda che fatalità!)Se poi leggi Il Corriere, è roba da voltastomaco!

      Elimina
    3. Ho visto tgcom24 vergognoso.... 1 solito ospedale bombardato senza fonti prove 2 Manin scambiata per Aleppo e d'altronde li ci sono i kaniamerica 3 gente che festeggiava ma fonte non detta sarà filmato di 4 anni fa. Insomma vergognoso ...sono andato sul sito ed ho commentato la vergognosita di filmati ,ma il commento me lo hanno bagnato. Puah che schifo di presstitute

      Elimina
    4. Hector Hammond8 agosto 2016 00:26

      Vero i tg italiani mi ha fatto vergognare per loro .

      Elimina
    5. @Pietro "dall'anno prossimo butterò la tv e non pagherò il canone". Un esercizio che fa bene al cuore e alla mente. Comincia da subito!

      T.B.

      Elimina
  16. E' CHIARO ED EVIDENTE che se ci fosse stato un qualunque 'successo' dei terroristi oggi sarebbe stata la giornata dello sfruttamento della vittoria, e saremmo stati inondati di foto, comunicati, filmati etc.

    invece niente

    le cifre che ho visto indicate da live leak mi sembrano un po' eccessive ma comunque in questi giorni almeno 2000-2500 dei cinquemila takfiri mobilitati per questo attacco sono stati uccisi o messi comunque fuori combattimento (che ai fini operativi é la stessa cosa, anzi é meglio perché un ferito ha bisogno di cure e se non si riescono a prestargliene il morale di tutta la banda barbuta si abbassa).

    Aleppo ha retto, l'assedio non é rotto.

    RispondiElimina
  17. Napoleone ha conquistato Mosca... a molto gli è servito!
    Poi, correggimi se sbaglio, secondo te una recluta vale quanto un veterano sul campo di battaglia, quindi nella storia nessuno ha mai capito un tubo, solo tu sei arrivato a questa grande verità e tutti gli eserciti del mondo i soldi dell'addestramento farebbero meglio a spenderli in altro modo. Interessante.
    Che 45 carri armati siano perdite non rimpiazzabili non ti scuote, così come il fatto che i takfiri siano ridotti all'uso di T-55 al posto dei T-72.
    Infine il fatto che i takfiri abbiano alzato il numero delle Urì da 72 a 74 (blasfemia pura per un islamico) per chi combatte ad Aleppo non fa pensare certo a miriadi di volontari.
    Ti ricordo che persino almasdar ha definito la campagna di Aleppo un "all out attack" ... o la va o la spacca ed al momento un corridoio sotto il fuoco significa la spacca.
    Anche un corridoio sicuro, ammesso e non concesso che riescano a tenerlo aperto, garantirebbe solo uno stallo di breve durata: hai presente come stanno andando le cose a Daraya e Kinsabba?
    Licus

    RispondiElimina
  18. condivido in pieno i giudizi sul carattere effimero di un successo inutile, non durevole e strapagato ad un carissimo prezzo sproporzionato e non rimpiazzabile.
    La vittoria finale di Assad e una sequenza impressionante e lunga di vittorie e di riconquiste alla pace e all'ordine, non sono messe in discussione dai fatti di oggi. Ovunque il Daesh perde terreno. Accadrà anche domani ad Aleppo.

    RispondiElimina
  19. Un atto dovuto dopo quanto è successo:General Ziad Saleh is now head of #Aleppo's security committee replacing General Adeeb Mohammed after jihadist gains Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onore al Generale Mohammed per come ha gestito una situazione delicatissima, auguri al Generale Saleh per il compito che lo attende.

      Elimina
    2. Amico e sostituto temporaneo di Suleiman, ti stimo!!! Grazie alla tua disponibiltà PalaestinaFelix può continuare ad andare avanti!!!. Stai facendo un ottimo lavoro.

      GRAZIE!!!

      Elimina
  20. l'assedio non è rotto?
    tiro al piccione?
    nessuna offensiva?
    ancora eh...

    RispondiElimina
  21. l'assedio non è rotto?
    tiro al piccione?
    nessuna offensiva?
    ancora eh...

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Adoro questo uomo! La guerra come a risiko, tira i dadi e inizia la controffensiva. Mettiamo che nell'offensiva di Aleppo i ... subumani abbiano spostato molte loro risorse sguarnendo altri fronti, il SAA attua una difesa elastica riduce le perdite e permette ad altri fronti sguarniti di essere attaccati con successo, come con la riconquista della strategica Kinsabba a nord di Latakia. Non sono esperto militare, credo il quadro delle operazioni vada valutato nel suo insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non te la prendere i rabbini dell'anglo-sionismo che si prefigge di dominare il mondo, contano su un sacco di schiavi volontari, come potrebbero mancare in un sito come questo, che li sputtana quotidianamente?

      Elimina