martedì 25 aprile 2017

ECCO come la poderosa controffensiva siriana ha ELIMINATO il saliente di Hama Nord!

Poco più di una fotonotizia con cui aprire questo 25 aprile 2017. Ecco messe a confronto le situazioni rispettive oggi e un mese fa nella parte settentrionale della Provincia di Hama.

La controffensiva siriana ha pressoché rettificato il fronte, eliminando il saliente che si protendeva verso Sud e verso il capoluogo del Governatorato.

Hama, che fu la tomba di molti agitatori ikhwaniti quando le forze di Hafez Assad vennero provvidenzialmente scatenate nell'82 per impedire una sovversione terroristica che forse non sarebbe stata dissimile da quella iniziata nel 2011, continua a "dire male" per terroristi ed eretici spregiatori dell'Islam e del suo messaggio.

Chiunque abbia un minimo di coscienza e di umanità, ovviamente, deve BENEDIRE i soldati del 1982 che sventarono quella minaccia, così come si benedicono i soldati che dal 2011 ad adesso hanno a più riprese sventato e sconfitto i terroristi

Nonostante l'ENORME dispiego di mezzi, di uomini, di mercenari presi da ogni fogna takfira, di agenti segreti della NATO, della CIA, del Mossad, di denaro dei pedo-emiri sauditi e qatarioti...la Siria, col suo splendido esercito, con la sua popolazione eroica, col suo Presidente deciso e determinato, si sta rivelando ancora una volta "un osso troppo duro" per l'imperialismo anglosionista.

28 commenti:

  1. Il 25 aprile ci siamo liberati dal nazifascismo, sicuramente ci libereremo dal sionismo e dal wahabismo, dalla stupidita' umana working in progress.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e siamo diventati i servi sciocchi dell'Ammèrega, cujùn!

      Elimina
    2. Il 25 aprile per me è lutto, lutto pesante.

      Elimina
  2. Allora ci fu una guerra,in Siria c'e' una guerra,se il popolo italico non tira fuori un po' di balle,e fa quello che non ha mai fatto,cioe' una rivoluzione,sara' servo....!

    RispondiElimina
  3. le cartine , come il solito, manipolate per impressionare in malafede gli ingenui o...in buona fede gli idioti! Il regime marcia sul posto, con esorbitanti perdite di uomini e materiale. Le cartine non possono essere paragonate, dato che una e' solo in arabo e a causa dell'ingrandimento, copre un differente territorio! Marek e' ancora saldamente nelle mani dei Rivoltosi contro il Regime pazzo degli assad!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parla di malafede l'anonimo mentecatto!
      una è in arabo, mappenza!!!!
      e in cosa dovrebbe essere, in ostrogoto?
      Morek è in mano ai tagliagole? PER POCO!

      FORZA PALAESTINA FELIX, BALUARDO DI INFORMAZIONE E VERITA'!!!!

      Elimina
    2. Ma è scemo questo? Basta veder Taibat Imam dove si trova in entrambe le cartine e fare il raffronto!!!!!

      Elimina
  4. Intanto in quel di Kirkuk, Iraq ...
    https://sputniknews.com/middleeast/201704251052964191-boars-kill-daesh-isis-iraq-kirkuk/

    RispondiElimina
  5. Auguro presto alla gloriosa Siria di poter festeggiare il giorno della Vittoria.
    W L'ASSE W L'INTESA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche l'Italia ha perso tutto il perdibile nelle due guerre mondiali e festeggia ...i giorni delle vittorie! Punti di vista! Anche gli strabici vedono.....il contrario!!!!!!!!!!

      Elimina
  6. Per chi interessa approfondire : c'è un bell'articolo su Aurora che parla dei fatti di Hama 1982 , schiacciare su Aurorasito a destra della pagina (se cancella pure questo è il colmo) ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quello che avvenne nel 1692? Quanto dobbaimo andare indietro per fermarci e pensare solo al presente?

      Elimina
    2. Il 1948, l'anno in cui, per voi frocio-palestinesi, inizia l'era contemporanea, è 34 anni più vecchio del 1982 del Diego!!!! Se ci tieni a cosette più recenti, leggi le batoste che il Regime dell'assad ha preso dal 2011! Incomincia con Palmyra ( puoi goderti atto primo e secondo ), Aleppo ( atti uno a Omega ), Tabqa ( da stagnante a furioso perdente ), ecc.

      Elimina
    3. Terrorista, dovresti essere messo disteso in un forno pure tu.

      Elimina
  7. 6 anni di invasione da parte di truppe straniere. 6 anni difficili. Ma oggi homs hama Palmira aleppo e tanti altri centri minori sono liberi. Cosa c'è di così scandaloso quando Un popolo resiste e lotta contro una invasione di stati stranieri. Si tratta solo di inchinarsi all'ogoglio di questo popolo e ai suoi sacrifici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curioso che questa rivolta di ben 60.000 uomini non sia riuscita a creare neppure un solo leader che la rappresentasse , e dire che di appoggi dall'estero ne hanno avuti a bizzeffe in questi anni , le soluzioni sono due : i disertori erano quattro gatti , ufficiali ben pagati dalle petromonarchie che ora stanno godendosi i soldi su qualche spiaggia del Mar Rosso , oppure l'opposizione è semplicemente quella che tutti i siriani hanno dovuto loro malgrado conoscere , cioè le varie sigle degli islamisti più fanatici , non escluderei che le due componenti si siano mescolate , ossia pochi disertori siano immediatamente confluiti nelle sigle più radicali anche per l'assoluta inconsistenza della ribellione della prima fase.

      Elimina
    2. Ma no stadí cagàdis parplasé, bútiti te ròe ve... Cosa hai conosciuto della ex yugo? Il nulla ecco cosa.

      Elimina
  8. Se vi capita di trovare una mappa dinamica su internet sulla guerra civile siriana(ne avevo vista una tempo fa ma ora non ve n'e' piu' traccia,per cui non ho un sito da consigliarvi),di quelle a colori per le varie fazioni che riassumono velocemente l'espansione territoriale,diventa tutto chiaro e cristallino riguardo chi ha composto il nucleo della ribellione siriana;Al momento che nasce l'isis,META' del territorio segnato in verde(ribelli anti Assad)diventa nero,cioe' meta' dei "moderati"hanno aderito all'Isis,e nei restanti le frange Jihadiste non erano certo in minoranza....difficile credere alla versione di una rivolta fatta per la maggior parte da moderati vogliosi di democrazia occidentale,di sicuro gia' del 2014 la componente Jihadista era predominante altrimenti non vi sarebbe stata quella identificazione istantanea su la meta'dei territori appartenenti ai ribelli in funzione pro-isis,che diciamo che non rappresenta una visione liberale e democratica della societa'......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono solo gli israeliani a 6 punte di cazzo che credono alla rivolta della democrazia, d'altra parte credono tutto, anche di essere un popolo...

      Elimina
  9. Beh... intanto la riconquista di Palmira Non è stata fatta da rivoluzionari ma dall'isis. Organizzazione dichiarata dall'Onu terrorista e fuorilegge composta da bande provenienti da mezza Europa e dal Caucaso.
    Sicuramente chi gestisce gli attacchi al popolo siriano é ben organizzato. Tanto è vero che ormai è chiaro a tutti che senza finanziamenti e armi da vari paesi non sarebbe mai esistito l'Isis e nemmeno al qaeda.
    Il fatto che siano 6 anni che l'esercito siriano resiste a tale invasione va solo a merito di quel popolo che oggi sta liberando territori precedentemente persi.
    Che poi la russia abbia evitato alla siria fi finire come la Libia... non lo vedo scandaloso. Anzi.

    RispondiElimina
  10. X sergio
    E sono d'accordo con te, ma non possiamo neppure negare che il popolo siriano al suo interno sia diviso, cosa che non è avvenuta nelle tepubliche separatiste dell'ucraina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sua complicato avere tutta la verità. Certamente il medio oriente e pieno di problemi. Il tipo di organizzazione sociale. .. la divisione religiosa.. sta di fatto che in quei paesi si assiste da anni a cambiamenti apocalittici.
      Come riorganizzare il mondo arabo... forse ci sarebbe bisogno di pace tra quei popoli anziché inneggiare alla divisione settaria. Andrebbero aiutati anziché divisi o peggio. Non vedo in altri paesi del mondo arabo esempi di fulgida democrazia. Vedo per lo più staterelli creati a ridosso di un pozzo e anche più pozzi di petrolio. Vedo popoli tenuti miseramente da monarchie che galleggiano su ricchezze immense.
      Credo vada difesa l'idea di stato in siria come insieme di un popolo multiconfessionale. Quindi intanto via le bande terroristi che tutto distruggono. Poi cosa fare sarebbe giusto lo decida il popolo siriano.
      L'ucraina... é ancora un'altra cosa penso.

      Elimina
  11. Più precisamente in ucraina dopo il colpo di stato alcune regioni si sono separate. La Crimea ha votato per un ritorno alla russia. Più divisi di così. ..
    In siria non c'è questa situazione.
    Alcune regioni sono occupate da valanghe di truppe straniere. Nessuno ha chiesto separazione. Non potrebbero.non esiste unione o altro.La parte di popolo siriano che manifestava é diventato carne da cannone per interessi altrui.
    Esiste il problrma dri curdi. Un problema vero che riguarda più stati e non solo la siria.

    RispondiElimina
  12. Vedrete che i curdi per Assad non saranno un problema.

    RispondiElimina