domenica 4 giugno 2017

Come tante "Arabe Fenici" i T-72, i T-62 e -55 dell'Esercito di Assad sono riportati alla vita da esperti tecnici e meccanici!

"La guerra odierna è una guerra di motori. La guerra sarà vinta da chi avrà una superiorità schiacciante nella produzione di motori"      (Iosif Stalin)


Queste foto sono state scattate a Damasco in una delle più grandi officine per la manutenzione, la riparazione e la ricostruzione di mezzi blindati e corazzati dell'Esercito Arabo Siriano: decine di carri armati, dozzine di blindati e altri cingolati aspettano nei suoi capannoni di venire riportati all'efficienza per poi tornare sui campi di battaglia contro l'ISIS, Al-Nusra e altri takfiri.

Come già in Irak la estrema robustezza e affidabilità delle costruzioni meccaniche sovietiche e russe é la migliore garanzia del fatto che questi mezzi continueranno per lungo tempo ad eliminare terroristi mercenari; i 'tank' americani o europei, delicati, suscettibili e fragili, nelle stesse condizioni sarebbero da lungo tempo fuori combattimento.


3 commenti:

  1. Hector Hammond4 giugno 2017 15:28

    Il problema del mondo occidentale sono le vagonate di genialoidi che insegnano nelle facoltà scientifiche , boia delle menti non conformi , secondo me .

    RispondiElimina
  2. Certi mezzi hanno bisogno dinuna proggettazione "grezza" e questo solo la russia lo sa e lo ha capito, il resto del mondo pensa di usare la precisione e la raffinatezza dello shuttle anche in uno "scarpone" , che poi non va bene appena prende acqua o fango. Guardate gli Eotech che hanno grossi problemi con le vibrazioni mentre i punti rossi sovietici vanno anche quando si rompono ahaha

    RispondiElimina