domenica 4 agosto 2013

Il Segretario della Jihad Islamica Palestinese a Teheran loda il ruolo dei martiri iraniani della Rivoluzione e della Resistenza!

"Asse della Resistenza" non é un vuoto modo di dire o una metafora per la pur presente influenza in crescita della Repubblica Islamica Iraniana nello scacchiere Mediorientale e Centroasiatico: Asse della Resistenza vuol dire un fluire di energie sane, positive, pure, che si rafforzano e si intensificano le une con le altre attraverso l'Asia Centrale, la Mesopotamia, la Bekaa, Beirut, il Sud del Libano, la Cisgiordania e Gaza e oltre fino al Sudan e allo Yemen e all'Est Saudita e al Bahrein, ovunque vi siano popoli, gruppi, movimenti e partiti che lottino per troncare i tentacoli della piovra imperialista e stabilire il loro Diritto a vivere autonomi e liberi.

Quanto profonda sia questa solidarietà e quanto organica sia questa grande lotta di liberazione lo ha mostrato recentemente il Segretario Generale della Jihad Islamica Palestinese, Ramadan Shallah, che, a Teheran per assistere all'investitura e al giuramento del nuovo Presidente Hassan Rohani ha anche visitato l'esposizione dell'Associazione Habilian sui martiri iraniani della Rivoluzione e della Resistenza.

Dopo avere incontrato il Segretario di Habilian, Seyyed Mohammad Javad Hasheminejad, Shallah ha percorso con lui le sale dell'esibizione, commentando e lodando il coraggio di quanti hanno fatto il supremo sacrificio per la causa della Rivoluzione Islamica e della Resistenza anti-imperialista, notando come, essendo sfuggito a un attentato dei terroristi dell'MKO, servi di Saddam Hussein prima, poi della CIA e del Mossad, la stessa Guida Suprema Iraniana, Ali Khamenei, meriterebbe il titolo di "Martire Vivente" della Rivoluzione.

5 commenti:

  1. Se, peccato che se gli USA non facevano i loro interventi umanitari ora non esisterebbe nessuna asse della resistenza. E poi scusa ma che centra lo yemen con l'iran? E l'asia centrale? Per voi karzai è un antimperialista accanito? Per quanto riguarda il bahrain...non vi apparirà mai! Il bahrain è degli arabi e apparterà sempre e solo agli arabi, quei venduti che costituiscono "l'opposizione del bahrain" sono pieni di dollari e di rial iraniani, sono intrippati di un ideologia criminale e settaria...vi sembrano degli antimperialisti? Vi sembrano degli antimperialisti tutti i politicanti iracheni che ora hanno in mano la mesiopotamia? Gente che arrivata in iraq dopo anni di esilio all'estero a bordo dei carri armati statunitensi e inglesi. Se solo ci fossero ancora saddam e il mullah omar, loro sapevano la verità e infatti li hanno fatto la guerra...ora che ce rohani in iran, gli USA hanno ricominciato i collegamenti aerei con teheran. Free ahwaz!

    RispondiElimina
  2. http://www.youtube.com/watch?v=IEZd3h2Ivkw

    Ma si...piuttosto che aiutare i propri cittadini è molto meglio dare i soldi ai macellai al maliki e assad. L'ahwaz è la pricipale regione iraniana x quanto riguarda il petrolio e la sua estrazione e sta povera gente deve bere il fango mentre i mullah di teheran si prendono il petrolio. Non sia mai che degli arabi sunniti possano vivere dignitosamente in iran. E voi sareste dalla parte della causa araba? VERGOGNATEVI!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai il cervello fuso, ripigliati!

      Elimina
  3. questi palestinesi sono quelli che si ricordano che durante la strage di Piombo Fuso, gli unici ad aiutarli e supportali in qualche modo fu solo lì'Iran... e anche a dentri stretti Hamas ha dovuto ammetterlo ... ora vorrebbe dimenticarsi tutto perchè prende i soldi dai sauditi ... un bel voltafaccia .. meno male che c'e' qualcuno dei palestinesi che non ha la ,memoria corta, anche perchè molto presto Gaza potrebbe essere teatro diu una nuova guerra sionista e non credo che i sauditi li aiuteranno ... Hamas sta facendo uno sbaglio enorme ... e lo pagherà molto caro ...

    RispondiElimina