venerdì 8 agosto 2014

Ecco l'ultima vittima della barbarie sionista: una bambina di appena sei anni!!

In questa foto possiamo vedere, pietosamente ricomposta per i suoi funerali, con bende e un compassionevole vessillo a celarne lo scempio del corpicino, l'ultima vittima dei rinnovati bombardamenti sionisti sul ghetto assediato di Gaza, una bambina di appena sei anni.

Ci chiediamo quanto "terrorismo" avrà praticato questa bambina, quanti "razzi" avrà lanciato (ammesso e non concesso che lanciare razzi sia un crimine per cui venire bombardati e non una legittima e doverosa opera di Resistenza), quanti soldati ebrei invasori avrà "rapito"!

Ai sepolcri imbiancati Pacifici, DiSegni, Toaff, Allam, Ferrara, Feltri e altre cloache, diciamo, quando sarete di fronte all'Artefice, l'anima di questa bambina chiederà compensazione a voi che giustificate e lodate i suoi carnefici come agli stessi che l'hanno massacrata...allora griderete e piangerete, ma non servirà a nulla.

5 commenti:

  1. dite che è reale questa notizia=??
    se qualcuno riesce a trovare più info. lo dica che espandiamo la notizia!!!

    Il cosiddetto "califfo" dell'ISIL, lo stato islamico dell'Iraq e del Levante, il gruppo terroristico che ha messo a ferro e fuoco l'Iraq, non si chiama Abu Bakr Al Baghdadi ma Shimon Elliott, e' un ebreo ed e' uno dei migliori agenti del Mossad israeliano.

    E' quanto rivela il sito americano Veterans Today (http://www.veteranstoday.com/2014/08/04/french-report-isil-leader-mossad/)
    che spiega che l'agente Elliot e' specializzato in spionaggio nel mondo arabo ed in guerra psicologica contro i musulmani. Le preziose informazioni sul leader dell'ISIL, che ne dimostrano la provenienza israeliana e non islamica, come si vorrebbe far sembrare con il nome, sono state ottenute dalla mole di informazioni rivelate da Edward Snowden nell'affare Datagate. Veterans Today spiega che prima di assumere questa nuova identità, Elliott ha svolto operazioni di spionaggio nei paesi arabi con il falso nome di Ibrahim ben Uad ben Ibrahim al Badri. Il sito americano conclude che l'obbiettivo principale dell'ISIL è quello di creare nella regione il caos che può dare ad Israele la possibilità di dominarla e mettere in atto in essa le sue mire espansionistiche.

    RispondiElimina
  2. La notizia viene data da IRIB.It che di solito risulta ben informata e credibile, se così fosse tanto di cappello alle capacità di manipolazione dei dirigenti sionisti il che non fà che confermare che vanno fisicamente ELIMINATI tramite un'appropriata "killing list" (d'altra parte le esecuzioni mirate le hanno inventate loro) per porre fine alle sofferenze ed alle tribolazioni delle popolazioni medio orientali e anche ucraine visto che nel governo golpista di kiev sono presenti in modo massiccio, con uno sforzo e con perdite umane ragionevoli si potrebbe risolvere il problema pro bono pacis.
    Ivan

    RispondiElimina
  3. Giuliano Ferrara,prorpio colui il quale un anno fa delirava fino all'ultimo momento in favore di un attacco umanitario contro la Siria,implorando "la guerra giusta" e "preventiva" contro Assad.Oggi parlano di ISIS e i loro giornalisti,gli stessi che diffondevano bufale per discreditare l'esercito siriano,si trovavano in Siria con le nuove "rapite".

    RispondiElimina
  4. Gli adoratori del Vitello d'Oro dovranno rendere conto per i loro crimini e per la loro propaganda.Maestri indiscussi della "doppiezza" e della "menzogna".

    RispondiElimina
  5. Magdì Allam, non lo sopporto proprio... E' una stramaledetta testa di CAZZO.

    RispondiElimina