martedì 3 novembre 2015

Altri sette capi terroristi uccisi tra Latakia, Damasco e Hama!

  • Abu Ali al-Na’imi (Harakat Ahrar al-Sham), 
  • Abu Muaz al-Shami (Jabhat al-Nusra), 
  • Saleh Sindah (Jaysh al-Islam), 
  • Uqaba Abu Ahmad (Liwaa Umar al-Farouq), 
  • Abu Abdo Saqr (Jaysh al-Islam), 
  • Abu Ahmad Khalil (Liwaa Umar al-Farouq), 
  • Ashraf Jamiah al-Muhayr (Harakat Ahrar al-Sham). 
Questi  sono i nomi e i gruppi di appartenenza dei sette leader terroristi eliminati negli ultimi tre giorni dalle forze armate siriane e dalle loro unità ausiliarie nelle province di Damasco, Latakia e Hama; lo ha comunicato ufficialmente una fonte militare siriana della Provincia di Aleppo, che evidentemente ha collegato e redatto rapporti e annunci da tutto il paese.

Dopo i 55 capi terroristi eliminati nel mese di ottobre (di cui avevamo fornito la lista completa) anche il mese di novembre inizia molto male per tagliagole e takfiri, che hanno subito perdite ingenti anche a livello di truppe; proprio poche ore fa la congrega di fazioni terroriste conosciuta come Jaish Islam ha pubblicato immagini di un servizio funebre per un gruppo di ottanta suoi combattenti andato completamente distrutto in uno scontro con le forze siriane.



16 commenti:

  1. In queste azioni sono presenti anche gruppi speciali russi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro flanker...........è un po' come il detto che recita... il trucco cè ma non sì vede!
      W L'ASSE W L'INTESA

      Elimina
    2. ci sono sicuramente iraniani ed irakeni...ma sopratutto c'è una superiorità strategica sul terreno ( armi più moderne e maggiori comunicazioni fra i gruppi).
      Dei tagliagole si parla poco, sembra abbiano solo i pick-up armati con mitragliatrici, qualche mortaio, qualche Tow ,ma non leggo notizie di cannoni e di carriarmati..ne avevano l'anno scorso dopo averli rubati nei depositi degli eserciti siriani ed irakeni,avevano rubato anche alcuni caccia ai siriani, ma ormai sono stati rottamati dagli aerei, carri armati , cannoni e katiusce dei siriani,Hezbollah, ed irakeni e poi è noto che occorrono non solo munizioni ma anche pezzi di ricambio per mandare avanti la guerra!
      I russi avevano detto che non avrebbero inviato truppa ,ma lo avevano detto anche in Ucraina!

      Elimina
  2. La foto l'avevi già postata tempo fa.
    http://palaestinafelix.blogspot.it/2015/10/ecco-lunico-risultato-dei-tentativi-di.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so benissimo, ma le foto sono indicative e, non avendo la foto precisa dei takfiri morti, ho preso una generica foto di un takfiro morto.

      Elimina
    2. Grazie per la precisazione.
      Ormai la seguo giornalmente da mesi.

      Elimina
  3. Signor Kahani,

    http://www.agathocledesyracuse.com/archives/527

    Ci sono conferme?

    RispondiElimina
  4. INTERVALLO
    Le consuete quattro ghignate con Trombetta

    Cristiani, meglio Isis che morte certa
    (ANSA) - BEIRUT, 3 NOV - Preferiamo rimanere sotto l'Isis che perdere le nostre case e i nostri terreni, rischiare la morte sotto le bombe in altre zone della Siria o scappando come profughi per il mare verso l'Europa: è il senso del messaggio che decine di famiglie cristiane della regione di Homs, assediate in queste ore dai jihadisti dell'Isis, hanno fatto arrivare all'ANSA tramite loro parenti fuggiti in Libano. In queste ore l'Isis assedia Sadad, località a maggioranza cristiana a sud-est di Homs.

    Da notare che Lorenzo Trombetta (il falangista dell'ANSA) è quello che su LIMES sosteneva che l'ISIS aveva dato prova di amministrare bene le zone conquistate, e che quindi ci si poteva trattare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Propaganda anti Putin. Niente di più

      Elimina
  5. Il terrorista che si chiama Abu viene accoppato di più!
    Su 7 sorci ci sono 5 Abu, si vede che porta sfiga di più!
    Ivan

    RispondiElimina
  6. SI SA QUALCOSA A RIGUARDO?

    RUSSIA – Mosca 03/11/2015. Una terza tornata di colloqui intra-siriani tra i rappresentanti dei gruppi di opposizione e il governo dovrebbe iniziare la prossima settimana a Mosca.

    La serie di colloqui è stata annunciata dal vice ministro degli Esteri Mikhail Bogdanov, riporta Sputnik. La Russia ha già ospitato le due tornate precedenti a gennaio e aprile. "Inviteremo le parti a Mosca per consultazioni la prossima settimana. Non ci sono problemi con il governo (...) Ora stiamo conducendo colloqui con i rappresentanti dell'opposizione siriana in modo che vengano a Mosca" ha detto Bogdanov in conferenza stampa. Secondo Bogdanov, l'incontro costituisce un proseguimento degli sforzi di Mosca di creare occasioni di dialogo l'opposizione siriana e il governo di Assad per risolvere i pressanti problemi del paese: "Abbiamo un nuovo elemento positivo, molto promettente nella discussione generale: è il Documento di Vienna, accettato da tutti il 30 ottobre" ha sottolineato il vice ministro russo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. QUALCOSA SI STA MUOVENDO NEL VERSO GIUSTO

      Mosca, 3 nov. (askanews) - Il ministero della Difesa russo e i leader dell'opposizione siriana hanno creato un gruppo di coordinamento per combattere i jihadisti dell'Isis in Siria e sulle basi di informazioni fornite dai ribelli l'aviazione russa "ha già colpito 24 siti terroristici". Lo ha annunciato il portavoce dello Stato maggiore russo, generale Andrei Kartapolov.

      "Abbiamo istituito gruppi di coordinamento, le cui composizione e localizzazione non possono essere rivelate per ovvii motivi. Lavoreranno insieme per coordinare gli sforzi e i problemi della lotta all'Isis" ha detto Kartapolov, secondo quanto riferisce Interfax. Spiegando che il contingente russo ha preso contatto con i leader delle forze ribelli siriane che combattono l'Isis e il fronte al Nusra, Kartapolov ha detto che "queste forze patriottiche, nonostante quattro anni di lotta coni le forze governative, considerano l'idea di conservare una Siria unita e indipendente superiore alle proprie ambizioni politiche".

      Elimina
  7. saranno pure delle carogne , ma a me fanno pena lo stesso, quel poveraccio poi non era in grado di nuocere è evidente che aveva un braccio rotto, un po di rispetto per i morti non guasterebbe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì concordo....come no!!! Vallo a dire a tutti gli innocenti che hanno ucciso, a quei bambini , anziani, giovanissimi e donne che hanno torturato, mutilato e massacrato; dillo a tutte quelle donne che hanno violentato e venduto e alle loro famiglie distrutte. Come cazzo vi passa per la testa queste considerazioni.
      Scusate ma lo sentivo doveroso. Saluti vivissimi

      Elimina
  8. Ho esaurito la pietà per tutte le vittime di daesh , nusra e ratti vari. Non ne ho abbastanza per loro.

    RispondiElimina