venerdì 1 aprile 2016

E' sbarcato a Latakia il primo contingente di sminatori e artificieri specializzati inviati da Putin verso Palmyra!

Nelle operazioni di bonifica della città liberata di Palmyra l'Esercito Arabo Siriano ha rivelato un capannone letteralmente pieno fino all'orlo di granate per mortaio, munizioni per artiglieria e lanciarazzi, missili guidati, mitragliatrici leggere e pesanti complessi binati e quadrinati di mitragliere e cannoncini e altri tipi di armi, munizioni esplosivi confezionati e ingredienti per gli stessi.

Per contribuire fattivamente alla messa in sicurezza di tutta la zona, a partire da quella residenziale e agricola fino a quella archeologica classica e anche medievale (castello di Palmyra), le autorità russe hanno mobilitato i propri migliori esperti e artificieri del Centro Internazionale di Sminamento, basato nella cittadina di Nakhabino, nella Regione di Mosca.

Gli esperti russi si rechereanno in Siria portando con sé esemplari dei cercamine portatili induttivi IMP-2S, dei ricercatori di congegni esplosivi PIPL, dei cercatori di detonatori di prossimità INVU-3M oltre agli ultimi modelli di scafandri da sminamento, cani da esplosivo, robot telecomandati sminatori Uran-6.

Il primo gruppo di tecnici ed equipaggiamenti relativi, caricati su un trasporto pesante Antonov-124 é già sbarcato alla base aerea di Hmeymim, in Provincia di Latakia.

9 commenti:

  1. hanno una bella possibilità di spostamento del personale i russi senza rotture di scatole da parte di terzi! Da noi si sarebbero mossi politici,parlamento,associazioni, ecc.ecc per protestare la necessità di permessi di vario genere....e si che in Afghanistan ed anche in altri paesi il ns personale del Genio è stato molto apprezzato nell'opera di sminamento e tutti quei marchingegni di ricerca li abbiamo anche noi...

    RispondiElimina
  2. Siccome Putin ha trdito Assad - pugnalandolo alla schiena (avrà imparato da Erdoghan) - gli artificieri sostituiranno le trappole esplosive 'fatte in casa' dal Daesh con armi nucleari tattiche...

    Tommaso Baldi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aahahhah! :) Si.. e sostituiranno Assad con un suo clone wahabita filo-Turchia e filo-saudita!

      Elimina
  3. TUTTE QUESTE ARMI DA DOVE VENGONO? E' STATO SILVAN HAHAHAHAHAHAHHA INFAMI MALEDETTI FINANZIATORI DEL TERRORISMO

    RispondiElimina
  4. TUTTE QUESTE ARMI DA DOVE VENGONO? E' STATO SILVAN HAHAHAHAHAHAHHA INFAMI MALEDETTI FINANZIATORI DEL TERRORISMO

    RispondiElimina
  5. Hector Hammond1 aprile 2016 13:19

    Ad ogni modo riciclare tutto se possibile , le armi fan comodo !

    RispondiElimina
  6. Grazie Putin!!!. Aleksandr Prokhorenko Vive nei nostri Cuori!!! Grazie anche a te!!!.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visto che si scrive di palmira io aggiungo anche Khaled al-Asaad, in arabo: خالد الأسعد‎, Khāled al-Asʿad, morto per difendere la cultura umana ... ossia per aver rifiutato, anche dopo ripetute torture, di comunicare all'isis dove ha nascosto molti reperti archeologici.

      on

      Elimina
  7. Bisogna fare un'inchiesta "coperta" internazionale ed individuare la rete che traffica in oggetti archeologici rapinati in Siria, mediatori, trasportatori, finanziatori ed acquirenti finali.
    Dopo di che li si AMMAZZA UNO AD UNO COMPRESE LE LORO FAMIGLIE TRAMITE INCIDENTI, SUICIDI O ALTRI METODI fino a che non restituiscano il maltolto.
    Famosi musei americani come il GETTY hanno comprato antichità ITALIANE RUBATE ebbene chi opera in questo modo non DEVE FARE SONNI TRANQUILLI NE PROGETTI PER IL FUTURO, lo si deve a Khaled al-Asaad ed ad altri meno conosciuti Eroi e sono tanti che hanno lavorato per preservare beni unici per la memoria degli Uomini.
    Ivan

    RispondiElimina