domenica 15 novembre 2015

Le piste elicotteristiche di Marj al-Sultan finalmente libere da ogni presenza takfira e terroristica!!

C'é voluta l'intera giornata di ieri, durante la quale l'attenzione internazionale era concentrata altrove, ma infine la 105esima Brigata della Guardia Repubblicana, insieme ai miliziani dell'NDF di Damasco e ai volontari palestinesi é riuscita a conquistare la totalità delle piste per elicotteri di Marj al-Sultan e si trova sul punto di iniziare l'attacco da Sud contro l'omonimo centro abitato.
L'installazione di Marj al-Sultan era occupata dai terroristi di Jaish al-Islam e Al-Nusra fin dal 2012, quando nei mesi estivi i takfiri di numerose sigle tentarono di attaccare in forza la capitale siriana, ma vennero bloccati e respinti, adattandosi a occupare insediamenti e infrastrutture più o meno importanti nell'esteso hinterland di Damasco, sperando di poter riprovare un grande assalto in futuro.

Per fortuna tale occasione non si ripresentò mai, e, adesso, sono invece le forze di Assad a tornare all'offensiva per ribaltare una volta per tutte la situazione di stallo nel Ghouta Est; qualora anche l'abitato di Marj al-Sultan tornasse sotto il controllo governativo ci troveremmo di fronte a una vittoria forse decisiva per l'intero settore.

10 commenti:

  1. dove si trova il Ghouta est e la base di Marj al-Sultan rispetto a Damasco? non riesco a trovarli su Google map!
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.maplandia.com/syria/dimashq/marj-as-sultan/

      Elimina
    2. Tu scrivi Damasco su Google maps poi vai a destra e senz altro troverai "Douma". Da Douma comincia una sacca accerchiata che si estende ad est e a sud est di Douma e quella sacca coincide col Ghouta est
      Lex

      Elimina
  2. ottima notizia !
    Fabio

    RispondiElimina
  3. L'Esercito Siriano: avanzerà fino alla vittoria! bisognerà solo vedere cosa cavolo faranno questi cialtroni dopo la false flag di Parigi . Spero il S. Kahani possa informarci su cosa potrebbe accadere se le merde con la scusa del propri alleati neri vorranno intervenire in Siria.

    RispondiElimina
  4. Buonasera sig. Kahani, il bombardamento della iaf su damasco, è confermato o no? Y

    RispondiElimina
  5. Speriamo le Euromerde non intervengano contro Assad dopo essersi creati il casus belli. Comunque l'Italia sta spostando mezzi corazzati. Una ventina-trentina tra mezzi pesanti e artiglieria mobile sono passati per Senigallia poco fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non creiamo allarmismi inutili e disinformazione,sè la notizia non è stata battuta sul sito,sono solo panzanate dei media atlantisti.
      W L'ASSE W L'INTESA

      Elimina
    2. L'Italia ha votato pochi giorni fa l'aumento degli istruttori da mandare in questo caso soprattutto a Bagdad ed in misura minore nel Kurdistan iracheno, mi pare ad Erik. Una parte fondamentale dell'addestramento riguarda l'uso dell'artiglieria.

      Per cui a Sigonella al 99% si sta attuando quello che ha votato il parlamento italiano su richiesta del governo sciita di Bagdad.

      Ha ragione stilicone smettiamola di fare allarmismo.

      Ps
      Questa notizia l'avevo già riportata nei commenti in questo blog. Colgo l'occasione di ringraziare il padrone di casa per l'ottimo lavoro che fa.

      Elimina