domenica 17 marzo 2013

Mosca avverte: "Se l'UE ritira l'embargo verso i terroristi in Siria la nostra flotta ispezionerà ogni mercantile nel Mediterraneo Orientale!"

Chi abbia avuto negli ultimi giorni il dubbio piacere di consultare il 'gazzettame' occidentalista avrà sicuramente notato il grande fermento che (apparentemente) ha animato le cancellerie inglesi e francesi determinate a ottenere dall'UE un'abolizione unilaterale dell'embargo ai trasferimenti di armi in Siria che permetta a questi paesi di armare a piacimento i terroristi wahabiti legati ad Al-Qaeda ancora presenti nel paese.

Tale 'fregola' armiera franco-britannica é causata dai continui rovesci sul campo subiti dai mercenari sunniti estremisti che necessiterebbero perciò di ben più dei circa 200-300 milioni di dollari di aiuti mensilmente provvisti da turchi, sauditi e qatarioti per riuscire a sopravvivere alla caccia spietata data loro dalle truppe dell'Esercito arabo siriano.

Ma, puntuale, é arrivato da Mosca lo "Stoy!" del Presidente Putin il quale ha fatto annunciare che, in caso di abolizione dell'embrargo UE tutte le navi russe nel Mediterraneo orientale (e come abbiamo descritto anche recentemente, ce ne sono un bel po') riceveranno l'ordine di fermare e ispezionare ogni cargo mercantile che possa trasportare armi per i terroristi.


9 commenti:

  1. Forse i burattini pseudo-governanti anglofrancesi non hanno ancora ben capito che, chi tiene le redini di comando nella terza Roma non è più la macchietta ridicola dei bei tempi di dominio occidentale assoluto,la musica è cambiata,e spero che in qualche occasione,questi signori prendano una salutare scottatura.
    Una piccola postilla in finale.......grazie a Dio che esiste Palaestinafelix,dove l'informazione è veramente obbiettiva, chiara e senza forzature di parte,e molto particolareggiata,visto che quella ufficiale italiana(e non solo) è a dir poco VERGOGNOSA!!!!!
    W L'ASSE DELLA RESISTENZA

    RispondiElimina
  2. questo e' un fatto estremamente positivo , da parte russa , non lasciatene pasare nemmeno una, devo pensare che molti nostri politicanti europei pur conoscendo la realta' dei fatti relativi alla situazione siriana,seguano le politiche guerrafondaie degli anglo-franco-israelo-statunitensi,incuranti degli interessi dei propri cittadini che amano la pace anche in siria, saluti ... non a tutti

    RispondiElimina
  3. Mi compiaccio di trovarmi, in questo sito, cosa oggi molta rara! - in compagnia di molti soggetti amanti della pace e della giustizia. Mi chiedo come si faccia a non comprendere da che parte stare e da che parte stia la Verità! Grazie, Palestina Felix... Io, lo confesso, ho conosciuto dati e informnazioni esatti, solo collegandomi al vostro sito, mentre in precedenza, cercavo, in maniera estenuante (ed inutile) di beccare qualche goccia di verità su Televideo Rai... trovandovi invece sempre le "patacche" del ministro Terzi... Che se ne vada presto questo individuo, anche se immagino che il suo successore, difficilmente, potrà essere diverso. In Italia, per fare il ministro degli Esteri, bisogna avere la patente USA-compatibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci auguriamo di poterla annoverare a lungo tra i nostri affezionati lettori,

      messaggi come il suo sono un vero e proprio balsamo per quanti sacrificano il loro tempo libero per mantenere attivo e ricco di notizie e aggiornamenti puntuali uno spazio come PALAESTINA FELIX che vogliamo sia proprio un ANTIDOTO e un VACCINO contro le panzane sfornate su scala industriale dai media asserviti al 'pensiero unico' filo-israelian-sionista-NATO-americano.

      Grazie, grazie del suo sostegno e ci diffonda presso amici e conoscenti di idee simili alle sue!

      :D

      Elimina
  4. Non mancherò di certo, gentile Amico. Mio padre, scomparso di recente, lottò per oltre mezzo secolo contro tutte le ingiustizie. Quando il gen. De Lorenzo prospettò quella porcata di colpo fi stato, egli era fra i 600 da deportare in Sardegna, ed io stesso ho dovuto sopportare le molestie di uno Stato che non accetta l'esistenza di una "cultura della coscientizzazione", come ben diceva P. Freire. Auguri, mio Amico. Spero su queste pagine, di poter celebrare tante conclusioni, per noi positive, di battaglie contro l'Imperialismo.

    RispondiElimina
  5. I Russi sono letteralmente furibondi, l'onesto appello alla pace russo è stato dileggiato!
    Sulla Russia si sono SEMPRE rotti le corna tutti i "cornuti" (licenza siciliana) occidentali che hanno provato a provocare o peggio invadere Santa Madre Russia, chi è Russo sente nelle narici l'odore ed il richiamo della rodina e poi un bagnetto nei mari caldi è un pezzo che l'Orso lo vuole fare ... nel 1917 ci avete parzialmente fregati ma abbiamo buona memoria come tutti gli animali (voi ci ritenete tali e pensate di appartenre ad una razza superiore)dateci solo l'occasione e dovrete scrivere in caratteri cirillici in futuro.
    Ivan

    RispondiElimina
  6. Leggo proprio ora la notizia su Televideo Rai che Kerry "non ostacolerà l'invio di armi europeee ai ribelli anti-Assad". Questi delinquenti sono riuniti a Istambul e intendono mettere su un governo per amministrare le "zone libere" (!) della Siria. L'Europa, in questa come in tante altre occasioni passate, sarà causa e promotrice di immani tragedie. Che Dio ci aiuti...

    RispondiElimina
  7. A quanto pare in Siria non ci sono più zone "liberate" da lugubri wahabiti, gli infami ratti sono stati ricacciati nelle fogne da cui sono emersi. Saluti

    RispondiElimina
  8. Grazie di cuore.

    RispondiElimina