mercoledì 20 maggio 2015

A Deir Ezzour l'Isola di Sakr completamente in mano alle truppe siriane! Takfiri in ritirata sull'altra riva dell'Eufrate!

La città di Deir Ezzour, nella parte orientale della Siria, continua a essere teatro di interessanti sviluppi tattici, dopo che le forze siriane ivi presenti hanno riconquistato il Parco Industriale sulla riva destra dell'Eufrate, ulteriori combattimenti hanno portato le truppe della Guardia Repubblicana, i militari dell'Esercito e i miliziani di NDF e altre unità ausiliarie a scacciare completamente anche gli ultimi terroristi dell'ISIS dall'importantissima Isola di Sakr.

Nel corso degli ultimi combattimenti almeno 33 militanti del 'Daash' sono stati eliminati; dall'analisi dei loro resti é risultato che si trattasse, come al solito, di stranieri: tunisini, ceceni, sauditi, turchi, libici e kuwaitiani. Adesso l'impulso del comando siriano si sta concentrando sull'area di Al-Muriyah, dove un attacco ha fatto arretrare i takfiri dalle loro posizioni oltre la fascia di rispetto che circonda l'aeroporto cittadino.

Una completa liberazione di Deir Ezzour, estesa anche alla parte di città sulla riva sinistra del grande fiume che la attraversa, sembra ora non più solo un'ipotesi ottimistica, ma un obiettivo effettivamente possibile, anche se arduo e impegnativo.

5 commenti:

  1. Si può avere una mappa della situazione dell' intera città? Così si capisce poco della situazione militare sul campo....

    RispondiElimina
  2. L' esercito siriano sembra si sia ritirato dalla base militare di Mastoula in provincia di Idlib.....è vero????

    RispondiElimina
  3. Quando l'esercito Siriano impiega la guardia,oppure combatte insieme ad Hezbollah queste scimmie vengono dilaniati in poche ore. Qualche avanzamento lo fanno dove l'esercito ha meno presenza,oppure nelle zone dove turchia e israele danno un supporto anche oltre quello che noi conosciamo. Nella zona di Hasaka si avanza a buon ritmo,oltre Deir OR,anche se piu' lentamente..credo sti scarafaggi ad un certo punto dovranno pur difendere raqqa retrocedendo dalle altre zone. Alla fine non stiamo mica parlando della Wehrmacht? cederanno,cederanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hector Hammond20 maggio 2015 17:55

      La turchia sta dimostrando un cinismo che si paga a lungo termine , quella gente sta comportandosi come chi ha il vizio del gioco , perché la loro sconfitta in questa guerra non gli costerà solo la perdita dei beni materiali spesi .
      Quanto costa perdere la rispettabilità credo che lo scopriranno loro malgrado .

      Elimina