mercoledì 4 gennaio 2017

Per la terza volta le "Aquile di Putin" vengono in aiuto alle truppe di Erdogan vicino Al-Bab!

L'Aviazione Russa in Siria ha continuato anche nelle ultime ore a fornire sostegno alle truppe di terra turche sconfinate in Siria e giunte dei pressi occidentali di Al-Bab, nel NordEst della Provicnia di Aleppo.

Almeno sei-otto incursioni distinte sarebbero state registrate da osservatori siriani.

Ingenti danni e distruzioni sarebbero state inflitte tramite essi alle postazioni dell'ISIS nella periferia Ovest della cittadina in questione.

Questa terza serie di attacchi russi a favore delle truppe di Erdogan dovrebbe permettere ai soldati di Ankara di trovare meno difficoltà nel loro possimo attacco verso Al-Bab.
Poco meno di due settimane fa un tentativo di conquistare 'di slancio' la posizione era finito in disastro per i protagonisti della missione "Scudo sull'Eufrate", che avevano subito costose perdite, specialmente in mezzi e materiali.

6 commenti:

  1. Pare che i turki si stiano lamentando dei danni che subiscono dai sistemi anticarro tow donati dagli americani all'isis, ormai tutta questa storia sta diventando più che paradossale, una barzelletta.

    RispondiElimina
  2. La Turchia é schizofrenica, spero che Putin valuti bene le proprie mosse e quelle della "scheggia impazzita" di Ankara. Il fine é una Siria integra e ripulita

    RispondiElimina
  3. mi sembra che il dott Kahani avesse fatto notare che i soldati turchi non brillassero per condotta militare,perchè il problema non riguarda solo i carri armati persi, ma anche la loro truppa, che dopo le epurazioni di Erdogan è alquanto malridotta
    Se si sono fatti fregare qualche carroarmato occorre vedere anche il contesto,certo se metti un carro in posizione ben visibile e senza protezioni adeguate non solo un tow lo può far fuori ma anche una cannonata ben diretta!
    ISIS ha cannoni e cannoncini oltre che tow più o meno rubacchiati!
    I turchi hanno sottovalutato il nemico e non hanno utilizzato i lori aerei!

    RispondiElimina
  4. Ma come mai i turchi hanno bisogno di qualche raid russo per cavare un po' castagne dal fuoco? Per loro vale sempre la no fly zone russa per loroe quindi non possono usare i loro aerei?

    RispondiElimina
  5. La questione è ben spiegata da Martin Berger su New Eastern Outlook, la traduzione dell'articolo la potete trovare a questo link:
    https://aurorasito.wordpress.com/2017/01/04/gli-ufficiali-turchi-affermano-che-i-tow-statunitensi-li-decimano/

    RispondiElimina