mercoledì 2 febbraio 2011

"Guerre Stellari" contro Al-Jazeera? Le frequenze satellitari del canale qatariano diventano inspiegabilmente 'ballerine'!


Per tutta la serata di ieri e la giornata di oggi i telespettatori arabi che cercavano di sintonizzarsi sull'emittente "all-news" qatariana Al-Jazeera hanno avuto grossissime difficoltà. Dalla piattaforma 'Nilesat' l'emittente di Doha era praticamente scomparsa e su Arabsat e Hotbird il segnale era fortemente disturbato e 'ballerino', costringendo i volenterosi aficionados a modificare ripetutamente le frequenze durante il giorno.

Al-Jazeera, costantemente lodata per il coraggio dei suoi reporter e inviati che hanno fornito in questi giorni una copertura precisa e diretta, nel vivo degli eventi, della rivolta egiziana contro il faraone Mubarak e prima ancora per quella tunisina contro Ben Ali, é diventata un punto di riferimento imprescindibile per chi voglia seguire gli eventi e le notizie mediorientali, non soltanto in tempi tumultuosi come questi.

Nelle scorse settimane la rete ha denunciato numerosi tentativi di disturbare le sue frequenze in Egitto, oltre a numerosi episiodi di aggressione e intimidazione delle sue troupe; é significativo che questa intensa serie di disturbi e interferenze sia iniziata proprio ieri, durante l'annunciata marcia/sciopero generale da oltre un milione di persone al Cairo.

Il tentativo di "jamming", comunque, é stato vano, visto che grazie agli sforzi dei tecnici di Al-Jazeera e alla solidarietà di diversi canali arabi locali, che hanno messo a disposizione anche tutte le loro frequenze, le sconvolgenti e drammatiche immagini della giornata di dimostrazioni sono comunque state diffuse in tutto il Mondo arabo, in tutto il Medio Oriente e il resto del mondo.

4 commenti:

  1. che schifo di mondo

    RispondiElimina
  2. è una vergogna trattare un popolo e ridurlo alla fame e senza dignita'

    RispondiElimina
  3. prima o poi si arrivera' la terza guerra mondiale fra i ricchi e poveri

    RispondiElimina
  4. dici?

    bé in quel caso ebreolandia sarà uno dei primi posti a saltar per aria

    RispondiElimina