martedì 29 novembre 2016

Le truppe siriane intorno ad Al-Bab strappano il primo villaggio ai terroristi sostenuti dai Turchi!

Le forze dell'Esercito Arabo Siriano schierate a Nord-Est di Aleppo sono sul punto di scontrarsi direttamente con le truppe turche se queste non cesseranno quanto prima la loro operazione oltre confine mirata a evitare un eccessivo successo delle milizie curde operanti direttamente a sud della frontiera.

Quanto tale confronto sia vicino lo si é visto poche ore fa, quando, avanzando dai villaggi recentemente liberati una task force di Guardie Repubblicane e di militanti della Resistenza Nazionale Siriana  è riuscita a strappare ai terroristi sostenuti da Ankara la cittadina di Azraq.

Questo centro abitato, a pochi Km da Al-Bab, é il primo strappato alle forze alleate di Erdogan piuttosto che ai takfiri dell'ISIS.


La Resistenza Nazionale Siriana é una formazione curda filogovernativa che é stata già coinvolta nelle operazioni a Nord di Aleppo, come ad esempio la recente riconquista della Scuola di Fanteria, trampolino di lancio per l'avanzata verso Al-Bab.

Sembra inoltre che nel corso delle operazioni per la presa di Azraq, le SDF curde abbiano fornito supporto fuoco alle forze siriane.

Aspettiamo ulteriori conferme di questo episodio di cooperazione.

10 commenti:

  1. Non tutti i curdi, quindi, hanno commesso il deplorevole errore di accettare l'"aiuto" americano e la "guida" Usa ...
    Il primo nemico, per tutti curdi, siano i turchi/ottomani/integralisti di Erdogan e i curdi dovrebbero saperlo, come dovrebbero sapere, altresì, che gli americani, alleati dei turchi e di Erdogan, li stanno usando per i loro scopi (frantumare la Siria).

    RispondiElimina
  2. Mi scusi Kahani per capire, ma ci sono anche milizie cristiane in Siria? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente. Ad esempio le 'Gozardo militias'
      Lex

      Elimina
  3. Non vedo l'ora che le truppe turke si ritirino lasciando il fake syrian army completamente alla mercè dei Syriani, non penso che erdolf abbia altre alternative se vuole che la turkia abbia un futuro, dato che gli europei lo stanno mollando e l'unica alternativa economica è ad est.

    RispondiElimina
  4. C'è una dichiarazione di Erdogan che i turchi sono in Siria per far finire l'oppressione di Assad e riportare la giustizia. Chissà se è solo propaganda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erdogan è un pazzo e farabutto...è la sola cosa che penso di quel personaggio!E sta mettendo in prigione un mucchio di gente perchè a lui danno fastidio oltre ad aver messo in piedi una guerra contro la Siria ,piena di falsità.
      Ha armato i terroristi dell'ISIS e quelli di Al Nusra per i propri fini egemonici,ha invaso territori siriani con i suoi carri armati senza altro motivo se non quello di danneggiare la Siria e di accoppare più curdi il possibile!

      Elimina
  5. i Curdi sono divisi,non sono un blocco unico!Ci sono quelli visti dagli uSA e dai Turchi come "terroristi" ( il PKK),c'è l'HDP ( Partito Democratico del popolo,fedeli a Ocalan),il PDK ( fedeli a Barzani),i peshmerga del KRG ( che se ho ben compreso vengono utilizzati dagli USA contro ISIS in cambio del territorio del Royava ( Siriano)
    Quindi parlare di curdi e metterli tutti nel medesimo calderone mediatico non è corretto!
    Sono 20-25 milioni di curdi da "catalogare"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti, molti commentatori distinguono bene, per quanto riguarda i curdi siriani, tra curdi orientali YPG (asserviti agli americani) e i curdi occidentali di Afrin, che combatterebbero lealmente con l'esercito nazionale. Chissà se è una distinzione veritiera.

      Elimina
  6. Stiamo arrivando al dunque coi turchi, i due eserciti sono faccia a faccia e da queste ultime mosse siriane e' piu' incerta che mai la sorte di Al bab. Siriani e curdi che combattono insieme sotto la bandiera siriana e' uno sviluppo molto interessante. La Resistenza Nazionale Siriana combatte con la bandiera siriana.

    RispondiElimina