martedì 29 novembre 2016

Venti autobus carichi di rifiuti umani sono partiti per Idlib, il Ghouta Ovest é quasi ripulito!

Siamo lieti di annunciare al nostro affezionato e fedele pubblico di lettori che poche ore fa un convoglio di venti 'pullman verdi' ha lasciato la cittadina di Khan al-Shih carico dei terroristi stranieri che hanno deciso di abbandonare il Ghouta Ovest insieme ai loro figli-scarafaggio e alle loro mogli-sacchi della rumenta (genovesismo per 'spazzatura' NdA).

Secondo gli accordi prima di partire i takfiri hanno dovuto rendere agli ufficiali governativi siriani tutte le armi di cui erano in possesso (non solamente quelle medie e pesanti); solo di Kalashnikov se ne sono raccolti trecento.



Presto gli accordi di resa ed evacuazione diverranno operativi anche a Zakiyah, Mukalbiyah e Taiybah, e il Ghouta Ovest tornerà definitivamente a essere totale e completa pertinenza del legittimo Governo siriano, peraltro liberando alcune migliaia di uomini, tra cui specialisti espertissimi di guerra urbana, per altri incarichi operativi.

20 commenti:

  1. portateli agli inceneritori di rifiuti speciali!

    RispondiElimina
  2. Opinione mia, non condivido "figli-scarafaggio" , i figli non hanno colpa per dove sono nati. Se i padri sono pari alla fogna i figli che centrano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Epoca antica, Illiria era abitata da pirati e contrabbandieri...guarda ora a cosa corrisponde quella antica regione

      Elimina
    2. Purtroppo li hanno educati a diventare scimmie takfire a loro volta, l'innocenza di quei figli é andata a male da molto tempo!

      Elimina
    3. Ho visto che avete cancellato il mio commento, cosa devo pensare?
      Sono un credente, voi credete? Ho quasi 70 anni e tanti anni fa quando ero a Damasco pregavo a Rukn ed-din nella moschea dove è sepolto Ibn 'Arabi. Conoscevo personalmente Shaykh Ramadan al Buti di cui oltre il sapere apprezzavo la Rahma...
      A buon intenditor poche parole.

      Elimina
  3. Quindi Idlib diventa un impianto di samaltimento rifiuti, compreso di sistema di incenerimento, a cielo aperto, ottima soluzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. exgüsi, wrong queck! by!

      Elimina
  4. Ad Idib ci sono importanti resti storici di EBLA, ed Idib stessa contava almeno 150.000 abitanti per cui i porci dei "pulman verdi" creeranno altri problemi, confidiamo nella saggezza dei Comandi Siriani, Russi, Iraniani e soprattutto in Hezbollah che ha sempre dimostrato sopraffina saggezza politica oltre che eroismo e valore sul campo di battaglia.
    Se si fossero rotte le scatole anche ammazzarli tutti dal primo all'ultimo perché magari non hanno rispettato le condizioni di resa potrebbe essere una soluzione, gli infanti possono essere dati in adozione alle generose famiglie Siriane.
    Ivan Demarco Orlov

    RispondiElimina
  5. Se dice che Aleppo East e completamente liberato - Russian MoD.

    "By noon on November 29, the territory of the city where 90,000 residents of Aleppo live (around 310,000 households), has been fully freed from terrorists."

    E vero ? Sarebbe fantastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Correzione - una parte di Aleppo East con 90'000 persone e completamente liberata. Ottimo ottimo.

      Elimina
    2. hanno liberato i distretti di Hannano,quello di Haydariyah e quello di Bastan ai Basha ( Curdi),dovrebbero essere vicini alla zona centrale della sacca,non ho compreso come và nella zona sud (Sakkarj district)

      Elimina
  6. venti pulman sono circa 600 persone comprese moglie e figli ,non sono molti e gli altri? dove sono? sotto terra o sono scappati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono su plutone... che domanda del ca**o è?!?

      Elimina
  7. Avranno aderito , avendone i requisiti , all'amnistia , prorogata di tre mesi per aiutare le defezioni ad Aleppo .

    RispondiElimina
  8. Fucilazione e fossa comune in un posto isolato tra le montagne, no eh?!

    RispondiElimina
  9. Se l'eserctio siriano ne aprofittasse colpendo i convogli porta-rattume, altri accordi di smobilitazione in altre diverrebbero molto più difficili, se non irrealizzabili. Alla fine. è meglio così, sono tutti senza armi comprese anche quelle individuali, e la loro morte e solo rimandata; le zone sgombrate fanno si che uomini esperti dell'esercito siriano possano essee ri-dislocati altrove rinforzando altri fronti, lasciando le zone liberate al controllo alle forze di polizia e alle milizie para-militari di autodifesa. Se il governo siriano venisse meno alla parola data, altri accordi del genere non sarebbero più possibili, perchè i terroristi a quel punto non si fiderebbero più, sapendo in anticipo che si tratterebbe di una trappola mortale. Ma non si illudano, la loro ora è solo momentaneamente rinviata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo col Christian. ogni morte di vescovo scrive cose sensate.

      Elimina
    2. al contrario di te che scrivi solo minchiate

      Elimina
    3. x 1323. christian, da quando ti hanno rifiutata l' entrata agli inferi e nel para-riso e hai il Mossad alle calcagna per via di quella caparra...mi sembri un po' scombussolato. farouq, anonimi, a altre belle sigle sono l'unica cosa che sai ancora produrre. Abbi cura della tua salute!!!!!

      Elimina