domenica 3 giugno 2018

Oltre settanta leader siriani di tribù e clan si riuniscono per coordinare le iniziative contro le presenze curde e straniere nel Nord del paese!

La Siria non é solamente le metropoli di Damasco, Aleppo, le città operose e popolose di Homs, Latakia, Tartous; la Siria é anche un paese di clan e di tribù che vivono sparse nei vasti spazi del centro e dell'Est del paese.

Spesso abbiamo riportato i successi degli sforzi del Governo per mantenere i contatti con queste realtà del paese, importanti per mantenere il controllo e la vigilanza su ampie fasce del territorio nazionale.
Come si vede in questo pur succinto servizio fotografico le tribù e i clan siriani possono mobilitare molte centinaia di uomini usi ad adoperare le armi e, soprattutto, in possesso di una impareggiabile conoscenza dei terreni nei quali vivono.
E' dunque da registrare come un importante evento la riunione dei rappresentanti di oltre settanta tra clan e tribù del Centro e del Nord della Siria che hanno discusso la coordinazione dei loro sforzi insieme al Governo centrale per contrastare e combattere l'occupazione curda delle aree settentrionali del paese (occupazione sostenuta da potenze straniere come Usa e Francia).
c

3 commenti:

  1. Hector Hammond3 giugno 2018 01:24

    Ottima notizia .Non si può fare altrimenti , non avendo a disposizione un 'esercito o un'armata per presidiare l'intero paese.
    Servirebbero 250.000 soldati in più di quelli disponibili per chiudere la faccenda.

    RispondiElimina
  2. Scusate il fuori tema, da un paio di giorni aurorasito non è raggiungibile, sapete niente?

    RispondiElimina
  3. Cavolo è vero, che fine ha fatto Alessandro Lattanzio?

    RispondiElimina