martedì 6 settembre 2016

Numerose e vaste operazioni in corso intorno alla metropoli di Aleppo: oltre cento gli attacchi dell'Aviazione Russa!

Mentre una vasta parte delle forze siriane intorno ad Aleppo sono impegnate in controffensive volte a respingere i terroristi takfiri sulle posizioni precedenti al loro attacco di inizio agosto una task force sta dando l'assalto al quartiere di Al-Ramouseh, dove un gruppo piuttosto numeroso di takfiri é rimasto bloccato dopo che, avanzando da Sud, truppe governative gli hanno tagliato la ritirata, intrappolandolo.

Un tentativo dei takfiri bloccati nei quartieri centrali di Aleppo di aprirsi una via verso l'esterno con una sortita preceduta da un camion-bomba é fallito quando quest'ultimo é stato distrutto da un missile anticarro prima che potesse raggiungere il suo bersaglio.


Intanto l'Aviazione Russa da ieri a stamane ha compiuto oltre 115 attacchi concentrati soprattutto tra Khan Touman e Saraqib, per impedire che qualunque rifornimento o invio di rinforzi possa raggiungere le esauste posizioni dei terroristi davanti al Sud-Ovest di Aleppo.

14 commenti:

  1. cazzo quanto sono moderati questi terroristi che usano i camion bomba! quindi sembra che le conquiste del SAA e dei suoi alleati iniziano ad avere un saldo positivo rispetto a prima dell'offensiva dei sub-umani tossici e pedofili, non solo i barbari occupano meno territorio di prima, ma le loro fila sono state sfoltite in maniera impressionante, alla faccia di coloro che si auguravano che il Popolo Syriano potesse essere sconfitto dalle orde di barbari inviate dai nostri governi occidentali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al contrario dei Feld-Herren da tastiera che gridavano sciagura e sconfitta a inizio agosto qualcuno in grado di valutare con imparzialità un'operazione militare ancora esiste...il contegno delle forze siriane in questo frangente é stato da manuale:

      -difesa elastica
      -arretramento tattico
      -rettifica dei fronti
      -creazione di riserve operative
      -consolidamento
      -interdizione
      -contrattacco
      -vittoria

      ma badate che ciò non sarebbe stato possibile se i Siriani si fossero dissanguati a difendere la M-5 o Khalsah, o Khan Touman, quindi nella brillantezza operativa bisogna includere ANCHE le ritirate precedenti effettuate in maniera ordinata e senza perdite mentre si rafforzava la linea di resistenza vera sull'orlo di Aleppo perché era lì che bisognava tener duro...

      Elimina
    2. in guerra esistono anche le ritirate tattiche onde evitare di essere accerchiati e decimati da chi attacca in forze più numerose delle tue per poi arroccarsi e consolidare la linea difensiva in caposaldi facilmente difendibili (tipo Al-Hadler) ed aspettare tempi più proficui per ripartire...
      studia asinaccio!!

      Elimina
    3. leggi questo bel articolo più chiaro di così....
      aspettando al controreplica del grande Andrea.

      https://aurorasito.wordpress.com/2016/09/06/aleppo-leas-ripulisce-laccademia-militare-e-sigilla-i-terroristi/

      Elimina
    4. GIOVANNI
      Il Vangelo dice che i peggiori sordi sono quelli che non vogliono capire ,e l'anonimo autore del commento critico che adesso è sparito , è uno di questi , ( glande andlea travestito ? ) ormai è chiaro che quella d'agosto era una trappola in cui ciabattari sono caduti con tutt'e due i piedi !! Le perdite subitein quell'occasione hanno prodotto due effetti positivi : hanno sfoltito le loro file in modo drastico e distrutto il morale , adesso sanno che per loro è finita , è solo una questione di tempo , e per loro diventa sempre più difficile trovare nuove reclute adesso che è chiaro che è solo un inutile suicidio.

      Elimina
    5. guarda che io non lecco il culo a nessuno e tantomeno al dott. Hahani.
      Avevo contestato (si può dire così?) a kahani lo scarso aggiornamento temporaledel post.

      di risposta kahani mi aveva mandato bellamente a fare in culo dicendomi che lui non sta H24 a scrivere sul post (evidentemente deve pure lavorare per guadagnarsi la pagnotta quotidiana) a differenza mia che pensavo l'incontrario (come tante persone che lavorano SOLO su internet.

      quindi è stato un qui pro quo da nulla per cui non necessito assolutamente di riacquistare la fiducia (tanto che cazzo me faccio della fiducia di kahami?).
      le mie sono opinioni tattico - stategiche che (in questo caso) sono condivise ANCHE da kahami.

      difatti se tu vai a leggere (ma lo sai fai veramente?) troverai nei post precedenti anche delle critiche ai mie pensieri.

      comunque #staisereno caro anonimo: sei come i tuoi amici dalla parte sbagliata della storia...

      Elimina
    6. GIOVANNI
      Probabilmente non ci siamo capiti , il commento critico di cui ho scritto non è il Tuo ,ma un altro che è sparito dopo poco e che aveva tutto lo stile del "glande andlea " a cui Tu hai risposto alle 11'59 , e che io intendevo condividere AB

      Elimina
    7. Condividere la Tua risposta naturalmente

      Elimina
    8. Io vi invito per l'ennesima volta a NON REPLICARE ai post dei disturbatori

      Elimina
  2. P.S. bella e chiara la mappa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la Venere di Milo ha più di duemila anni ed è sempre bellissima, le cose belle lo sono a prescindere dall'età, per me una mappa dove sono indicati gli occupanti, fuori del controllo del legittimo Governo Syriano, come terroristi è una mappa bella e veritiera, anche dopo 24 ore.

      Elimina
  3. Sono sempre più convinto che i generali SAA e Russi avessero predisposto questa trappola con largo anticipo, scegliendo appositamente un terreno di battaglia vuoto dai civili dove attirare in trappola il nemico.
    1) hanno lasciato un corridoio per loro "stretto" nel percorso tra la zona ovest e quella sud (dando a credere ai nemici che guardavano le mappe che fosse quello il punto più debole)
    2) hanno ritirato le truppe quasi subito dopo l'attacco lasciando penetrare i ciabattari in profondita occupando caserme semivuote (nei clip dei ciabattari ho visto cannoni e camion ma non depositi di munizioni) e quartieri nuovi disabitati.
    3) le truppe Siriane, si sono subito arroccate sui fianchi, dove probabilmente avevano già predisposto una solida linea difensiva e molte armi per battere i nemici.
    4) Quando i ciabattari credevano di essere padroni del campo e di aver aperto la breccia si sono trovati pestati sui due lati e poco dopo anche circondati.
    5) l'artiglieria siriana poteva battere a volontà il territorio non essendo presenti civili in mezzo (tanto case e caserme poi si ricostruiscono più belle e moderne di prima) mentre l'aviazione ha fatto la sua parte impedendo l'arrivo di rinforzi e munizioni per resistere nella sacca.
    DIREI UNA BATTAGLIA DA MANUALE SECONDO GLI INSEGNAMENTI DI SUN TZU.
    SONO GRANDI QUESTI SIRIANI!
    Questa battaglia passerà alla storia!
    Zorzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che siano state preparatorie alla strage anche le ritirate al sud di Aleppo e quella ad est di Palmyra, talvolta una serie di brevi avanzate hanno l'utilità di sparpagliare le forze avversarie, in più i bombardamenti delle aviazioni Syriana e Russa hanno anche impedito qualsiasi ritirata, è stata una vera mattanza, dei 10-12.000 dichiarati come partecipanti all'offensiva terroristica non se ne è salvato manco mezzo.

      Elimina
    2. Se uno si informa unicamente in questi sito, dopo alcuni mesi PERDE IL SENSO DELLA REALTÂ e impazzisce. Alcuni lettori si sono già pronunciati in merito, ma vennero subito filtrati.
      Un NEGATIVISMO che ti soffoca! Non il culto della morte, ma il PIACERE DI AMMAZZARE, di massacrare.
      Distruggere, denigrare, sadismo, incitamento all'assassinio....
      Come volete migliorare la Siria se guazzate giornalmente in questo SOZZUME¨! Se i Siriani potessero leggere il sito finanzierebbero un paio di ciabattanti per farvi sparire.

      Elimina