martedì 18 ottobre 2016

L'Aviazione Irakena, più "sveglia" di quella di Obama, non si lascia scappare 30 camion dell'ISIS in fuga verso la Siria!

La più vasta, ricca, tecnologicamente avanzata forza aerea del pianeta, al comando dell'inquilino nero della Casa Bianca, non riesce a colpire i convogli di furgoni, camion e fuoristrada che cercano di allontanarsi da Mosul, capoluogo della Provincia di Ninive attualmente sotto attacco da parte delle forze armate irakene, mentre i pochi jet efficienti di Bagdad, tra cui spiccano e primeggiano i Su-25 inviati da Mosca e Teheran, riescono a distruggere completamente una colonna di trenta automezzi che puntava verso la provincia siriana di Raqqa.
Misteri del Medio Oriente.


Il comunicato irakeno riporta, con giusta soddisfazione, che nemmeno uno dei terroristi che viaggiavano sul convoglio è riuscito a sopravvivere all'incursione, che ha completamente bruciato e calcinato tutti i veicoli della colonna.

Gli irakeni concludono il loro messaggio notando che, anche quando qualche mezzo dell'ISIS riuscisse ad attraversare il poroso confine siro-irakeno, gli apparecchi di Damasco o quelli di Mosca, tempestivamente allertati dal loro alleato di Bagdad non avrebbero difficoltà a raggiungerlo ed eliminarlo.

19 commenti:

  1. L'INEFFABILE LAUROV AVVISA
    If Islamic State fighters are allowed to leave Mosul and go to Syria, Russia would take the appropriate military and political decisions, the Russian foreign minister warned.
    E AGGIUNGE
    Commenting the ongoing siege of the Iraqi city, Sergey Lavrov said on Tuesday: “As far as I know, the city is not fully encircled. I hope it’s because they simply couldn’t do it, not because they wouldn’t do it. But this corridor poses a risk that Islamic State [IS, formerly ISIS/ISIL] fighters could flee from Mosul and go to Syria.

    “We will be evaluating the situation and take decisions of both political and military nature if this happens,” he added. “I hope the US-led coalition, which is actively engaged in the operation to take Mosul, will take it into account.”

    The coalition – which includes the air forces of several nations, primarily the US, and ground forces of the Iraqi government, Kurdish and Shiite militias and Turkish troops – is involved in the siege of Mosul, the Iraqi stronghold of IS. Lavrov pointed out that the coalition has internal rivalries, which may hurt the effort to liberate the city from IS, a goal that Moscow supports.

    “The regional balance of power is affected by the rivalry over who would take Mosul on the ground. Would it be the Iraqi army? If so, would the Shiite troops take part? What part would the Kurdish militia play? What part would Turkey, which has an expeditionary force there, play with the Iraqi leadership protesting against it,” Lavrov said.

    “There are also some 5,000 American special operations troops, which Washington calls military advisers. Well, 5,000 advisers is a large number,” he added.

    AGGIUNGO IO

    Con che gusto con che SOMMO SOLLAZZO bombardar l'americanazzo!

    Ivan

    RispondiElimina
  2. come nelle più ovvie previsioni, mi auguro solo che a guidarli ci sia stato qualche criminale ufficiale della nato, lo capiremmo dai piagnistei dei prossimi giorni, comunque, onore all'Aviazione Irakena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io dico: onore all'aviazione irakena e al governo irakeno. Lo dovrebbe dire tutto il mondo. Sarebbe un colpo mediatico enorme.-

      Marcus Claudius Marcellus

      Elimina
    2. i terroristi dell'ISIS sono stati da tempo " scaricati" ,vai tranquillo,di Nato a Mosul non c'è neppure l'ombra,solo 4 o 5000 jadisti votati alla morte!
      Quelli che tentano di scappare faranno la fine dei polli....saranno arrostiti!

      Elimina
    3. Sono stato buon profeta...😁

      Elimina
  3. anche da parte mia onore all'aviazione irachena
    giuseppe

    RispondiElimina
  4. adesso occorre comprendere che cosa ha in testa il "grande" Erdogan!Certo gli irackeni non hanno intenzione di attaccare i turchi,però hanno protestato ampliamente a livello ufficiale,che gli invasori se ne devono andare!
    Per i turchi il " nemico" sono i curdi e non ISIS!
    E' quello il grosso problema! Gli USA dovrebbero intervenire pesantemente e non fare " melina" anche per non continuare con gli attriti nel riguardo degli Irackeni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono sicuramente accordi segreti, anche tra turchi e russi e tra turchi e siriani. Difficile conoscerne i contenuti.

      Elimina
  5. Ma quegli intelligentoni -cosiddetti "strateghi"- amerikani, come potevano sperare che i takfiri, lasciati scappare da Mosul, avessero mai potuto raggiungere inermi i loro compari in Siria?!

    RispondiElimina
  6. A lister 18 ott. 2016 19:19. Considerando per come è amdata a Manbij, a Falluja e nel Nord della Siria, ci speravano fortemente. Ora senza lasciare la presa sui ciabattini in fuga e come ha detto Khatami, con l'aviazione siriana su Deir-Ezzour, con l'arrivo della portaeri russa nelle acque della Siria, sarebbe bene colpire anche Al-Bab, in maniera intensa, questo per far capire qualcosa ai turki.
    N.B.- In questa ottica, la sospensione degli attacchi aerei siriani e russi su Aleppo (per poche ore o per qualche giorno), come si dice arriva a pennello.-

    Marcus Claudius Marcellus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso i Russi utilizzeranno anche la base aerea T4.

      Tommaso Baldi

      Elimina
  7. Dovrebbe essere questo https://twitter.com/Defense_Iraq/status/788331560969859072

    RispondiElimina
  8. Bisognerebbe dirlo a quel pezzo di m...a di RENZI che è andato a leccare il culo ad Obama-Ob...schiavo di CIA Pentagono ed NSA e buona parte dell'ONU, dipendente della NATO...
    Che si può fare ?
    .azzi amari...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (ST)RENZI va a fare il cretino e il lecca culo ... tifa Clinton la troja guerrafondaia come tutto il PD (PD= pidocchi) per quello che lo hanno voluto chiamare Partito Democratico, infatti oggi "governa" senza essere mai stato eletto da nessuno, con maggioranze blindate da "fiducie" , deputati utilizzati come portaborse , per la maggiorparte ex DC ... questo è il PiDi ... Quindi al referendum votiamo NO NO NO e mandiamo a fare in culo Renzi e tutti i suoi servi, Boschi , Lotti, e gli altri cialtroni ... Alp Arslan

      Elimina
  9. Questione di un anno al massimo e tutto il territorio sarà riportato sotto controllo ed epurato da qualsiasi presenza terroristica . Sarà interessante notare lo sviluppo della situazione con i turchi. Qualche sberla volerà.... e mi sa tanto che ritorneranno da dove son venuti.
    marte

    RispondiElimina
  10. In merito alla presenza turca in iraq, credo che, come in Siria, i Russi non siano per niente contenti della più che ambigua presenza turca. In effetti, se si guarda a quanto è accaduto a Manbij, è duro credere alla sincera intenzione turca di eliminare l'isis, staremo a vedere.

    Mondo cane...

    RispondiElimina
  11. la turchia c'è a mosul perchè evacueranno gli agenti infiltrati, cia, mossad,ecc..

    RispondiElimina
  12. Come già ampliamente scritto e previsto in questo sito, i takfiri non hanno potuto allontanarsi da mosul senza essere colpiti dagli aerei irakeni e spero presto dai russi; effettivamente la strategia è quella di spostare i terroristi in Siria per concentrarli li ma spero che siano tutti sterminati, anzi proporrei di aspettare la loro uscita per incenererli meglio ... a colpo sicuro ... e senza lasciare nessuno vivo ... vanno sterminati tutti ... Bravi Irakeni ... ora continuate così, Per evitare qualche sortita americo-takfiro-turca sarebbe bene piazzare le batterie di missili russi vicino la zona come deterrente e come eventuale risposta IMMEDIATA a ogni eventuale tentativo di appoggio ai criminali ... Alp Arslan

    RispondiElimina