giovedì 2 marzo 2017

200 Km separano Palmyra da Deir Ezzour: Russi e Siriani progettano di percorrerli e porre fine all'assedio!

"Un'operazione altamente complessa a cui hanno fornito essenziale e determinante sostegno i piloti russi a bordo dei loro Sukhoi-24, -25, -30, -34 e degli elicotteri Mi-28 e Ka-52, nonché i loro colleghi siriani coi loro più vecchi ma sempre affidabili MiG-21, -23, Sukhoi-22, -24, e con gli elicotteri Mi-8, Mi-24 e Gazelle".

Questo un sunto estremamente sintetico delle valutazioni riguardo l'operazione di riconquista di Palmyra/Tadmur effettuata nelle ultime ore, così come l'ha espressa la redazione del quotidiano russo "Izvestija", sulle cui colonne è espressa l'ipotesi che i comandi siriano e russo abbiano intenzione di approfittare dello stato di caos e disorganizzazione in cui versa attualmente l'ISIS per dare il via il prima possibile a un'offensiva in direzione di Deir Ezzour.



L'ormai famosa (ed eroica) città sul Fiume Eufrate si trova 200 Km a NordEst di Palmyra e, viste le gravi perdite inflitte all'ISIS nelle ultime settimane non solamente nell'Est di Homs, ma anche nell'Est di Aleppo, nell'Est di Hama, intorno a Mosul e persino in direzione di Raqqa, sarà molto difficile che, di fronte a un'avanzata determinata e in forze, il 'Daash' trovi truppe fresche da schierare a "parare" tale minaccia, prelevandole da altri fronti, come invece era successo l'anno scorso.

11 commenti:

  1. No semplicemente significa che Deir Ezzhour non può stare assediata a tempo indeterminato, o la si libera o la si lascia. Una simile avventura è rischiosissima. Lontani dalle basi di rifornimento, esposti a tutti gli attacchi che l'ISIS farebbe a piccoli gruppi. Se la fanno e ho dubbi che la faranno saranno coraggiosi. Ci riusciranno? Non so dirlo. Ma scommetto che il fronte ex Al Nusra, se il convoglio dovesse avanzare, per aiutare i suoi fratelli dell'ISIS attaccherebbe in ogni direzione. Vedremo.

    RispondiElimina
  2. Una colonna blindata, ben assistita dall'aria, senza obiettivo di conquista territoriale ma solo per supporto e spostamento mezzi, può partire dall'area di Al Bab, percorrere la zona curda e giungere a Deir Ezzour.
    'Dietro' a tale colpaccio, un accordo per una autonomia doverosa al Rojava. Sarebbe la quadratura del cerchio per lasciare i turchi fuori dalla Siria.
    Federico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro, da Al Bab. Un gioco da ragazzi !

      Elimina
  3. Risposte
    1. Anche quando era evidente che Aleppo stava per essere liberata, si manifestava incredulità.
      Iniziate a capire che il vento è cambiato.
      La guerra di liberazione siriana, da statica e difensiva, sta trasformandosi in un impetuoso fronte dinamico.
      Grazie alla forza dei russi ed all'eroismo dei siriani !
      Federico

      Elimina
  4. PALMIRA DI NUOVO LIBERA.
    Lo dice l'agenzia SANA
    Federico

    RispondiElimina
  5. A me sembra una mossa intelligente quella di stabilire un corridoio, anche solo temporaneo, tra Palmyra e Deir Ezzor, il momento è propizio, e così si potrebbe costruire una difesa adeguata intorno a Deir Ezzor, allontanandone dal perimetro le minacce terroriste e di conseguenza rendere l'aereoporto agibile 24/7 onde permettere rifornimenti e avvicendamenti truppe, non è una cosa abnorme ma deve avvenire rapidamente, un blitzkriege che approfitti del momento che adesso è favorevole come non mai, coi pedo-sauditi in rotta.

    RispondiElimina
  6. Paoloribalko3 marzo 2017 00:08

    Anche la tanto sbandierata "terza fase" dell'offensiva USA-Sdf su Raqqa si è impantanata.

    RispondiElimina
  7. Avvistato carro-robot da battaglia "Uran-9" sul fronte di Palmira:

    http://bmpd.livejournal.com/2462674.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche ai russi piacciono i giocattoli:

      Combattenti robot
      https://www.youtube.com/watch?v=ZUsih_E4B50

      Elimina