sabato 4 marzo 2017

L'Esercito Siriano si schiera in sempre più aree in precedenza tenute dai Curdi dell'SDF!

"Il Consiglio Militare di Manbij, in esecuzione degli accordi raggiunti in precedenza, ha consentito lo schieramento di mezzi e personale militare siriano in territori precedentemente presidiati dalle forze di autodifesa curde".

Con questa tersa e piana dichiarazione, il Capo del Dipartimento Operazioni dello SM di Putin, Sergei Rudskoi, ha fatto giustizia di voci e speculazioni che avrebbero voluto smentire l'accordo curdo-siriano di cui avevamo parlato nei nostri articoli precedenti.



Sembra che, oltre a costituire un solido baluardo contro ulteriori penetrazioni turche in territorio siriano, le forze dell'Esercito regolare potrebbero anche usare le aree recentemente occupate come 'trampolino' per ulteriori attacchi e offensive contro l'ISIS.

6 commenti:

  1. A Manbij sventolano le bandiere Syriane e anche quelle Russe, ma pare che anche forze speciali americane si siano schierate come cuscinetto a nord tra turki, con terroristi del fake army a carico, e kurdi, si dice che anche a Palmyra gli americani siano stati collaborativi con il SAA e i Russi, bombardando ad est l'isis, che stia prendendo piede la svolta auspicata da The Donald?, me lo auguro fortemente.

    RispondiElimina
  2. Gianus,sei sicuro che i curdi abbiano ceduto territorio anche a Manbij?Le notizie riportate dal ns dr Kahani erano state in precedenza anche riprtate da altre fonti,ma citavano territori a ovest di Manbij e non comprensivi !
    C'è una sostanziale differenza.
    Inoltre i territori ceduti ai Siriani sono limitati dal fioume Tigri ( ved anche maooa su Edmaps).
    Gli USA hanno 4500 militari sul terreno fra Siria ed Iraq,quindi qualche cosa fanno ed anche la forza aerea!
    Non è detto che sia tutto negativi come normalmente viene raccontato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamane i Russi e i Syriani hanno inviato un convoglio di aiuti alimentari e altro per la popolazione di Manbji, compreso di mezzi militari anche il comando usa ne è stato preventivamente informato ed ha risposto che per loro non cambia nulla essendo concentrati sulla lotta all'isis, quindi è ufficiale.

      Elimina
  3. È tutto frutto della grande diplomazia russa, accordi con i turchi e i curdi e sembra che per fare contenti tutti è che i siriani prendano il controllo di Manbij, l'unica nota stonante è la presenza americana in territorio siriano, arriverà anche il loro turno

    RispondiElimina
  4. Vero, le agenzie di stampa anglosioniste in questo momento si stanno dando un gran da fare nel pubblicizzare airstrikes contro l'Isis. Il fatto stesso che il SAA e i Russi si accordino con l'YPG, che gli americani hanno finora usato per imporre la loro presenza militare in Siria, può essere il segnale che qualcosa sta cambiando nella politica americana. Però gira la notizia (vedere ad esempio qui http://english.almanar.com.lb/205258 ) che un portavoce del Pentagono abbia affermato che gli USA non sanno niente di un accordo tra governo siriano e SDF. Inoltre c'è chi afferma che l'SDF usa le bandiere russe sul fronte di Manbij per disorientare FSA/Turchi. L'unica cosa certa per ora è l'arrivo di un convoglio umanitario russo a Manbij (foto e dichiarazioni). Vedremo se realmente si concretizza un accordo per il passaggio del controllo di Manbij da SDF a governo siriano. In ogni caso, come previsto, il congiungimento di SAA con il territorio di Manbij ha dato il via a nuove dinamiche diplomatiche e militari (vedi anche scontri tra YPG e PKG al confine tra Siria e Iraq).

    RispondiElimina
  5. Paoloribalko4 marzo 2017 17:07

    ottime notizie. Il piano Kivunim di un protettorato USA (cioè sionista) su Raqqa e il NE siriano dovrà essere definitivamente seppellito.

    RispondiElimina