mercoledì 20 aprile 2016

Tentato attacco di Jaysh Fateh a SudOvest di Aleppo dura meno di due ore e si risolve in gravi perdite!

Dopo il tentativo di attacco tra il Pianoro di Al-Ghaab e la Provincia di Latakia, durato meno di un giorno e completamente ribaltato sul campo prima dalla determinata resistenza, poi dalle gagliarde controffensive prodotte dalle forze siriane, i takfiri schierati attorno ad Aleppo han provato a rincarare la dose lanciando assalti a Khan Touman e tra Barneh e Zita.

Ma questi tentativi sono durati ancor meno di quelli della scorsa domenica visto che grazie a droni, ricognitori, informatori dietro le linee le truppe governative erano pienamente a conoscenza del momento dell'attacco terroristico e si sono fatte trovare pronte.


Annichilendo con un fuoco concentrato l'afflusso di rinforzi e rifornimenti hanno subito ricacciato indietro gli attaccanti da Khan Touman e ben presto, nemmeno due ore dopo l'inizio dei combattimenti, i capi di Jaysh Fateh si sono dovuti occupare di spostare forze da Barneh e Zita verso l'altro fronte per evitare che collassasse.

Speriamo che presto la pressione siriana si faccia insostenibile per i takfiri.

9 commenti:

  1. Dash stava perdendo,adesso adirittura ha circondato Marea,sta prendendo tutti i territori al nord dai cosidetti ribelli. Questi turchi danno armi ad entrambi gli schieramenti? oppure danno armi ai cosidetti sapendo che vengono soprafatti cosi gente infame,barbara,fanatica e cattiva si prende armi occidentali. Potrebbe essere cosi ragazzi? armare in maniera indiretta e ipocrita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può semplicemente continuare a fare il doppio gioco come ha sempre fatto. Con due colpi di artiglieria in territorio del daesh(a nord est di Aleppo)non significa che la Turchia abbia dichiarato guerra a quest' ultimo. Sono solo doppi giochi. Fanno comodo ambedue gli schieramenti (anche se daesh ormai non dovrebbe più rendere come un tempo)
      Lex

      Elimina
    2. http://www.edmaps.com/html/azaz_april_20__2_pm.html

      la scomparsa dei ribelli a nord di Aleppo sarebbe una grandissima sconfitta per i turchi, soprattutto per due motivi:

      sono quelli che più hanno beneficiato di aiuti militari turchi (con compatente di origini turcomanni) compreso l'intervento dell'artiglieria turca (l'11 aprile controllavano al-Rai ed il suo valico di confine)
      da ragione al pentagono che contro l'isis l'unica forza di opposizione seria è SDF ed in automatico decade la minaccia turca di intervento in caso di collegamento tra i cantoni curdi. collegamento che va bene anche ad assad ed ai russi perche vuol dire isolare definitivamente l'isis dalla Turchia.

      a nord di aleppo forse la tattica isis è stata far allungare le linee ribelli di decine di chilometri (fin oltre al-rai), assottigliando il numero di combattenti per km di fronte, e poi colpirli dove avendo appena conquistato non avevano potuto allestire difese valide. una volta sopraffatti anche le vecchie difese si sono trovate in difficoltà perché parte dei difensori era morto per difendere le illusorie conquiste (e con il morale appezzi)
      on

      Elimina
  2. Il pacatissimo Serghei Lavrov ha affermato
    "Le azioni della Turchia in Siria potrebbero finire “molto male”"
    Occhio brutte TESTE DI CAZZO TURCHE che i Russi non minacciano mai a vuoto, non stupitevi se vi ritrovate un CON MEZZA ANATOLIA IN MENO ovviamente con la parte Est non più Turchia ma CURDISTAN e un bel pezzetto all'ARMENIA CON SBOCCO AL MAR NERO.
    Dato che i turchetti non la prenderanno bene e sono un pochino selvaggi ci divertiremo a vedere i dirigenti del AKP IMPALATI SULLE RIVE DEL BOSFORO, ovviamente nella parte asiatica perché la parte europea non è detto che non vada a Bulgaria e Grecia.
    Avete goduto nell'assassinare un nostro pilota inerme appeso ad un paracadute? SCHIFOSI BASTARDI la dovrete pagare.
    Ivan Demarco Orlov

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cosa più accomuna le posizione russe ed americane sulla siria?

      la costante richiesta piu volte ripettuta di chiudere il confine turco-isis. con gli USA che hanno mosso un dito per proteggerli dai russi e gli stessi ribelli che accusano gli americani che neanche un aereo gli ha aiutati quando l'isis è passato al contrattacco.

      anche le recenti basi aerei costruite in territorio curdo può essere visto come un modo di attenuare la dipendenza logistica dalla Turchia

      Elimina
  3. Le chiedo ancora di approfittare del suo spazio.
    Se avete qualche secondo andate semplicemente su queste pagine e cliccate "annulla" accanto all'ultima modifica. In questo modo ristabilirete la mia versione cancellata all'istante dal vergognoso branco di admin sionisti.
    https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Discussione:Attacco_di_Itamar&action=history
    https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Discussione:Giudea_e_Samaria&action=history
    https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Attacco_di_Itamar&action=history
    GRAZIE ANCORA!

    RispondiElimina
  4. MI SEMBRA SIANO GIà STATE ANNULLATE,NON VORREI FARE QUALCHE DANNO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  5. https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Attacco_di_Itamar&action=history
    Quel -856 si riferisce alla cancellazione delle mie modifiche in cui specificavo che Itamar è una colonia illegale in Palestina, che nelle ricerche dei colpevoli avvennero indicibili abusi, furti di soldi e gioielli, ecc.
    Annullando quella odifica viene ripristinata la mia versione

    RispondiElimina