venerdì 25 maggio 2018

Ecco visualizzato per i nostri lettori il funzionamento dei mostruosi proiettili "a farfalla" del regime sionista!

La guerra é sempre un'impresa in cui l'Uomo é particolarmente lesto e rapido a scoprire la sua parte 'disumana', pure, anche in guerra, esistono espedienti che dovrebbero ripugnare anche ai cuori più duri e cinici.

Le munizioni a espansione, secondo noi, rientrano a pieno titolo nella categoria.
Disegnate per infliggere le ferite più orrende possibili, esse si aprono come dita di una mano o petali di fiore al contatto col corpo del bersaglio: lacerando, frantumando, recidento, slabbrando, maciullando tutto ciò che si trova loro davanti: carne, vene, ossa, nervi, tendini...
Sono munizioni studiate per ferire gravemente o uccidere soldati protetti da avanzate "body-armour" al cui confronto di vecchi "giubbotti antiproiettile" sembrano espedienti superficiali e ingenui.

giovedì 24 maggio 2018

Continuano a infuriare gli scontri a ridosso del Golan tra i terroristi dell'ISIS e quelli dell'FSA!

Nuovi intensi scontri tra i terroristi dell'ISIS (in particolare la fazione 'Esercito di Khalid ben Walid') e quelli dell'FSA sono stati registrati nell'angolo più sudoccidentale della Siria, vicino al Golan Occupato dal regime sionista, in particolare presso le località di Sheik Saad, Hit e Jillin.

Sono ormai diversi giorni che questo 'fronte interno' alle organizzazioni terroristiche che ancora occupano parte della Siria meridionale non accenna a calmarsi.

Le attività resistenziali da parte della popolazione siriana a Raqqa e Hasakah iniziano a venire notate anche dai media Usa!

Circa un paio di mesi fa, sulla scorta di una segnalazione dell'amico e collaboratore Guido Benni diedi notizia al folto pubblico di lettori di questo blog della costituzione di gruppi autonomi per la resistenza armata e disarmata all'occupazione curda di territorio siriano nei governatorati di Raqqa e Hasakah, occupazione sostenuta e facilitata anche dalla presenza di un certo numero di personale militare Usa nel Nord-Est della Siria.

Adesso l'esistenza della Resistenza Popolare Siriana é stata notata anche dal columnist Whitley Webb, del sito internet americano Mint Press News (bel gioco di parole).

"You can now kiss the bride!" finalmente RISOLTO il mistero della sparizione di Mohammed bin Salman! (o forse no?)

Post semiserio, o forse non serio affatto, per strappare ai nostri affezionati lettori una risata.

Di nuovo sulle dichiarazioni del Movimento Sadrista: "Aperti a molte opzioni di alleanza e coalizione governativa; gli Usa devono lasciare l'Irak!"

Nella frenesia del clima post-elettorale la scena politica irakena sta dando segnali molto chiari riguardo al futuro del paese, un paese che ha tutte le intenzioni di mantenere ed espandere i propri rapporti amichevoli con la Repubblica Islamica Iraniana e che non transige sull'immediato ritiro di tutte le forze militari straniere sul proprio territorio, in primis quelle statunitensi.

Ecco una ulteriore testimonianza, questa volta in video, delle recenti dichiarazioni dell'Ufficio Politico del Movimento Sairoun, l'alleanza tra sostenitori di Moqtada al-Sadr e Comunisti uscita premiatissima dalle recenti consultazioni politiche:

Di seguito la traduzione dei passi più importanti: