sabato 17 novembre 2018

TWILIGHT OF "ISRAEL" - Mikhail Osherov ci spiega il ribaltamento della situazione strategica a sfavore dell'occupazione sionista!!

Presentiamo questo articolo scritto da Mikhail Osherov, tradotto grazie alla pazienza e al talento dell'amico Guido Benni a cui inviamo ringraziamenti e stima.

L'attuale dottrina politico-militare della leadership israeliana si basa sulla continua occupazione dei territori siriano e palestinese occupati dallo stato di Israele, che richiede continue violenze e atti di aggressione internazionale e di terrorismo di stato contro la popolazione dei territori occupati della Cisgiordania, della Striscia di Gaza, della Siria e dell'Iran.

Inoltre, la dottrina politico-militare della leadership di Israele richiede impunità e nessuna perdita. La società israeliana non è preparata per eventuali perdite. Le mamme israeliane adorano quando i loro figli si vestono con una bella divisa verde, mangiano nelle mense dell'esercito e uccidono gli Arabi, ma a loro non piace che i loro figli vengano uccisi in una guerra.

Da un punto di vista storico, quando i cittadini di uno Stato non sono pronti a morire per il loro paese, tali stati muoiono (ad esempio, Bisanzio, che non è stato aiutato dalle sue mura né dai mercenari).

Per poter commettere atti di aggressione, impuniti e senza perdite, è necessaria la superiorità tecnica, anche se non assoluta. Fino a poco tempo fa, lo stato di Israele aveva una tale superiorità. Ma negli ultimi anni e mesi la situazione ha iniziato a cambiare.

Esercitazione antiterrorismo russo-indiana "Indra 2018" vedrà coinvolti 250 'commando' partiti da Vladivostok!

I rapporti Russia-India, cordiali fin dai tempi di Indira Gandhi, continuano a rafforzarsi.
I tentativi Trumpo-Bannoniani di mettere Nuova Delhi contro l'Asse Eurasiatico russo-cinese, possono essere archiviati nella spazzatura.

La maggior parte dei militari russi, che prenderanno parte ad un esercizio russo-indiano, Indra-2018, ha lasciato l'Estremo Oriente russo venerdì, ha riferito il servizio stampa della flotta russa del Pacifico.

La manovra antiterrorismo russo-indiana "Indra 2018" avrà luogo tra il 18 e il 28 novembre
Due aerei da trasporto militari Il-76 con a bordo 250 militari hanno preso il volo dalla città russa dell'Estremo Oriente di Vladivostok.

Tutto il Medio Oriente (e in particolare Iran, Siria, Hezbollah) ride e sghignazza di fronte all'ennesimo fallimento dello 'scolapasta' sionista...Iron Dome!


Tra crescenti tensioni tra israhell e numerose fazioni militanti palestinesi, il territorio dell'occupazione sionista è stato oggetto dell’attacco da parte di 300 missili che hanno colpito ripetutamente i suoi insediamenti illegali.

Un missile anticarro armato palestinese (probabilmente un 'Kornet' russo) colpiva un pullman militare dell'occupazione, ferendo un soldato, mentre i maggiori attacchi coi razzi provocavano vari feriti. La natura estremamente primitiva delle capacità missilistiche palestinesi, paragonate a fuochi d’artificio potenziati da alcuni analisti, ne limita seriamente l’efficacia, mancando di carico utile e accuratezza, essi non hanno un impatto considerevole, anche se usati in grandi quantità.

L'Irak, che ha rifiutato di piegarsi agli 'ukase' di Trump, mira a espandere ed approfondire i legami commerciali con l'Iran!

Il Presidente irakeno Barham Salih dice di essere venuto in Iran con "un chiaro messaggio" per rafforzare ulteriormente i legami bilaterali, giorni dopo che Bagdad ha respinto una scadenza USA per fermare l'importazione di gas iraniano sotto nuove sanzioni americane.

Salih è arrivato a Teheran sabato a capo di una delegazione, ricevendo un'accoglienza ufficiale dal presidente Hassan Rouhani che ha affermato che i due vicini possono incrementare il commercio bilaterale annuale a $ 20 miliardi dall'attuale livello di $ 12 miliardi.

SONO 270MILA I RIFUGIATI SIRIANI RIENTRATI IN PATRIA!!! SCORNO E ROSICAMENTO IN OCCIDENTE!!!


Le forze armate russe dicono che circa 270.000 rifugiati siriani sono tornati a casa negli ultimi mesi, circa sette anni dopo che diversi eserciti mercenari hanno tentato, fallendo, di distruggere il paese arabo.

Il capo del Centro di Gestione della difesa nazionale russa, Colonnello Mikhail Mizintsev, ha annunciato la notizia in una conferenza stampa venerdì, aggiungendo che circa 6.000 persone sono tornate nel paese arabo solo nell'ultima settimana, secondo i dati raccolti da Mosca.

Inaugurata vicino Damasco la prima centrale fotovoltaica in grado di fornire elettricità a cinquecento isolati!

Un importante passo nella ricostruzione della Siria, in cui non é difficile vedere il contributo della tecnologia iraniana o cinese.

Qisweh, nei dintorni di Damasco, ha visto oggi l'inaugurazione della centrale fotovoltaica che rappresenta il punto d'ingresso della Repubblica Araba Siriana nel settore delle energie rinnovabili.

Ogni anno l'impianto di Qisweh, costato circa 2 milioni di dollari, potrà produrre 1 milione e mezzo di Kw, ma presto riceverà un potenziamento che porterà il suo 'output' a 2 milioni di Kw.

venerdì 16 novembre 2018

Altro che Dugin (e Bannon dietro di lui!) Russia e Cina sempre più legate da uno "Speciale Partenariato Strategico!"

Post speciale dedicato, con virili lazzi e pernacchie, a coloro che si definistono "eurasiatici", però sono 'anticinesi' per anticomunismo o razzismo. Non avete proprio capito un cazzo!

Il Primo Ministro cinese Li Keqiang e il Presidente russo Vladimir Putin hanno applaudito all'espansione dei legami reciproci dopo aver incontrato a margine del vertice dell'Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) a Singapore.
"Grazie agli sforzi dei nostri governi, i legami commerciali ed economici si stanno sviluppando a un ritmo notevole e impressionante, creando una buona base per il nostro speciale partenariato strategico", ha detto Putin, ha riferito la tv.

La potenza di fuoco dei lanciarazzi multipli "Golan" si rivela decisiva nel teatro operativo della 'Mordor Siriana'!


Sono state rilasciate informazioni da fonti sul campo riguardanti un attacco dell'Esercito siriano contro i militanti dell'ISIS nella regione di Al-Safa, la famigerata 'Mordor Siriana'.

Secondo il rapporto, l'esercito siriano è riuscito a spingere i combattenti dell'ISIS indietro di circa 1,5 chilometri nell'area del cimitero Sheikh Hussain di Al-Safa.

Le forze siriane sono state in grado di avanzare dopo aver rotto le linee del gruppo terrorista con pesanti bombardamenti da carri armati, obici e razzi Golan.

Come arma prodotta localmente, con l'aiuto dei tecnici di Hezbollah, l'Esercito Siriano schiera diversi modelli del sistema "Golan" - il più grande dei quali (il modello 1000) offre una resa paragonabile a una bomba convenzionale da 250 Kg.

Il sistema Golan è usato in attacchi di bombardamento di massa volti a saturare le difese nemiche; il caratteristico stridio degli spari delle munizioni ha portato ad essere soprannominato il "razzo elefantino".

Ecco un video delle operazioni anti-ISIS nella zona di Al-Safa: