venerdì 17 maggio 2019

La centrale elettrica di Tishreen verrà completata dalla compagnia indiana che la stava costruendo!

La compagnia indiana Bharat riprenderà i lavori per completare il progetto della centrale elettrica Tishreen, secondo il ministro del ramo Mohamed Zuhair Kharbutli.

I lavori nell'installazione sono stati interrotti a causa della guerra terroristica imposta al paese, ma ora che da molti mesi la zona é libera da ogni presenza takfira, i lavori saranno riavviati a partire dal prossimo giugno, ha detto.

La riconquista delle infrastrutture fondamentali, da quelle energetiche e dei trasporti, fino alle fonti di materie prime é il segno del trionfo siriano contro i tentativi takfiri di distruggere il Paese per conto di Usa e israhell, i cui piani di smembramento della Siria sono completamente naufragati.



"La decisione è stata presa per restituire gli esperti indiani in Siria per continuare a lavorare su questo progetto, che aggiungerà un valore aggiunto al sistema elettrico nazionale", ha spiegato.

Il ministro ha rivelato che il periodo di implementazione del progetto è di 29 mesi per il gruppo di prima generazione e di 34 mesi per il secondo gruppo, e ha un costo di 305 milioni di euro in totale.

In tal senso, una delegazione della società indiana ha tenuto riunioni e dettagli coordinati secondo Akilco Mar, il direttore esecutivo della società.

2 commenti:

  1. Fantastica notizia, ricordo che molti mesi fa qualche scemo opinasse che Tishreen fosse stata ripresa dalle invincibili colonne dell'Esercito del Grande Assad!

    RispondiElimina
  2. https://www.ilprimatonazionale.it/esteri/siria-consiglio-unione-europea-sanzioni-embargo-terrorismo-118485/

    RispondiElimina