venerdì 26 agosto 2016

Quasi 3000 uomini della 4a Divisione Meccanizzata si libereranno dalla zona di Daraya!

Una intera brigata della 4a Divisione Meccanizzata dell'Esercito Arabo Siriano, unitamente ad altre formazioni altamente specializzate, sarà in grado, in seguito all'accordo raggiunto per la resa dei terroristi che ancora occupavano Daraya, di venire liberata e rischierata su altri fronti, fornendo il proprio inestimabile contributo di perizia nei combattimenti urbani alla causa delle armi governative.

Stiamo parlando di 2800-3000 uomini, una cifra che é completamente in linea con il numero di takfiri che si nascondevano tra le macerie della cittadina del Rif Dimashq, calcolato intorno al migliaio.

Chiunque conosca un minimo di tattica e tecnica militare sa benissimo che per affrontare un nemico schierato a difesa su un terreno minimamente preparato serve una superiorità numerica di 3 o 4 a 1, se poi si parla di terreno urbano questa deve venire aumentata ulteriormente, a 5, 6 o persino sette a uno, specie quando gli edifici dell'area urbana si trasformano in macerie, ancora più difficili e insidiose da affrontare per gli attaccanti.


Gli 'alleati' lo impararono a proprie spese a Monte Cassino quando, in seguito alla completa distruzione dell'Abazzia tramite bombardamenti aerei un pugno di Fallschirmjaeger germanici, sfruttando ogni buca e ogni mucchio di calcinacci come una fortificazione, bloccarono per mesi una forza attaccante ciclopicamente più numerosa.

Tra soldati della 4a meccanizzata, altri specialisti di guerra urbana, miliziani popolari dell'NDF e volontari delle Brigate Baath, i Siriani impiegavano giusto sei o sette dei loro uomini contro ogni terrorista schierato a Daraya; naturalmente non é possibile ricollocare tutte queste forze, visto che una parte di esse dovranno comunque pattugliare la zona liberata, bonificarla da mine e trappole esplosive e così via.

Ma già i veterani della Divisione di Maher Assad saranno un'utilissima aggiunta, magari sul fronte di Aleppo oppure per ridurre una volta per tutte la sacca che si trova ancora sul territorio di Homs/Hama.

23 commenti:

  1. Dr. Kahani, qualche sito parla addirittura di spostare battaglioni della Guardia Repubblicana da Damasco ad Aleppo, le risulta? non sarebbe comunque prematuro se, come sembra, è in preparazione un'altra ondata di terroristi wahabiti addestrati dagli inglesi, dalle frontiere meridionali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 7000 takfiri sono stati addestrati dagli inglesi in Giordania http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-_larabia_Saudita_Invier%C3%A0_7000_Terroristi_In_Siria_/82_16858/

      Elimina
  2. MOLTO BENE! AVANTI I PROSSIMI DA SISTEMARE..

    RispondiElimina
  3. Povera Siria !!! ci eravamo illusi che i russi avrebbero salvaguardato la sua integrità territoriale ed aerea ed ora ci troviamo gli F16 e carri armati turchi che invadono impunemente la Siria mettendo in gran pericolo Aleppo. Ora purtroppo si è permesso alla Nato di entrare ufficialmente e facilmente in Siria dopo tanti anni di inibizione. Per non parlare poi dei famosi aiuti cinesi che stiamo aspettando dall'ottobre 2015 !!!
    White Wolf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alternative?

      Elimina
    2. C'è evidentemente un accordo segreto tra Turchia e Russia/Siria, per permettere ai primi di creare (fino a quando?) il famoso corridoio anti-Curdi, che chiedevano da tempo.
      Il punto è capire cosa ha ottenuto la Siria IN CAMBIO. Il ritiro dei "ribelli" dalla zona di Idlib o di Aleppo? Un aiuto di intelligence contro i terroristi (essendo armati/organizzati da loro, non sarebbe difficile), che ne sveli posizioni e piani? Persa la guerra, la Turchia a questo punto ha più interesse a che i jihadisti siano sterminati piuttosto che ritrovarseli di ritorno sul proprio territorio.

      Elimina
    3. anche i lupi bianchi ogni tanto dicono delle cose sensate! Condivido! TR3

      Elimina
  4. Oltre che a permettere la pacificazione di intere aree la riconquista di queste sacche è importante proprio perché permette l'utilizzo in altri scenari di importanti risorse militari.

    RispondiElimina
  5. Curdi e Turchi ora si combattono tra loro mentre Saa e alleati continuano a combattere i jihadisti se i turchi tenteranno di mettersi in pianta stabile in Siria Saa e alleati li scacceranno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo le cose non stanno così:Kerry ha fatto pacificamente ritirare i Curdi al di là dell'Eufrate e i militanti dell'Isis sloggiati o meglio trasformati in FSA
      In questa fase gli USA hanno il pieno comando e controllo della situazione e stanno creando una no fly zone a nord della Siria.
      http://sputniknews.com/middleeast/20160825
      /1044620123/syrian-kurds-retreating-
      euphrates.html
      White Wolf

      Elimina
  6. una fonte dice che non è vero che gli usa, al di là delle dichiarazioni ufficiali, diano supporto aereo ai turki, non ne avrebbero nemmeno bisogno, https://twitter.com/SamTamiz/status/769101048288010240
    la cosa certa è che hanno tradito i kurdi e avvisati per tempo i barbuti dell'isis che se la sono svignata senza perdite, tanto per dire sulla guerra dell'occidente a daesh, che avrebbe dell'assurdo dato che sono al servizio delle mire egemoniche occidentali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi meraviglierei se fossero stati gli stessi turchi ad avvertire l'ISIS.

      Elimina
    2. subito smentito ! http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-il_vice_presidente_degli_usa_john_biden_ammette_che_c_stata_copertura_aerea_nordamericana_allinvasione_turca_in_siria/82_16896/
      White Wolf

      Elimina
    3. bidè ha parlato ieri, i documenti dell'usaf sono trapelati oggi e non presentano alcun piano di volo relativo a quanto affermato da bidè.

      Elimina
  7. Pare che i terroristi al servizio dell'aggessione occidentale al Popolo Syriano abbiano dichiarato la resa anche a Mo’adhimiyah, il sud di Damasco sarebbe così derattizzato!

    RispondiElimina
  8. quei "fighetti" dei cinesi dopo mesi e mesi (dall'ottobre 2015) di promesse di aiuti militari alla Siria invece di mandare brigate d'assalto si limiteranno a "formare" medici militari siriani ! Siamo a posto ! Poveri siriani ! Grande è il loro valore nonostante le avversità internazionali !
    http://parstoday.com/it/news/world-i38041-siria_cina_addestreremo_i_medici_dell'esercito_di_damasco
    White Wolf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i Cinesi forniscono aiuti alla Popolazione Syriana da anni, come i farmaci o beni alimentari, e anche aiuti militari quali, ad esempio, munizionamenti avanzati per l'artiglieria.

      Elimina
    2. Con il nostro, occidentale, schifoso embargo medicine e dottori sono importanti piu' delle armi. La popolazione civile deve essere tutelata. I tagliagole pensano solo a distruggere il governo siriano ha la popolazione da proteggere e uno stato da mantenere vivo oltre che combattere.

      Elimina
    3. Carissimi i cinesi si erano presi l'impegno di sterminare sul campo siriano tutti i 5000 terroristi uiguri ma forse non lo ricordate.
      "Verba volant..." Dopo 1 anno arrivano coi pannicelli caldi , già i russi stanno ampiamente supportando da tempo la popolazione civile e le emergenze mediche !
      White Wolf

      Elimina
    4. Si hai ragione io di queste affermazioni cinesi cosi' pesanti non ne so niente, confermo pero' quanto ho scritto prima sul fatto che la Siria non ha bisogno solo di armi e che l'embargo e' una cosa schifosa pari al supporto militare ai tagliagole.

      Elimina
  9. Sospetto confermato ! I curdi dichiarano che i turchi hanno fatto tagliare e barbe a quelli dell'Isis e li hanno trasformati in ribelli FSA a Jarablus !!!
    http://sputniknews.com/politics/20160827/1044690114/kurds-turkey-operation-syria.html
    White Wolf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loro lo sanno bene come funziona, usano entrambi gli stessi giochetti.

      Elimina
  10. Al netto di ogni pregiudizio e ipocrisia e concordando con l'autore del post sul fatto che chi attacca e cerca di stanare il nemico è in condizioni peggiori del difensore, bisogna saper riconoscere che la tattica russa non si discosta mai da queste soluzioni.
    Così è stato per Debaltseve, 8000 tra mercenari e ukropi in caldaia, per l'aeroporto di Donetsk e così sarà anche per Aleppo, quando sarà il momento.
    George

    RispondiElimina