sabato 3 settembre 2016

Convoglio di terroristi distrutto dai jet siriani in Provincia di Quneitra!

Nella notte tra giovedì e venerdì é stato confermato da un recente comunicato del comando dell'Aviazione Siriana che jet di Damasco hanno sorpreso allo scoperto un lungo convoglio di automezzi takfiri, che é stato bersagliato a più riprese e completamente distrutto.

Il bombardamento, che ha visto l'impiego di munizioni di precisione adatte per l'uso notturno ha avuto luogo sul confine tra la Provincia di Quneitra e quella di Daraa dove i mezzi dei terroristi cercavano di entrare.

Probabilmente l'attacco é collegato con le ultime iniziative militari prese della 5a Divisione Corazzata schierata intorno alla città di Daraa; evidentemente il convoglio consisteva di rinforzi e rifornimenti per le postazioni dell'FSA recentemente attaccate a Ibtaa e dintorni.

L'Esercito Siriano aveva provato ad accordarsi coi terroristi dell'FSA, queste operazioni militari indicano che evidentemente i comandi di Damasco hanno perso la pazienza e vogliono forzare una soluzione nell'area.

7 commenti:

  1. Quindi anche l'aviazione di Damasco può colpire in notturna? avevo sempre letto che le missioni notturne venivano portate avanti dai Russi. Diego.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stanno ricevendo aerei predisposti per azioni ogni tempo dalla Russia e aggiornamenti per quelli già in possesso.

      Elimina
    2. Grazie Gianus :-)

      Elimina
    3. Dovrebbe aver ammodernato i seguenti aerei:
      64 MiG-23-98, 21 Su-24M2, 24 MiG-29M2-SMT e credo anche i Su-22 ? aggiornati dagli Iraniani funzionano di notte però non so.
      Wa

      Elimina
    4. Immagino di si visto che in foto c'è un Su-22

      Elimina
  2. L'aviazione Siriana ha subito drastici miglioramenti, inerenti la qualità e le capacità dei mezzi aerei, dei piloti e del personale di terra. Ora, hanno capacità operative ognitempo e nottetempo, hanno ricevuto numerosi aerei nuovi dalla Russia, e ancor più numerosi sono stati gli aerei Siriani spediti in Russia per manuntenzioni estese (nuovi motori, aggiornamenti della cellula, nuova avionica di bordo, apparati radar, sistemi d'arma, e ECM) e aggiornamenti vari. Anche le forze di terra corazzate hanno ricevuto nuovi mezzi tra cui carri armati e blindati trasporto truppe, e, importantissimo, numerosi kit di sistemi optronici Russi di difesa attiva contro i missili anticarro (le cui copiose forniture da parte degli infami sponsor esteri del terrorismo in Siria, aveva nei primi anni causato notevoli perdite di mezzi all'Esercito Siriano) Shtora-1. Lo Shotra-1 si è rivelato un sistema di difesa davvero notevole ed efficace, specificatamente progettato e costruito per la difesa contro i missili anticarro, in modo particolare il Tow americano. Alcuni battaglioni dell’85.ma Brigata meccanizzata dell'Esercito Siriano ne sono dotati, oltre ad altre unità. La Russia cominciò a fornirne quantità notevoli circa dalla fine di ottobre 2015.

    Ah proposito l'Iran il 31 agosto scorso, ha comunicato tramite il generale di brigata Farzad Esmaili, comandante di una delle più importanti (se non la più importante) basi della difesa aerea Iraniana, la modernissima base Khatam al-Anbiya, che il sistema radar a lungo raggio Nazir, di produzione totalmente iraniana è diventato pienamente operativo. Il Nazir ha un raggio di rilevamento di circa 800 km, fino a quote di circa 30000 metri, e oltre a rilevare aerei, elicotteri, droni, e missili balistici e da crociera, sarebbe in grado di rilevare e tracciare anche velivoli stealth.

    Complimentissimi a tecnici, scienziati e ingegnieri Iraniani, che non deludono mai.



    RispondiElimina
  3. L'azione, fatta praticamente sotto il naso degli Israeliani, VALE DOPPIO, é fatta all'interno della BOLLA RUSSA ANTI AEREA A PIU' STRATI.
    Bravi ragazzi gli aviatori Siriani, poi parlano tutti russo e diversi hanno DONNE RUSSE come mogli, favolosi in prospettiva i figli!
    Ivan Demarco Orlov

    RispondiElimina