lunedì 2 ottobre 2017

Il Generale Hulusi Akar arriva a Teheran per coordinare con la Repubblica Islamica le iniziative contro il criminale Barzani!

Hulusi Akar, Capo di Stato Maggiore dell'Esercito turco é giunto stamane all'Aeroporto di Mehrabad dove é stato ricevuto in pompa magna dal collega iraniano Mohammad Hossein Bagheri.

Akar sta ricambiando una visita fatta da Bagheri in Turchia poche settimane fa.

Questo scambio di visite segnala un "rapprochemént" tra le forze armate turche e iraniane che é stato molto accelerato dalle recenti iniziative pseudo-secessioniste del criminale Barzani in Irak.

Oltre al Governo di Bagdad né Turchia né Iran hanno intenzione di veder sorgere un 'israele curdo', burattino di Tel Aviv, sui loro confini.



Fortunatamente le iniziative tempestivamente messe in atto da Irak (che ha mobilitato l'Esercito e cancellato ogni volo internazionale sulla regione interessata), dall'Iran (che ha spostato armi e personale sul confine) e dalla Turchia (che col consenso irakeno ha bombardato basi e installazioni dei terroristi curdi in Irak) sembrano avere evitato ogni possibile 'colpo di mano' da parte di Barzani e del suo 'clan' di contrabbandieri e mafiosi.


8 commenti:

  1. Che dire............la Russia e l'Iran hanno conquistato la Turchia senza sparare un colpo.
    Le vittorie migliori sono quelle che si conquistano senza combattere. Sun Tzu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo e rileggo quel libro mi ha aperto la mente

      Elimina
  2. 20 milioni di curdi contrabbandieri e mafosi?Che Iran,Siria,Irak e Turchia non vogliano il Kurdistan,non è una novità,sono anni che lo dicono a chiare lettere.
    Ho letto tempo fà che Barzani prevedeva già di dover andare a Bagdad a trattare,quindi è ora di far muovere la politica,invece che le armi!
    Se c'è modo di trovare una soluzione pacifica,verrà fuori!
    Ma Barzani non è il solo a doverlo fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I curdi sono feccia e lo sono sempre stati

      Elimina
    2. Il problema di fondo di tutta questa faccenda della autonomia e/o seccessione curda e' proprio che chi la avvalora ha evidenti scopi di utilizzazione politica per usarela come base per continuare guerre e terrorismo...Ameericani e sionisti sono i principali sostenitori perche' vogliono avere una base ottima per poter controllare quell'area a loro piacimento e continuare a destabilizzare ilo medio oriente.
      E' graqve che i curdi si prestico a questi giochi che tra la;tro li coinvolgerebbero in successive guerre da cui ne uscirebbero a pezzi.
      Fare i burattini di americani e sionisti costa caro e ci perdi sempre.
      Bryan Wallace

      Elimina
  3. ci mancherebbe solo la nascita di una seconda entità sionista !!!

    RispondiElimina
  4. Se ne si ha la possibiltà, è bene ucciderli da piccoli gli infami.

    RispondiElimina
  5. Comunque ora si ritrovano accerchiati per cui dovranno trattare se non ora piu tardi e a peggior condizioni,a meno che (cosa piu probabile)non ci sia qualcuno che li comanda che li fomenta con la promessa di ritirarsi in pensione negli USA, per me andrebbero martellati ora e senza pietà in modo da soffocarli subito e non allungare troppo le cose

    RispondiElimina