lunedì 12 agosto 2019

La Siria a grandi passi ricostruisce le sue infrastrutture, col prezioso aiuto cinese, russo, iraniano!

Un grafico che non avrebbe bisogno di alcun commento, da quanto é chiaro e cristallino.

Esattamente al contrario di quanto speravano gli imperialisti angloamerican-sionisti la Repubblica Araba di Siria sta riattivando la propria infrastruttura civile ed economica a un ritmo elevatissimo.

Come mostra l'immagine, solo nel corso dell'ultimo anno ben 14312 strutture industriali, 2561 edifici d'abitazione, 637 sottostazioni elettriche, 198 panifici industriali, 138 strutture idriche, 164 ospedali e ben 856 scuole e strutture educative sono state ricostruite e riattivate!

Sempre oggi ho letto un comunicato in cui si dichiarava che in questi ultimi otto anni, con il Paese in guerra per la sua stessa sopravvivenza, tutti gli impiegati statali e parastatali hanno ricevuto i loro stipendi con regolarità e puntualità!

Questo per dimostrare, ulteriormente, la leggendaria efficienza siriana!




5 commenti:

  1. Sono rimasto senza parole, semplicemente grandiosi, immagino i rospi che devono ingoiare i sion-nazi nel constatare la loro sconfitta, le perdite in denaro e mezzi impiegati per portare a casa una tale sonora sconfitta.

    RispondiElimina
  2. Finalmente il genere di notizie che volevo, dopo tante morti e distruzioni.
    Pubblicatene ancora: in particolare sulla ricostruzione a Homs e Damasco.
    Grazie.

    RispondiElimina
  3. Gli amerision hanno sbagliato tutto,enormi spese per finanziare centinaia di sigle più o meno credibili,centinaia di migliaia di morti,enormi devastazioni,ma non hanno ottenuto ciò che volevano,non si sono accorti che avevano la soluzione per i loro problemi a portata di mano,con pochi spiccioli avrebbero arruolato un pugno di politici italiani bilderbergheriani cattosinistri e costoro in un paio di anni al massimo avrebbero annientato il paese in modo tale che nemmeno dopo secoli si sarebbe ripreso.
    Dimenticavo,gli orfani con il contributo di alcuni psicoterapeuti Torinesi sarebbero finiti in zona Emilia e affidati a coppie lgbt e bunanotte al secchio(per la serie orrori di casa nostra).
    Bam Bam

    RispondiElimina
  4. Parlaci anche delle recenti riconquiste territoriali e della recente decisioni di passara ai governativi, da parte di alcuni villaggi occupati dalla curdaglia. Ci vuole un aggiornamento da parte della cartina della Siria, tanti seguono soltanto te e non conoscono le altre fonti straniere. Del resto sei l'unico italiano che se ne occupa.

    RispondiElimina