martedì 15 novembre 2016

Le "terribili milizie sciite" in Irak salvano TRECENTO famiglie sunnite dalle grinfie vendicative dell'ISIS!

"Le terribili milizie sciite",

così le ho sentite definire qualche giorno fa sul tg-spazzatura de "La7", ovviamente diretto dal "riccioluto" e "seipuntuto" Enrico Mentana.

Evidentemente i sionisti ritengono "terribili" coloro che si sono mobilitati a inizio estate 2014 per arrestare la marcia dell'ISIS verso Bagdad, che avrebbe potuto spaccare il paese (come del resto desiderato nei piani strategici dello Stato Maggiore di Tel Aviv), o addirittura raggiungere Najaf, il che avrebbe dato il via al massacro sistematico degli Sciiti irakeni.

Io non so voi, ma non ho mai visto video di "terribili miliziani sciiti" che davano fuoco a prigionieri, che li annegavano, che li schiacciavano coi cingoli di un carro armato; se il presunto 'Stato Islamico' riteneva tali attività tanto meritorie da venire immortalate e video-diffuse e le "terribili" Hashd al-Shaabi no, qualcosa vorrà pur dire, no?



Io non ho mai visto video di "terribili miliziani sciiti" che distruggevano vestigia archeologiche, o chiese cristiane, o moschee sunnite, anzi, ho prove provate dell'esatto contrario; e, se anche tra le milizie sciite gira un pittoresco personaggio nominatosi Abu Azrael che brandisce coltelli o accette, non abbiamo nessuna prova di lui che li usi direttamente, tantomeno su persone non in grado di difendersi.

In tempo di guerra, lo sappiamo benissimo, anche un po' di truculenza goliardica, serve a fare morale, a confortare l'animo di coloro che ogni giorno, ogni ora mettono in pericolo le loro vite sulla linea del fuoco.

Anzi, finora a quanto mi risulta le "terribili milizie sciite" hanno dato un grande contributo alla liberazione di Ninive e di Mosul, consentendo a forze governative (Esercito Irakeno e Forze Antiterrorismo) di concentrarsi sulla città, mentre loro avvolgevano i dintorni e bloccavano le vie di fuga.

In queste ore le "terribili milizie sciite" hanno liberato non meno di trecento famiglie, tutte sunnite, nei dintorni del villaggio di Al-Nazareh, ad Ovest di Mosul, avanzando in direzione di Tal Afar. Trecento famiglie sunnite che si sono salvate dai saccheggi, dagli incendi, dalle ultime enormità dei takfiri del Daash in ritirata, che possono rimanere sicure nelle loro case.

Grazie ai "terribili miliziani sciiti"!

5 commenti:

  1. i nostri telegiornali andrebbero aboliti

    RispondiElimina
  2. Come Hezbollah che ha partecipato alla liberazione del villaggio cristiano di Ma'lula in Siria ...

    Per quanto riguarda Mentana, teniamo conto che non è il peggiore in assoluto, fra i giornalisti prezzolati. Troviamo anche i Rondolino (Fabrizio), i quali affermano, dopo la vittoria di Trump negli Usa che "il suffragio universale comincia a rappresentare un serio pericolo per la [sedicente, n.d.s.] civiltà occidentale]. Oppure i filo-sionisti come Travaglio. E ho detto tutto ...

    RispondiElimina
  3. Al povero Renzi non gliene va bene una.sul referendum ha fatto incazzare gli irascibili sionisti italiani.E pensare che almeno stavolta c'aveva pure ragione...
    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-nessuna_gaffe_su_gerusalemme_renzi_da_fedele_servitore_di_israele_a_involontario_servitore_della_verit/82_17854/

    RispondiElimina
  4. Prossimo anno rosoboronexport ha un affare di 10 miliardi con Iran. Con ammodernamento dell'esercito terrestre.

    RispondiElimina
  5. La lista delle merde sioniste del "bel Paese" é molto lunga!

    RispondiElimina