martedì 30 gennaio 2018

Dalla base irakena di Taiji viene seccamente smentito il "blocco" alla manutenzione degli Abrams da parte dei tecnici americani!

In seguito alla notizia (ripresa anche su queste pagine) riguardante la presunta interruzione degli interventi di riparazione e manutenzione sui carri armati M1 Abrams da parte del personale della General Dynamics (apparentemente per la cessione alle milizie popolari volontarie di una parte della 'flotta' del pesantissimo, ingombrante, dispendioso corazzato, vorace di carburante e incapace di affrontare la maggior parte dei terreni mesopotamici) gli ufficiali della base di Taiji dell'Esercito Irakeno hanno rilasciato la seguente dichiarazione:



"Tali affermazioni sono destituite di ogni fondamento, la riparazione e la manutenzione dei carri armati Abrams nel nostro deposito continua normalmente coinvolgendo tutti gli ingegneri e i tecnici a essa preposti, senza interruzioni o blocchi di alcun tipo; attualmente molti carri di quel modello stanno venendo aggiornati con visori 'Leonardo DRS'".

(Leonardo DRS é una 'screened company' di "Leonardo SpA", cioé di Finmeccanica).

Da dati recentemente circolati di 140 carri Abrams in forza all'Esercito Irakeno appena 60 sarebbero attualmente operativi.

1 commento:

  1. Sono pressioni per convincere gli irakeni a comprare altri ferrivecchi ??

    RispondiElimina