sabato 4 novembre 2017

Questo generale irakeno che sorrideva agli yankee ora non sorride più, é stato condannato a morte per aver abbandonato Mosul nel 2014!

Ammiccava e sorrideva al Colonnello McKenQualcosa il Generale della Polizia Federale irakena Mahdi al-Gharawi, evidentemente era "in buona" con gli invasori e occupanti del suo paese, chissà se si erano promessi 'qualcosa'.

Chissà, gli Stati Uniti, si sa, sono molto abili nel 'piazzare' le proprie pedine nei posti strategici, specie quando occupano un paese piegato e sconfitto e, fino al 2011, hanno occupato l'Irak come occupano la Germania, l'Italia, il Giappone o la Peggior Korea (quella del Sud, dove le pensionate al minimo vanno a prostituirsi nei parchi con clienti pari età ma un po' più "in grana").



E il General Al-Gharawi al "momento giusto", quando l'ISIS attaccò Mosul e stava per essere respinto (le forze irakene governative avevano infatti riconquistato parecchi quartieri della città e col controllo dell'aeroporto essa avrebbe potuto resistere indefinitamente), al momento 'opportuno', si squagliò, se la diede a gambe lasciando senza coordinamento e senza guida gli uomini coraggiosi che si opponevano ai takfiri.

Per questo motivo una corte irakena, dopo averne lungamente vagliato addebiti e tentativi di discolpa, lo ha condannato, a morte, mediante plotone di esecuzione.

Insieme al Tenente Generale Mahdi Gharrawhi, Comandante della regione militare di Ninive erano stati accusati a loro volta di fughe 'sospette' anche il Tenente Generale Abboud Qambar, Comandante delle Operazioni Unificate e il Generale Ali Ghaidan, Comandante delle Operazioni di Terra.


3 commenti:

  1. Giusta mercede per i disertori.

    RispondiElimina
  2. I conti si fanno alla fine e ora questo traditore riceve per cio' che ha dato e ha fatto... Uno cosi non dovrebbe essere un generale e neanche un soldato semplice, uno che abbandona i suoi soldati alla marmaglia takfira deve pagare il conto dei morti che ha determinato... Un essere senza dignita' ..i giapponesi quando fallivano non scappavano ma si suicidavano per la vergogna e per difendere l'onore ...questo animale e gente come lui non ha alcuna dignita' .. Faccia di merda

    RispondiElimina
  3. Mi ha ricordato la storia di un conoscente carabiniere a cavallo che durante la 2GM era di guardia ai Savoia ,quando in una notte zitti zitti i reali e Generali se la filarono da Roma lasciando le truppe allo sbaraglio , sti zozzoni disonorano le divise che portano ,manderebbero in guerra donne e vecchi pur di salvarsi la pellaccia zozza che c'hanno, giusta sorte per gente come lui

    RispondiElimina