lunedì 9 aprile 2018

Testimonianze fotografiche confermano che la base aerea di Tiyas non ha riportato alcun danno dall'attacco sionista!

Da ore i soliti spacciatori di panzane, i consueti "finti amici della Siria" parlano di ingenti danni alla base aerea di Tiyas, di dozzine di morti, di interi hangar di "droni iraniani armati" andati distrutti.

E come al solito, come abbiamo dimostrato più volte su queste pagine, mentono con ogni parola che dicono e che scrivono.


Le foto che vedete sono state scattate stamane.
Si vedono Su-24 e MiG-29 siriani che stazionano tranquillamente all'aperto o che decollano per le loro missioni di routine.

Gli HAS rinforzati non mostrano crateri o bruciature.
Tutto normale, tutto tranquillo, come é ovvio in una base che ha visto ieri notte tre missili aria-terra schiantarsi al suolo ben al di là del suo perimetro occidentale.
Peraltro é anche confermato che gli F-15 Strike Eagle dell'aeronautica sionista che hanno compiuto l'attacco hanno sparato gli otto missili dallo spazio aereo libanese (altrimenti avrebbero fatto la fine dell'F-16 "piccionato" recentemente dai SAM di Damasco).

10 commenti:

  1. Sanno solo abbaiare i sionisti, anzi direi squittire per i ratti che sono, prima di abbaiare dovrebbero almeno diventare grandi come i cani.

    RispondiElimina
  2. Al Manar stamattina nei titoli su sito ancora visibile parla di Tiyaas elencando 15 martiri e 5 feriti ma la traduzione in italiano e' poco chiara non si capisce la fonte. Solo il fantomatico osservatorio siriano a londra parla di 14 morti di cui 2 iraniani ma non fornisce fonti ne tanto meno foto o video di vittime-

    RispondiElimina
  3. Ma hamas non sono in Libano?
    Perchè non viene chiuso lo spazio aereo libanese agli iSraelian?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hamas in Libano?? No... veramente Hezbollah è in Libano, Hamas è nella Striscia di Gaza. Lo spazio aereo libanese non può attualmente essere chiuso, perchè il Paese non dispone di un aeronautica seria, ed è quasi del tutto sprovvisto di radar e sistemi antiaerei.

      Elimina
  4. Hector Hammond9 aprile 2018 20:03

    Non vedendo quello che temevo mi sento meglio.Per fortuna non è la strage che temevo .

    RispondiElimina
  5. qualcosa di grosso bolle in pentola, nella base di decimomannu , ho visto esercitarsi aerei che non avevo visto nemmeno durante l'aggressione alla Libia,in particolare un osprey ed un cacciabombardiere che non conosco, aveva in particolare due motori sotto le ali. pietro

    RispondiElimina
  6. Temo che fra poco non cercheranno più pretesti e false flag per nascondere la volontà di guerra e di aggressione che hanno... Vogliono la guerra e la vogliono costi quel che costi... E questo significa che dall'altra parte devono sostenerla e vincerla... A chi ti attacca non si risponde alzando le mani in segno di resa... Non sarà questo a salvarti.

    RispondiElimina
  7. Nuovo attacco americano in vista,media di regime tutti attivati per farlo passare come inevitabile risposta alla crudelta'dell'animale Assad....siamo alle solite,viene da vomitare.

    RispondiElimina
  8. http://blog.ilgiornale.it/sebastianocaputo/2018/04/09/armi-chimiche-ad-orologeria/

    RispondiElimina
  9. K.
    tira aria di provocazioni.
    Tipo Liberty.
    y

    RispondiElimina