venerdì 21 dicembre 2018

Il Generale Soleimani loda il cameratismo e la solidarietà reciproca nelle fila dei "Modafean-e-Haram"!!


Il Generale Qassem Soleimani, comandante della "Niruye Al-Quds" dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (IRGC), parlando di fronte alle famiglie dei martiri tra i 'Modafean-e Haram', i volontari che si sono recati a combattere in Siria e Irak per difendere l'Islam, i luoghi santi e gli oppressi contro i terroristi takfiri sostenuti da USA, Israele e Arabia Saudita ha dichiarato:



"Mi sono recato in guerra quando avevo 19 anni e da quaranta anni sono presente al fronte, ma non ho mai visto scene più belle di quelle di cui sono stato testimone con i 'Modafean-e Haram'."

Quest'uomo sarà ricordato nella Storia come uno dei più grandi strateghi di tutti i tempi ma, noi crediamo, che verrà ricordato anche di più per la sua profonda umanità e "pietas".

4 commenti:

  1. Premesso che non credo in alcun Dio, tantomeno nel dio d'isisraele, la mia è una visione ante-cristiana quando i popoli si riconoscevano nella Sacralità Cosmica, la Religio Romana per intenderci, però provo un'infinita ammirazione e rispetto per quest'Uomo che ha dedicato e dedica ancora la sua Vita alla causa della Giustizia, prescindendo dalla fede di ognuno si è sempre battuto in difesa degli oppressi, ONORE!!!!

    RispondiElimina
  2. Lo sguardo di un Santo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1840 perché ti ostini ad attaccare il dottor Kahani?

      Elimina