venerdì 9 novembre 2018

Sauditi sempre più schifosamente servi di Sion, impediscono a milioni di Palestinesi musulmani di recarsi alla Mecca!


Non esiste schifo e bassezza a cui i wahabiti sionisti Saoud non possano prestarsi per compiacere i loro padroni di Tel Aviv.

L'Arabia Saudita sta impedendo a più di un milione e mezzo di cittadini palestinesi residneti sotto l'occupazione sionista di viaggiare con passaporti giordani per compiere i pellegrinaggi islamici di Hajj e Umra nella città santa della Mecca.

La misura fa parte della nuova politica dell'Arabia Saudita di smettere di rilasciare visti per Hajj e Umrah ai Palestinesi in Giordania, Libano, Gerusalemme Est e, più recentemente, ai Palestinesi che vivono nel regime ebraico, che detengono documenti di viaggio temporanei rilasciati dalla Giordania o dal Libano - un politica entrata in vigore il 12 settembre.



Questa mossa saudita colpisce in totale 2,94 milioni di palestinesi in tutti questi stati, che non hanno accesso a nessun'altra forma di documento di viaggio che consenta loro di recarsi in Arabia Saudita, dove milioni di musulmani viaggiano ogni anno in pellegrinaggio verso le città sante della Mecca e Medina.

Diversi agenti di viaggio interpellati nel regime ebraico, a Gerusalemme Est e Giordania hanno riferito di essere stati informati dal Ministero giordano dell' Awqaf e dagli Affari Islamici che l'ambasciata saudita ad Amman ha detto di non richiedere visti per chiunque voglia recarsi a La Mecca con un temporaneo passaporto giordano.

Una fonte giordana, con una conoscenza interna degli affari diplomatici del suo paese, ha detto che la decisione saudita fa parte di un accordo bilaterale con Tel Aviv per porre fine all '"identità palestinese e al Diritto al Ritorno per i rifugiati".

"L'Arabia Saudita sta facendo pressioni sulla Giordania per naturalizzare i rifugiati palestinesi in Giordania, i Palestinesi a Gerusalemme Est e ora i Palestinesi nel regime ebraico, lo stesso potrebbe accadere in Libano, quindi ci sarebbe più un problema con i profughi palestinesi", ha detto la fonte.

"Fa tutto parte di un accordo bilaterale tra Israele e Arabia Saudita, ma la Giordania si rifiuta di naturalizzare i palestinesi".

I parlamentari giordani hanno detto che la Giordania ha rilasciato documenti di viaggio temporanei fin dal 1978 per i cittadini palestinesi viventi nel regime ebraico,caduti sotto l'occupazione illegale sionista dopo la Nakba del 1948.


16 commenti:

  1. Il regime dei pedofili bevitori di piscio di cammello si sta scavando la fossa, ma gli wahabiti sono troppo scemi per rendersene conto.

    RispondiElimina
  2. Questo è un gravissimo errore strategico.
    Presto si presenterà loro la morte a chieder di conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se purtroppo non li supporta nessuno i palestinesi, come fai a dire ciò? I primi che li hanno abbandonati al loro destino sono i fratelli sunniti.

      Elimina
    2. Purtroppo è vero, i loro fratelli sunniti li usano solo per propaganda ma poi non gliene frega un cazzo a nessuno della loro sorte

      Elimina
    3. L'ultimo é invece sicuramente un commento del cazzo.

      Elimina
  3. sei propio un cretino anonimo delle 21:23,ed oltre che cretino sei anche vigliacco.ben rappresenti i tuoi amici sionisti e bevitori di piscio di cammello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai male interpretato il senso del suo commento

      Elimina
  4. https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-siria_i_curdi_traditi_dagli_stati_uniti/82_26024/

    RispondiElimina
  5. A quando l'apertura di una sinagoga?
    Bam Bam

    RispondiElimina
  6. In risposta all'anonimo 10.54 Gerusalemme è la capitale di Israele e c'è l'ambasciata americana e oltre ai poveri palestinesi non mi sembra che qualcun altro si stracci le vesti, prendi coscienza che è meglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'orrendo regime ebraico ha capitale Tel Aviv.

      Elimina
  7. Gli stati arabi delGolfo, da decenni, importano millioni di lavoratori pakistani, filippini, ecc.Se amassero
    i loro cari amici " palestinesi ", sarebbe un gioco dare a tutti un'impiego che possa permettere una vita decorosa...e istruirli militarmente, indisturbati dai Sionisti, per l'attacco finale.
    Il problema é che i "palestinesi" preferiscono il far niente, godendo la manna gratuita sprecata da ONU e paesi
    OCCIDENTALI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammazzati coglione.

      Elimina
    2. 11:05 il tuo ip é pura coincidenza o malabitudine?

      Elimina
    3. L'elite palestinese, non confondiamo la povera gente con gli squali che li guidano

      Elimina